Proteggere la propria pelle diventa una missione molto importante, soprattutto con l’arrivo dell’estate. Per questo motivo iDoctors ha realizzato un’infografica dal titolo “Sos pelle, i pericoli del sole” in modo da evidenziare i rischi che si corrono quando ci si espone ai raggi solari senza le dovute precauzioni.

Le regole da rispettare quando ci si rilassa sotto il sole non sono poi molte, ma se alcune sono molto conosciute, come evitare di esporsi nelle ore più calde, altre sono meno note, come il prestare attenzione ai farmaci che si stanno assumendo. Quando poi si prendono in considerazione i più piccoli le precauzioni devono essere ancora maggiori, visto che ad esempio la pelle dei neonati non deve essere esposta alla luce diretta fino ai 7 mesi d’età e che la crema protettiva va applicata ogni 2 ore.

Eritemi solari, insolazioni e invecchiamento della pelle sono infatti solo alcuni dei possibili effetti collaterali del sole, per questo motivo è bene tenere sempre sotto controllo la propria pelle. Nell’infografica vengono dunque ricordati alcuni casi in cui è bene rivolgersi all’occhio esperto di un dermatologo: quando si notano cambiamenti nell’aspetto dei nei o l’insorgenza di macchie o noduli.

A rivolgersi ad un dermatologo sono soprattutto le donne (65,5%), mentre i pazienti nel 25% dei casi hanno un’età compresa tra i 30-39 anni, seguita dalla fascia 20-29 e 40-49 entrambe con il 20%. Il costo di una visita specialistica è ben diverso tra Nord e Sud: nel primo caso una visita ha un costo medio di 98€ contro i soli 69€ registrati nel Sud-Italia.

"L’obiettivo di quest’iniziativa è quello di ribadire l’importanza delle prevenzione e far luce sull’esistenza di patologie che possono avere conseguenze anche molto gravi, come il melanoma" spiega lo staff di iDoctors. Questo tumore della pelle, come viene esplicitato nell'infografica, ha fatto registrare oltre 13mila casi nel 2018 e rappresenta il 9% di tutti i tumori giovanili negli uomini e nel 7% delle donne.

Per approfondire tutti i dati e i consigli è possibile consultare l’infografica completa visitando la pagina https://www.idoctors.it/infografica-sos-pelle.

sos_pelle.jpeg

I gioielli comprati o regalati in occasione della nascita di un bambino sono sempre una buona idea. Perché? Perché divengono con il tempo un ricordo concreto e indelebile, perché ci permettono di indossare l’amore e perché, semplicemente, ce ne sono di bellissimi.

Proprio come i nuovi braccialetti nascita Mon Amì, braccialetti con ciondolo in argento 925 che, rispetto a tutti gli altri gioielli nascita che conosciamo e che vediamo ogni giorno, sono ancora più preziosi: già, perché le incisioni che riportano sono bellissime, complete e uniche, personalizzate fino all’ultimo dettaglio!

Mon Amì, il gioiello in argento per ricordare la nascita: da Mon Amì i gioielli in argento con incisioni uniche e personalizzate

Non solo il nome, o un simbolo, o una data: Mon Amì è un braccialetto unico perché sui suoi sottili bordi c’è tutto, ma proprio tutto, per conservare un ricordo indelebile e indimenticabile della nascita dei nostri figli. Attorno a un bebè in argento 925, infatti, sono incise le informazioni più belle, importanti e preziose, quelle relative alla nascita di nostro figlio!

Non solo il nome, quindi, ma anche il peso alla nascita, la data e l’ora in cui è venuto al mondo e l’altezza di quando è nato.

I ricordi più belli vengono così incisi e resi indelebili e concreti, su un gioiello bello da vedere, elegante ma perfetto per essere indossato tutti i giorni. Senza nichel e interamente in argento 925, il bracciale nascita Mon Amì è quindi un dono perfetto che possiamo farci da sole, o che possiamo ricevere dal papà o dai nostri cari, oppure che possiamo regalare alle nostre amiche neomamme appena uscite dall’ospedale.

53bd2e65-7dfc-498e-8de8-d8cd8312a6fb.jpeg

Il bello è che questo bracciale è interamente personalizzabile, e lo si può anche realizzare con doppio medaglione, nel caso di gemelli o di fratellini!

Elegante, leggero, unico, garbato e preziosissimo, per materiale e per emozioni racchiuse: un bracciale nascita che è davvero personale e che durerà per sempre, per portare sempre con noi le informazioni più belle, quelle che abbiamo scolpite nella mente e che ora trovano spazio incise su un oggetto meraviglioso e quotidiano.

Il bracciale nascita Mon Amì (che si trova anche in versione portachiavi nascita) è disponibile su richiesta: contattando Mon Amì, l’azienda di creazioni in argento realizzerà su misura e con le informazioni date da noi il prezioso gioiello con il nome e con le informazioni più dolci, che ci ricorderanno per sempre il momento esatto della nascita del nostro bimbo, da portare sempre con noi con orgoglio, tenerezza e gratitudine! E sulla loro pagina Instagram troverete tutte le creazioni, non solo il bracciale e il portachiavi nascita personalizzabile, ma anche tutte le altre bellissime creazioni e i gioielli più emozionanti, che spaziano dagli anelli alle collane, dai portachiavi ai ciondoli. Tutto, come sempre e naturalmente, personalizzabile fino all’ultimo dettaglio! Scrivi subito allo Staff di mon ami per creare il tuo gioiello personalizzato!

fe6b6d0d-7fb8-42de-811e-378544630df9.jpeg

5 idee di insalata di pesce e cereali

Venerdì, 28 Giugno 2019 14:33

In estate le insalate con i cereali sono una buonissima idea, perché possono essere gustate sia calde che fredde. Una buona idea è anche abbinarle a del pesce, in modo da fare incetta di acidi grassi Omega 3.

Le ricette delle insalate di pesce sono molte e varie e permettono di sbizzarrirsi. Ecco le nostre preferite, quelle adatte a tutta la famiglia, per i pranzi e le cene d’estate, leggere ma gustose.

5 idee di insalata di pesce e cereali: i cereali abbinati al pesce per insalate di pesce e cereali estive davvero gustose e leggere

Riso con trota al vapore

Dopo aver cotto al vapore per una ventina di minuti due filetti di trota salmonata pulita, cuociamo in acqua bollente per venti minuti del riso integrale. Scoliamolo e uniamo ad esso, in una ciotola, la trota spezzettata, dei pisellini primavera, del prezzemolo, olio e sale, spremendo poi il succo di un limone e mescolando tutto molto bene. Lasciamo raffreddare in frigorifero e serviamo il piatto fresco.

Insalata di farro, orzo e seppioline

Mentre cuociamo del farro e dell’orzo in acqua bollente (scolandolo alla fine e passandolo sotto l’acqua fredda) prepariamo il condimento, tagliando a strisce delle piccole seppie e sbollentandole in acqua bollente. Mettiamo i cereali in una ciotola, quindi uniamo le seppioline e condiamo con olio, sale e limone, aggiungendo anche dei semi di sesamo per guarnire.

Farro, pomodorini e orata

Prendiamo un’orata pulita e sfilettata e cuociamola al vapore. Spolpiamola e mettiamola in una ciotola. Nel frattempo, cuociamo il farro in acqua bollente salata (per circa trenta minuti) e scoliamolo. Nella ciotola dell’orata tagliamo una manciata di pomodorini a metà, lasciando che la polpa fuoriesca. Uniamo il farro, condiamo con un filo d’olio e del prezzemolo tritato, del limone e mescoliamo molto bene.

Insalata di riso venere con gamberetti

Mentre bolliamo per circa 30 minuti il riso nero in una pentola di acqua bollente, sciacquiamo e sgusciamo una manciata di gamberetti e cuociamoli al vapore per circa due minuti dal momento dell’ebollizione dell’acqua. Togliamo dal cestello e lasciamoli raffreddare. Scoliamo il riso venere, passiamolo sotto l’acqua fredda e uniamolo in una ciotola ai gamberetti, condendo poi con dei pomodorini freschi tagliati a metà e del prezzemolo tritato. Condiamo infine con olio, sale e limone e mescoliamo bene. Lasciamo raffreddare del tutto e serviamo.

Il classico riso freddo con tonno

Per il classico riso freddo con tonno basta bollire il riso e passarlo, una volta scolato, sotto l’acqua fredda, e condirlo con del tonno al naturale, dei pisellini primavera, del mais e delle carote tagliate a cubetti. Possiamo anche aggiungere pomodorini, cubetti di pecorino e gli ingredienti che preferiamo. Condiamo con olio, limone, sale e pepe e lasciamo riposare in frigorifero prima di servire.

Fiocchi di Riso è da sempre uno dei nostri marchi preferiti quando parliamo di cura della pelle dei nostri bambini. Siamo certe, infatti, del rispetto e della qualità di tutti i loro preparati, anche per esperienza diretta, dal momento che non mancano mai nel beauty della nostra famiglia.

Questi preparati sono studiati appositamente per la pelle dei neonati e dei bambini (ma li utilizziamo anche noi) e perfetti per la cura quotidiana.

E, infatti, ogni giorno noi usiamo il Sapone Non Sapone, a base di principi attivi naturali e insostituibile perché è davvero innovativo: il Sapone Non Sapone di Fiocchi di Riso è sì un sapone (nel senso che lo utilizziamo per l’igiene quotidiana) ma non contiene sapone! Com’è possibile? Ve lo spieghiamo subito, illustrandovi allo stesso tempo i benefici dell’utilizzo di un sapone che non contiene sapone!

Niente sapone, solo detersione e delicatezza naturale: con il Sapone Non Sapone di Fiocchi di Riso l’igiene quotidiana che rispetta la pelle e non la secca

Quando ci laviamo e detergiamo (anche noi adulti) abbiamo sempre l’impressione di fare del bene alla nostra pelle. Ed è vero, in parte lo facciamo, perché l’igiene e la pulizia sono fondamentali per la nostra salute. Tuttavia non sappiamo che in realtà quando utilizziamo prodotti troppo aggressivi stiamo allo stesso tempo intaccando il film idrolipidico che ha la funzione di proteggere la nostra cute, insieme al suo pH fisiologico.

Tutto questo accade a noi adulti, pensiamo quindi, a maggior ragione, ai nostri bambini, la cui cute è davvero estremamente delicata e che, se non trattata con prodotti specifici, naturali e delicati, rischia di stressarsi.

Il Sapone Non Sapone di Fiocchi di Riso è quindi la soluzione perfetta, perché è pensato appositamente per essere utilizzato quotidianamente, anche più volte al giorno, con la certezza che la pelle verrà detersa senza per questo seccarsi o indebolirsi. Il Sapone Non Sapone rispetta infatti il film idrolipidico di cui parlavamo prima e il pH fisiologico della pelle dei neonati e dei bambini, anche di quelli con la pelle più sensibile. Ed essendo un sapone pensato per le pelli sensibili è adatto a tutti, anche ai più grandi, che possono utilizzarlo quotidianamente assicurando alla propria pelle la giusta cura e la giusta delicatezza.

06_SaponeNonSaponeINTERNO.jpg

Come tutti i prodotti Fiocchi di Riso anche il Sapone Non Sapone è testato ad ogni lotto di produzione per il sottoprodotto 1,4-Diossano e Nichel, ed è quindi dermatologicamente sicuro.

Come dicevamo, questo preparato di Fiocchi di Riso non contiene sapone, ma olio di riso da crusca, con proprietà emollienti e protettive nei confronti del fotoinvecchiamento cutaneo, vitamina E e acido fitico che proteggono i tessuti dall’ossidazione e mantengono la pelle sana e protetta.

La pelle rimane morbida ed idratata, visibilmente più sana, e tutti quei fastidi legati alla secchezza della cute non esistono più. Lo proviamo noi che utilizziamo il Sapone Non Sapone sia per la nostra cura quotidiana in bagno sia mentre laviamo i nostri bimbi: le nostre mani e il nostro viso non mentono e sono la prima prova della delicatezza di questo detergente.

Il ciuccio, o succhietto, è uno di quegli argomenti che dividono il mondo delle mamme. E alla base dei dubbi c’è principalmente una preoccupazione: che il ciuccio modifichi il palato, portando in età infantile e adulta ad avere problemi di dentizione.

Beh, l’altro giorno ho partecipato ad un interessantissimo incontro con il prof. Levrini, presidente vicario corso di laurea Igiene Dentale Università degli studi dell'Insubria e con la dottoressa Acquavita dell’Osservatorio Chicco, che oltre ad avere affrontato questo tema hanno anche chiarito moltissimi dubbi e fornito un sacco di informazioni utili per i genitori alle prese con la decisione di dare al proprio figlio il ciuccio e di come dovrebbe essere fatto.

Tutto ciò che c’è da sapere riguardo al ciuccio: una guida utile per tutti i genitori

Per partire, ecco un dato significativo: il 77% dei bambini usa il ciuccio. E questo numero così alto non è un caso. I bambini, infatti, hanno bisogno di succhiare. La suzione, come spiegano il prof. Levrini e la dott.ssa Acquavita, è fondamentale, primaria e fisiologica per i bambini per entrambe le funzioni: nutritiva e non.

Succhiando il bambino, infatti, ricrea il contatto con la mamma, e attraverso la suzione del ciuccio non solo si sente confortato, ma andando avanti con i mesi fa sì che il ciuccio diventi uno strumento di transizione positiva per il naturale distacco dai genitori, come un pupazzo o un giocattolo particolare. Ecco perché l’utilizzo del ciuccio è assolutamente raccomandato.

Il ciuccio è insomma lo strumento principe per appagare questa voglia e questa necessità primaria del bambino. E non fa male. L’importante è utilizzarlo nel modo e nei tempi corretti e prestare attenzione alla sua forma.
Ma quando fa male? Innanzitutto, quando viene utilizzato prima di un allattamento ben avviato perché, in questa fase delicata, può rendere la suzione al seno meno efficace. La prima regola, quindi, è cominciare a dare il ciuccio solo ad allattamento ben avviato, normalmente dopo il primo mese. La seconda è di evitare di utilizzarlo in caso di otite media e la terza di non usarlo mai intinto nello zucchero o nel miele.

Una volta avviato l’utilizzo del ciuccio, sappiate che i benefici sono moltissimi: innanzitutto, riduce il rischio di SIDS, riduce la sensazione dolorosa in caso di particolari necessità mediche (analisi, vaccinazioni, ecc…) e aiuta il bambino nei primi momenti di distacco dalla mamma e in tutti i momenti di particolare stress e supporta la nanna perché la suzione aiuta la produzione di serotonina. Tra gli altri benefici, evita il pollice in bocca, che influisce negativamente sullo sviluppo della bocca, è meno igienico ed è più difficile da togliere.

E per quanto andrebbe usato il ciuccio? Il ciuccio dovrebbe essere interrotto entro i 3 anni.

Per toglierlo, è bene usare la gradualità: i genitori dovrebbero far sì che il bambino cominci a limitare l’uso del ciuccio dai due anni in poi utilizzandolo prima solo in casa, poi solo in camera, poi solo a letto, poi solo di notte… Così via fino a che naturalmente il bimbo non lo cercherà più. Oltre alla limitazione spazio-temporale è importante affiancare più momenti mamma-bambino o papà-bambino al posto dell’utilizzo del ciuccio: ad esempio, possiamo leggere insieme una storia, abbracciandoci o giocare. Il momento ideale per toglierlo? Sempre quando c’è tranquillità, come durante una vacanza, quando i genitori sono più disponibili, o in un periodo particolarmente rilassato e mai nei momenti di stress, come un trasloco o l’inizio della materna, ad esempio.

Detto questo, ecco come dovrebbe essere il ciuccio ideale. Innanzitutto, dovrebbe avere una forma fisiologica, ovvero aderire perfettamente al palato in modo da permettere la posizione corretta della lingua (in avanti e in alto) che è fondamentale per un corretto sviluppo ortodontico. Inoltre, questa forma stimola l’avanzamento di mandibola e lingua supportando, così, la respirazione fisiologica. Non deve essere troppo bombato e dritto, ma con tettina rivolta all’insù per garantire la corretta funzione della lingua.

Deve essere poi di dimensioni adeguate all’età: no, quindi, ai ciucci più piccoli rispetto all’età (per la paura che quelli più grandi influiscano sul palato), ma sì a quelli pensati apposta per l’età del bambino. Un ciuccio più piccolo non sarebbe correttamente posizionato sul palato. E per quanto riguarda il periodo di vita del ciuccio, questo andrebbe sostituito ogni paio di mesi, che sia in caucciù o silicone.

Per questo Chicco ha sviluppato e scelto per tutti i suoi succhietti PhysioForma, con l’esclusiva forma concava, sottile e rivolta all’insù, che guida in avanti e in alto la lingua lasciando spazio alla sua posizione naturale, favorendo, così, la respirazione fisiologica e il corretto sviluppo ortodontico.
Speciali rilievi sulla tettina riproducono le naturali rugosità del palato (le uniche rughe positive, suggeriva il Prof. Levrini!), punti di riferimento che guidano attivamente la lingua nella posizione fisiologica.
Fondamentale, quindi, una forma specifica, mentre riguardo la scelta di materiali o design dello scudo ci si può maggiormente sbizzarrire.

chicco-ciucci.jpeg

Per semplificare la scelta, Chicco ha ideato la Try Me Box: una confezione con all’interno tre differenti modelli di succhietti Chicco PhysioForma. Con Try Me Box i genitori sono tranquilli di dare al proprio bambino un prodotto sicuro, perché tutti e tre hanno la stessa forma – PhysioForma -mentre i bambini possono provare e scegliere tra materiali (caucciù o silicone) e design diversi. Chicco ha, così, pensato ad una combinazione per garantire ai neo-genitori una soluzione comoda, di qualità e sicura….lasciando al bebè la possibilità di scegliere quello più di suo gradimento in quello specifico momento.

In conclusione? Assolutamente sì al ciuccio, scegliendolo sicuro, di qualità ma sempre con la giusta forma, come PhysioForma di Chicco, seguendo i suggerimenti di modalità e i tempi che vi ho raccontato. Ricordate: è importante offrirlo al bambino dopo il periodo di avvio all’allattamento e utilizzarlo correttamente al massimo fino ai tre anni di età.

Decorare casa in maniera stilosa, originale e fresca è davvero semplice e veloce. Soprattutto, è una buonissima idea, perché con pochi elementi possiamo cambiare aria alla nostra casa, dare un tocco nuovo e rendere tutto speciale, senza spendere una fortuna e senza stravolgere e incasinare tutto.

Oltre a dipingere le pareti di un nuovo colore e puntare sui tessili (azioni che rendono immediatamente la casa “nuova” e diversa), per decorare le stanze possiamo puntare sugli adesivi murali, sticker semplicissimi da applicare e non troppo invasivi che tuttavia contribuiscono a dare un’aria unica, personale e bellissima alla casa e alla cameretta dei bambini.

Ma quali scegliere? Ecco qualche idea!

I più begli adesivi per la cameretta e per la casa: quali sticker da parete scegliere per rendere la casa e la camera dei bambini un ambiente fresco, unico e personale

Gli adesivi da parete non sono una buona idea solo per la cameretta dei bambini. In realtà, ne esistono di meravigliosi per tutta la casa, per dare un tocco originale e cool a tutte le stanze, puntando su disegni che riempiono le pareti e che si inseriscono alla perfezione nello stile della casa, sottolineando gli ideali della famiglia.

In salotto, ad esempio, si potrebbe scegliere di prendere degli adesivi famiglia da incollare dietro il divano al posto di un semplice quadro, puntando su disegni o scritte.

8052.jpg

Molto belli sono anche gli stickers pensati per racchiudere le fotografie di famiglia, con riquadri nei quali posizionare i ritratti puntando su composizioni davvero uniche e originali, che rendono la camera o il salotto confortevoli ed emozionanti.

6532.jpg

Per i bambini, molto belli sono gli adesivi per bambini per la porta: una piccola idea carina per personalizzare la loro cameretta, facendola sentire loro, rendendola il loro luogo magico e sicuro. Per le porte bianche, è possibile scegliere adesivi di qualsiasi colore, tranne quelli troppo chiari. Per le porte scure, sono consigliati degli adesivi bianchi o molto chiari, che creano un bel contrasto visivo.

6041.jpg

Dentro la cameretta, invece, possiamo sbizzarrirci, puntando ad esempio su disegni leggeri che rendano l’ambiente pieno di pace e rilassante, come gli animaletti del bosco sopra la culla del bambino. Oppure, in generale, è bello scegliere adesivi da parete che riportino disegni riguardanti le passioni dei bambini. Ci sono, ad esempio, quelli con il planisfero (bellissimi e d’effetto, sembrano quasi una grande carta da parati!), oppure quelli con gli animali, con gli areoplani, con le ballerine, con le farfalle, con i dinosauri, con i mostri…

6028.jpg

Per i ragazzi più grandi, stupendi sono i pianeti da appiccicare sopra la scrivania, oppure i profili delle metropoli del mondo che ricordano lo skyline.

6559.jpg

L’economia domestica come materia? Sì, grazie. E no, non pensiamo che sia qualcosa di obsoleto, antico o retrogrado. Retrogrado lo è solo nel momento in cui queste materie vengono irrispettosamente insegnate solo alle bambine. Ma nel momento in cui l’insegnamento delle faccende di casa e dei lavori manuali viene impartito ad entrambi i generi, diviene materia preziosissima, poiché permette di dare ai nostri figli le competenze base che ormai, oggigiorno, si stanno perdendo.

E non solo a livello pratico. Già, perché l’insegnamento dell’economia domestica, quando ben fatto, porta con sé benefici anche a livello educativo, di crescita, mentale. Lo sanno bene in Finlandia, dove questa materia è importantissima.

Economia domestica a scuola, per promuovere parità e competenze: perché l’insegnamento delle abilità base tecniche e domestiche dovrebbe essere reintrodotto nelle scuole

Esatto, come leggete nel titolo, l’economia domestica dovrebbe essere reinserita nelle scuole. Certo, non come una volta: un tempo, infatti, ai maschi veniva insegnata la falegnameria, mentre alle femmine tutto ciò che serviva per occuparsi al meglio della casa e della famiglia. Ma basta scomporre e ricomporre questa impostazione per trovare una soluzione piena di benefici: basterebbe, infatti, reintrodurre l’economia domestica come materia per tutti, maschi e femmine.

L’economia domestica è quella materia scolastica nella quale si impara a cucire, stirare, lavare, pulire, costruire, tenere i bilanci della famiglia… Gli insegnamenti sono molti e vari, e sono tutti molto, molto utili. Soprattutto nella società odierna, nella quale ai ragazzi vengono impartire moltissime nozioni e pochissime tecniche e abilità.

In Finlandia, ad esempio, l’economia domestica è una materia come le altre, e viene insegnata già dalle scuole medie. Questa materia apparentemente retrograda insegna in realtà ai ragazzi moltissimo: li prepara alla vita, ai problemi pratici, ma anche alla collaborazione e alla responsabilità.

Non solo: insegnando a maschi e femmine tutti questi concetti e tecniche, si appiana naturalmente e in maniera efficace il divario tra i sessi, mettendoli entrambi sullo stesso piano, insegnando che la cura della casa, delle persone e delle cose è condivisa da donne e uomini.

Insegnare sin dalle scuole medie (ma anche prima, insegnando ai nostri bambini le faccende di casa fin da subito) l’economia domestica significa dare un nuovo equilibrio ai ruoli di genere, significa combattere alla radice gli stereotipi, significa dare alle ragazze la possibilità di imparare cose utile e ai ragazzi di fare altrettanto, dando ad entrambi le abilità necessarie per dividersi, da adulti, i compiti, dando la possibilità sia alle donne che agli uomini di scegliere la propria strada senza obblighi dovuti ad abitudini sociali sbagliate.

E poi, in ogni caso, l’economia domestica è utile a tutti: oggigiorno i nostri adolescenti non sono spesso in grado di cucinare una pasta, di fare un caffè senza la macchinetta, di fare una lavatrice senza chiedere aiuto a noi o a Google, di pulire un pavimento o di cambiare un pannolino ai fratelli, di piantare un chiodo nel muro o di usare una bolla per appendere i quadri, di calcolare il risparmio sulla spesa o di stare dentro ad un budget prestabilito. Sembrano frivolezze, ma le abilità tecniche e manuali servono per sopravvivere nel mondo, per crearsi una propria strada, per essere indipendenti e per stare con gli altri. E poi servono per capire le responsabilità, per avere competenze quando si tratta di dover risolvere problemi, per vivere al meglio la vita quotidiana.

Potremmo quindi cambiare il nome della materia: da Economia Domestica a Competenze per la Vita. Perché di questo stiamo parlando: di competenze che serviranno loro per sempre, in qualunque settore i nostri figli decidano di costruire la loro strada.

Dire sì, per rafforzare il legame positivo

Mercoledì, 26 Giugno 2019 06:51

Se mi seguite, saprete già che l’educazione positiva è per me importantissima e imprescindibile. I “no” non mancano nel mio stile educativo: servono per crescere, per rendere indipendenti e responsabili i nostri bambini e per dare loro delle linee guida importanti per la vita, per insegnare loro a prendere la strada giusta.

Detto questo, è importante anche saper dosare questi no. O meglio: è importante sapere dire “no” quando va detto, riconoscendo tuttavia i momenti in cui sono i “sì” ad essere più educativi.

Perché quando un “sì” è consapevole è fortissimo. È dolcissimo, è potente, è uno strumento perfetto per rafforzare un legame unico!

Dire sì, per rafforzare il legame positivo: quando i “sì” aiutano a crescere e a rafforzare il legame familiare

I “no”, dicevamo, sono necessari all’educazione. Da genitori sappiamo quando dirli, quando evitarli, quando impuntarci per far sì che i nostri principi vengano trasmessi ai nostri figli. Ed è giusto così: siamo le loro guide, e anche i nostri “no” li indirizzano sulla strada della vita e li aiutano a prendere le decisioni giuste.

Ma a volte troppi no scombussolano le carte. Ci rendono più stanchi, ci stressano, ci allontanano, ci frustrano (sia noi genitori, che loro). Lo saprete, ad esempio, se vi è capitato di dire quel “no” mille volte, per poi concedere un “sì” consapevole che rende tutto più leggero, piacevole e costruttivo.

Qualche esempio? Pensate a quelle volte in cui abbiamo intimato ai nostri figli “Non piangere”. Quel “no” è proprio inutile, proprio come se lo dicessero a noi mentre abbiamo un momento di nervosismo. Inoltre così facendo rinneghiamo le loro emozioni, facendoli sentire “fuori posto”. È invece quando arriva il “sì”, il “ti capisco”, il “parlami”, il “sono qui per te!”, che le cose cambiano, che prendiamo in mano la situazione rendendola un’occasione per imparare qualcosa, per leggere le proprie emozioni, per fare capire ai nostri figli che ci siamo sempre per loro.

Pensate a quelle volte in cui abbiamo deciso di utilizzare l’empatia al posto delle nozioni lette su un libro in gravidanza! A volte ci affidiamo agli esperti, ed è giusto che sia così, ma solo vivendo capiamo che ogni famiglia è diversa, che la nostra famiglia è unica, e a volte quei “no” di cui tutti parlano non vanno affatto bene per noi, perché i nostri figli sono più sensibili, o più riflessivi, o più agitati nel comprendere il mondo rispetto a quelli scritti sulla carta.

Pensate a quelle volte in cui ci siamo lasciati andare, lasciando da parte le regole ferree, per concedere ai nostri figli (e noi stessi!) una giornata diversa, fatta di divertimento, libertà e pazzie. Un “sì” a un pomeriggio lavorativo passato invece al cinema con un pacchetto di caramelle da condividere è un “sì” ricchissimo!

26_6fruittella2.jpeg

E poi ci sono quei “no” impostici dalla quotidianità, dalla società, dallo stile di vita contemporaneo. I “no” detti perché non abbiamo tempo, perché ci troviamo sempre a rimandare. Ma alla domanda “Giochiamo?”, “Guardiamo un film sul divano tutti insieme?” o “Posso cucinare con voi?” sono i “sì” che dovremmo sempre dire. Perché insieme ai “sì” educativi, questi sono i momenti perfetti per creare un legame, per rafforzare il rapporto, per alimentare un amore fatto anche di momenti divertenti insieme.

Questi sono i valori che vengono espressi nella campagna di Fruittella “Il potere di un sì”, che con le sue caramelle con succo di frutta, senza coloranti artificiali con solo aromi naturali e senza glutine promuove da sempre gioia, amore, positività e complicità, condivisione e spensieratezza. Vi va di sapere qualcosa di più? Basta visitare il sito!

Post in collaborazione con Fruittella

7 esperimenti per bambini della materna

Martedì, 25 Giugno 2019 13:59

Quando si parla di esperimenti scientifici si pensa subito ai bambini delle scuole elementari. Certo, è un dato di fatto che spesso per imparare cose nuove gli esperimenti sono il miglior modo, e i bambini delle elementari stanno imparando moltissimo. Ma perché non estendere questo concetto anche ai bambini della scuola materna?

Anche i bimbi più piccoli, quelli che frequentano l’asilo, possono fare un sacco di esperimenti scientifici. Basta che siano alla loro portata. In questo modo, anche loro impareranno qualcosa, cominciando a mettere basi (semplici ma pur sempre basi) per i concetti che impareranno più a fondo in futuro.

Ecco dunque 7 esperimenti per i bambini della scuola materna, per imparare la scienza divertendosi!

7 esperimenti per bambini della materna: quali sono gli esperimenti scientifici adatti ai bambini che frequentano l’asilo

Il vulcano di sabbia

Il vulcano di sabbia è uno degli esperimenti che più divertono i bambini. Insieme a mamma e papà possono quindi costruire un vulcano con la sabbia, che erutterà schiuma coloratissima. Costruite una bella montagna attorno ad una bottiglia di acqua in plastica. Lasciate scoperto il buco dell’apertura della bottiglia. Versateci quindi 3/4 di acqua tiepida, un goccio di detersivo per piatti, qualche cucchiaio di bicarbonato di sodio (aiutandovi con un imbuto) e una tazza di aceto di vino (se volete, potere colorarlo con del colorante alimentare): ecco che il vulcano esploderà e si riempirà di lava!

L’oceano in bottiglia

I bambini possono riempire una bottiglia e ricreare così un piccolo oceano, nel quale osservare la vita marina: l’esperimento lo trovate qui (https://www.mammapretaporter.it/educazione/gioco-stimoli-mb/l-esperimento-dell-oceano-in-bottiglia) ed è davvero semplice e divertente.

L’insalata nella spugna

Prendiamo una spugna naturale pulita, dei semi di crescione e un piatto. Mettiamo la spugna nel piatto e cospargiamola con i semini. Aggiungiamo un po’ di acqua nel piatto, e dopo un giorno i bambini potranno osservare i semini che cominciano a schiudersi. Nel giro di una settimana prima metteranno radici, e poi cresceranno le foglie. Un bell’esperimento per vedere come cresce la verdura, che una volta matura possiamo mangiare!

I graffiti con i pastelli a cera

Questo esperimento creativo è bellissimo: prendiamo tanti pastelli a cera e un foglio di carta, infine una penna senza punta (quelle a clic, che si possono chiudere). Coloriamo il foglio di carta con tanti colori, facendo varie fasce come un arcobaleno. Dopodiché coloriamo tutto di nero, sopra. Con la penna senza punta i bimbi potranno disegnare rimuovendo il primo strato nero, lasciando così un bellissimo disegno-graffito.

CIMG3664.jpg

Photo credit

La farfalla elettrostatica

Un primo approccio con l’elettricità può essere fatto attraverso questo esperimento: facciamo ritagliare al bimbo da un foglio di carta velina due ali e incolliamole su un cartoncino incollandole solo per il lembo interno. Gonfiamo poi un palloncino: avvicinandolo, le ali si solleveranno!

StaticElectricityButterfly6-600x750.jpg

Photo credit

I fiori arcobaleno

Bastano dei barattoli, dell’acqua, del colorante alimentare e dei fiori bianchi. In ogni barattolo mettiamo dell’acqua con qualche goccia di diverso colorante alimentare. I fiori andranno poi appoggiati ognuno in un barattolo e cambieranno, dopo qualche ora, colore dei petali! In questo modo i bambini vedranno che anche i fiori bevono!

color-changing-flowers-experiment-5.jpg

Photo credit

Lo xilofono d’acqua

Per mostrare ai bambini che la musica può essere fatta con qualunque oggetto, e anche per mostrare come, di base, gli strumenti musicali operano, bellissimo è questo esperimento. Di nuovo, prendiamo qualche barattolo e riempiamolo con acqua. Ogni barattolo dovrà avere un diverso livello di acqua. Mettiamo i barattoli in fila, dal più vuoto al più pieno: i bambini dovranno “suonarli” colpendoli con un bastoncino o una forchetta, notando così le diverse note che producono.

2-17.jpg

Photo credit

L’olio di Neem per curare la micosi

Martedì, 25 Giugno 2019 08:45

La micosi sono quei fastidiosissimi funghi dei piedi che colpiscono davvero moltissime persone. Sono in sostanza funghi della pelle che si manifestano sui piedi e sulle unghie dei piedi, essendo questi un luogo nel quale prolificano vari microrganismi patogeni. Questi patogeni si trovano esternamente, solitamente su piante e fiori, ma quando raggiungono la pelle vi si stabilizzano, causando la micosi (o dermatomicosi).

Il problema della micosi è che è di difficile risoluzione. I funghi sembrano sempre proliferare, faticano a sparire, e curarla richiede tempo.

Un valido aiuto è tuttavia l’olio di neem, un olio estratto da una pianta indiana conosciuto da secoli per le sue proprietà antibatteriche ed emollienti.

L’olio di Neem per curare la micosi: come utilizzare l’olio di neem per combattere i funghi dei piedi

Come dicevamo, la micosi sono i funghi dei piedi e delle unghie. Questa malattia è facilmente prevenibile (basta fare attenzione ai nostri piedi, cambiando spesso scarpe, tenendoli freschi e puliti in ogni stagione, asciugandoli molto bene, anche tra le dita, dopo la doccia, e lavandosi molto bene dopo le giornate in palestra o piscina), ma difficilmente risolvibile, se non con antimicotici prescritti dal medico, ovvero dei medicinali che uccidono, appunto, i funghi.

Un altro strumento per combatterli è però l’olio di Neem (di cui vi abbiamo parlato in questo articolo), un olio vegetale estratto a freddo dalla spremitura dei semi di Azadirachta Indica, albero della famiglia delle meliacee, da secoli utilizzato in tutto il mondo (soprattutto quello orientale) per le sue proprietà antibiotiche, antibatteriche, antinfiammatorie e antiparassitarie, e viene utilizzato esternamente (mai ingerendolo!) applicandolo sulla pelle (o addirittura sulle piante, come antiparassitario naturale).

Essendo un antibatterico e antiparassitario, la sua applicazione aiuta dunque a uccidere definitivamente questa micosi dei piedi, soprattutto quando lieve (altrimenti è bene sempre consultare il medico curante). Ne bastano poche gocce (sotto consiglio del medico o dell’erborista, che sapranno indicarci le modalità di utilizzo in base al prodotto comprato).

Solitamente questo olio non si utilizza puro: è molto forte, anche a livello olfattivo, e viene quindi diluito in altri oli vegetali come quello di mandorla o di karitè. Per combattere la micosi, tuttavia, è bene associarlo ad altri oli dalle stesse proprietà antibatteriche e antibiotiche, come ad esempio quello di palmarosa, disinfettante, o quello di tea tree.

A confermare queste proprietà anti-fungo dell’olio di neem non è però solo la credenza popolare. In particolare, ci sono due studi pubblicati nel 2009 e nel 2011 che sottolineano come effettivamente l’olio di neem aiuti a risolvere il problema della micosi e del “piede dell’atleta”.

Il primo studio è stato pubblicato sulla rivista Toxins e mostra come l’olio di neem intacchi realmente la crescita e la diffusione di diversi tipi di funghi. Gli studiosi non spiegano come questo olio uccida i funghi, ma si sbilanciano affermando che probabilmente nella sua composizione ci sono diversi elementi che li repellono.

Il secondo articolo è stato pubblicato sul “Journal of Microbiology” e mostra come l’olio estratto dalle foglie di neem sia efficace per trattare diverse tipologie di micosi quando associato a dell’etanolo organico. L’olio di neem, durante il loro studio, è risultato avere un effetto tossico su 19 funghi (su 22) che solitamente attaccano gli esseri umani, tra cui Aspergillus flavus, Aspergillus fumigatus, Aspergillus niger, Aspergillus terreus, Candida albicans e Microsporum gypseum. 

 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg