Le perdite bianche in gravidanza sono abbastanza frequenti, soprattutto durante i primi mesi di gestazione. In gergo tecnico, le perdite bianche vaginali si chiamano “leucorrea” e sono del tutto fisiologiche: ogni donna durante il ciclo mestruale (a seconda della fase del ciclo) può trovarle sugli slip o sulla carta igienica.

Come durante il ciclo mestruale, anche in gravidanza è possibile trovarsi di fronte a queste perdite bianche, e in quel caso si può parlare di leucorrea gravidica. Ma vediamo insieme cosa dobbiamo fare in caso di leucorrea in gravidanza.

Cosa fare in caso di perdite bianche in gravidanza: quando le perdite bianche sono fisiologiche e quando invece è bene consultare il medico

Come accennato, le perdite bianche sono del tutto fisiologiche anche in gravidanza, ma, come di consueto, è giusto e consigliato osservarle per capire se ci troviamo di fronte ad una leucorrea gravidica fisiologica (ovvero del tutto normale) o se le perdite bianche segnalano qualche altro problema.

La leucorrea fisiologica, che sia gravidica o che la si trovi durante il ciclo mensile, serve essenzialmente a lubrificare e pulire la vagina. È composta dalle secrezioni della cervice e della vagina, da vecchie cellule delle pareti vaginali e dalla flora batterica vaginale.

In gravidanza sono frequenti durante i primi mesi di gestazione e sono spesso inodori e dalla consistenza vischiosa, lattiginose. Con l’avvicinarsi del parto, invece, possono diventare più abbondanti e più liquide.

Quando ci troviamo quindi di fronte a perdite bianche che non odorano, significa che ci troviamo di fronte ad una reazione del corpo assolutamente normale e fisiologica. Durante la gravidanza, infatti, all’impianto dell’embrione segue un’alterazione degli ormoni (aumentano gli estrogeni) e della mucosa vaginale, che diventa più densa per formare il tappo mucoso. Il tappo mucoso serve a proteggere l’utero e il feto dagli agenti esterni durante la gravidanza. È normale, quindi, che durante questo assestamento le donne in attesa facciano esperienza di perdite bianche vaginali.

Se, tuttavia, le perdite si presentano maleodoranti e se associate ad esse si prova dolore, bruciore o fastidio, allora è necessaria una visita dal ginecologo. Potrebbe essere, infatti, che queste perdite bianche abbondanti e dal cattivo odore indichino un’infezione in corso. Le infezioni in cui ci si potrebbe imbattere sono diverse: ci sono quelle da lieviti, che fanno sì che il muco diventi bianco e dalla consistenza del formaggio cremoso (e che provocano dolori durante la pipì e durante i rapporti); quelle da vaginosi batterica, asintomatica ma che causa perdite grigie e dall’odore sgradevole, oltre che prurito e bruciore; e infine ci sono le malattie sessualmente trasmissibili, ognuna con i propri sintomi.

Anche quando queste perdite si presentano striate di sangue (rosa o marrone) o gelatinose è meglio consultare il medico: potrebbe darsi, infatti, che si tratti della perdita del tappo mucoso, che solitamente avviene a ridosso del parto ma che se invece accade prima della trentasettesima settimana di gravidanza potrebbe risultare pericolosa.

In ogni caso, il consiglio è quello di consultare il ginecologo o il medico curante ogni qualvolta non siamo sicure che le nostre perdite bianche siano fisiologiche, e nel caso in cui queste siano invece normali è bene curare la propria igiene intima (lavandosi non più di una volta al giorno per non uccidere la flora batterica), preferire la biancheria intima bianca in cotone organico ed evitare detergenti profumati o troppo aggressivi.

 

Mamma Pret a Porter non è una testata medica e le informazioni fornite hanno scopo puramente informativo e sono di natura generale, esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico o di un pediatra (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, fisioterapisti, ecc.) abilitati a norma di legge. Le nozioni sulle posologie, le procedure mediche e le descrizione dei prodotti presenti in questo sito hanno un fine illustrativo e non devono essere considerate come consiglio medico o legale.

"La forza delle donne"

Lunedì, 11 Marzo 2019 08:47

Le donne forti non sono solo quelle più conosciute. Noi amiamo alla follia Frida Kahlo, Patti Smith, Marie Curie, Beyoncé, Anna Magnani, Simone de Beauvoir... Ma le donne che hanno cambiato la storia, che stanno rendendo il mondo un posto migliore e che diventano modelli per tutte le bambine e i bambini sono moltissime.

Conoscerle tutte è impossibile, è vero. Ma questo libro edito da Elekta Junior è già un grande passo. Perché "La forza delle donne" è una piccola enciclopedia illustrata da Sarah Papworth e narrata divinamente da Kate Hodges che presenta le donne del mondo che hanno cambiato la società, mettendole in relazione tra loro.

"La forza delle donne": un libro per bambini magnifico che mette in luce la forza delle grandi donne e la loro unione

Sono tantissime, le donne forti che hanno fatto la storia, nel grande o nel piccolo. In questo libro, "La forza delle donne", ce ne sono circa novanta. E non solo le più conosciute! Ogni pagina racconta la storia di ognuna, da quella di Emma Watson (non sono attrice, ma sostenitrice dei diritti umani e femministi) a quella di Marie Curie, da Chimamanda Ngozi Adichie (scrittrice nigeriana autrice di "Americanah" - libro che consigliamo vivamente! - nota per il suo discorso "Perché tutti dovremmo essere femministi") a Amelia Earhart (aviatrice), da Mae Jeminson (la prima austronauta afroamericana) a Anna Magnani, da Chien-Shiung Wu (fisica nucleare) a Gypsy Rose Lee.

IMG_7013.JPG

Donne, queste, che hanno fatto grandi cose nel loro campo, che non hanno cambiato solo la storia ma hanno anche dato ad ogni bambina e ad ogni bambino la possibilità di sognare: tutti possiamo diventare ciò che vogliamo, anche quando le avversità sembrano insormontabili, anche quando sembra che la società ci remi contro o non ci permetta di essere ciò che siamo e che speriamo di essere.

Ma il bello di questo libro non sono solo le storie raccontate (ognuna prende un paio di pagine ed è raccontata con semplicità e minuzia). La particolarità del libro sta nelle relazioni che mette in luce: ogni donna ritratta è infatti in qualche modo stata influenzata dalle altre, oppure è stata amica di un'altra grande donna, o nemica, o conoscente. Oppure hanno calcato gli stessi palchi, sono comparse negli stessi dipinti, lottarono insieme per i diritti... Accanto ad ogni illustrazione, quindi, troviamo dei mini ritratti delle altre donne con le quali si sono relazionate.

IMG_7012.JPG

È come una piccola mappa di un grande paese nel quale queste donne si sono conosciute, si sono scambiate favori e amicizie, si sono incrociate. Sembra banale, ma queste relazioni sono fondamentali per la storia, perché è anche e soprattutto grazie allo scambio e all'unione che si fanno grandi cose.

Ad esempio, ci sono Coco Chanel ed Elsa Schiapparelli, rivali. La regina Vittoria e Florence Nightindale, che ricevette una medaglia dalla prima per il suo lavoro in guerra. Greta Garbo che faceva jogging con Katherine Hepburn. Getrude Stein che fece parte della società parigina insieme a Colette, Claude Chaun e Coco Chanel. Maryl Streep che si è ispirata moltissimo ad Anna Magnani. Elsa Schiapparelli che disegnò un'intera linea di abiti ispirandosi ad un incontro con l'aviatrice Amelia Earhart. Sylvia Beach che era grande amica di Simone de Beauvoir... Sono tutte relazioni inaspettate, strane, buffe, importanti, e tutte mostrano in maniera concreta i legami e l'importanza del sodalizio femminile, della solidarietà, dell'amicizia.

“Il colosso”

Venerdì, 08 Marzo 2019 09:11

Questo Colosso è un po’ tutti noi. Perché tutti siamo diversi, tutti siamo unici. Ma a volte, purtroppo, nella nostra società la diversità è ancora stigmatizzata. Non è accettata. È derisa, è scansata, è denigrata. “Ma perché?”, verrebbe da dire. Perché la diversità è qualcosa di negativo quando ognuno di noi è diverso?

Coccole Books, casa editrice che propone sempre titoli deliziosi, positivi e arricchenti, se ne è uscita con un nuovo libro con poche parole, disegni semplici e densità incredibile di significato. “Il colosso”, scritto e illustrato da Riccardo Francaviglia, è un piccolo scrigno che contiene l’antidoto al razzismo, alle discriminazioni e all’ignoranza, e ci piace tantissimo.

“Il colosso”: da Coccole Books un libro contro la discriminazione per imparare ad accettare noi stessi

La storia raccontata dalla penna e dalla matita di Riccardo Francaviglia è semplice, per disegni e per parole: il tratto delle illustrazioni è pulito e immediato, con sfondi ampi che rilassano gli occhi, e le parole sono poche, pochissime. Ed è giusto così, perché non servono molte parole per raccontare la storia di questo Colosso: i bambini possono immaginare il viaggio osservando i disegni e possono così fare correre la fantasia e, soprattutto, le proprie riflessioni.

La vicenda parla di un Colosso, nato piccino come tutti e cresciuto a dismisura. È cresciuto tantissimo, in maniera pazzesca, diventando un “problema”.

IMG_6980.JPG

“Un colosso mangia più di chiunque altro, un Colosso ha bisogno di molto spazio per muoversi e di più acqua per lavarsi. Insomma, un Colosso è un problema e nessuno vuole avere problemi”, scrive l’autore. Qui è facile lavorare di empatia e vestire i panni del nostro amico Colosso: tutti noi abbiamo provato sulla nostra pelle sensazioni di disagio quando qualcuno ci ha fatto sentire diversi, esclusi, ingombranti o inadeguati, e tutti abbiamo purtroppo assistito a discriminazioni. La sensazione, quindi, è solo una: un senso di ingiustizia per questa emarginazione inutile e ridicola da parte dei suoi compaesani, che lo escludono e gli puntano il dito contro.

IMG_6981.JPG

Il Colosso, dunque, si trova costretto a partire. Ma la sua mamma non si dà pace: “Per le mamme nessun figlio è un problema”, e così parte alla ricerca del suo piccolo e grande Colosso, trovandolo infine in una grande, immensa città abitata da altri Colossi.

La metafora ha molteplici sfumature: possiamo semplicemente pensare che il luogo trovato dal Colosso e dalla sua mamma sia una terra nella quale la mentalità è più aperta, più “grande” rispetto alle menti “piccole” di chi non guarda al di là del proprio naso. Perché là “tutto era più bello, tutto era enorme”. O semplicemente possiamo pensare al posto nel mondo che ognuno di noi ha, e che può essere nel cuore o in un luogo fisico.

C’è poi il discorso sull’accettazione di sé e sul rifiuto del pregiudizio: nel paese dei Colossi i Colossi sono eroi. Sono loro a rendere meraviglioso il paese, malgrado il giudizio degli altri all’inizio del libro, che non davano loro nemmeno la possibilità di potersi esprimere e di mostrare le proprie potenzialità.

“Un paese che sa amare come amano le mamme”: la ricchezza di questo libro sta tutta qua. I bambini capiscono subito il valore dell’amore, dell’empatia, della diversità che rende ricche le relazioni. E se tutti amassero l’altro come amano le mamme, beh, sarebbe un mondo migliore, no?

Un libro perfetto per bambini dai 3 anni, quindi, che fa capire con semplicità l’assurdità del rifiuto nei confronti di chi troviamo “diverso”, di chi non ci piace solo perché non somiglia a noi o a ciò a cui siamo abituati.

Che c’entrano apprendimento digitale e sostenibilità? C’entrano moltissimo quando a scendere in campo è MyEdu, che a Fieramilanocity dall’8 al 10 marzo porterà il suo sapere e la sua esperienza per parlare della scuola di domani.

All’interno di “Fa’ la cosa giusta” (la prima e più grande fiera italiana dedicata al consumo critico e agli stili di vita sostenibili) e della sezione dedicata alla scuola (SFIDE - Scuola, Formazione, Inclusione, Didattica, Educazione) organizzata da Officine Scuola, MyEdu scenderà in campo per genitori ed insegnanti per portare un esempio di scuola aperta, inclusiva, sostenibile e innovativa.

La scuola digitale di MyEdu al Salone della Sostenibilità: dall’8 al 10 marzo a Fieramilanocity gli incontri con la didattica digitale di MyEdu

MyEdu è un mondo digitale di risorse formative divertenti e coinvolgenti nato con l’obiettivo di facilitare l’apprendimento dei bambini e dei ragazzi migliorando la didattica e rendendo più semplice lo studio. MyEdu, insomma, offre strumenti digitali come giochi, compiti e progetti che stimolano i ragazzi sfruttando i benefici dell’apprendimento digitale interattivo.

La didattica e l’apprendimento digitale sono fondamentali per la nostra società: ai nostri bambini, nativi digitali, non bastano più gli strumenti di una volta. Una volta nel mondo dovranno cavarsela da soli in una società che ha fatto dei computer, del coding, dell’informatica e del digitale la propria base. Non solo: il digitale permette anche di avere a disposizione strumenti nuovi, più efficienti, più semplici e più efficaci, da affiancare perfettamente alla didattica tradizionale. E in questo senso MyEdu si inserisce benissimo in questo panorama, offrendo alle scuole e alle famiglie i propri strumenti innovativi.

Da venerdì 8 marzo a domenica 10 marzo 2019 la scuola digitale di MyEdu sarà quindi al salone nazionale del consumo critico e sostenibile a Fieramilanocity (presso lo stand LB7 del padiglione 4), partecipando ai panel, ai workshop e ai seminari organizzati da Officine Scuola insieme a “Fa’ la cosa giusta”, nell’ambito di SFIDE.

All’interno di SFIDE esperti del settore mostreranno ai visitatori il futuro della scuola, che d’ora in poi dovrà fare della sostenibilità, della giustizia sociale, della parità di genere e della didattica museale i suoi pilastri. Proprio come quelli di MyEdu, che alla base ha da sempre l’idea di una scuola aperta, innovativa, inclusiva e sostenibile.

Sabato 9 marzo alle 11 ecco quindi un workshop formativo per gli insegnanti della scuola primaria, “Tecnologia e web collaborativo possono migliorare la vita in classe?”, per indagare come la tecnologia digitale debba essere affiancata ad una comunicazione efficace e consapevole, per sfruttare al meglio gli strumenti del web ottimizzando le relazioni con il singolo e con la classe.

Durante il workshop gli insegnanti vedranno quindi concretamente i benefici della scuola digitale e potranno assistere alla presentazione del nuovo corso di formazione accreditato dal MIUR per fornire ai docenti le competenze per la creazione di lezioni multimediali interattive (anche attraverso l’utilizzo di MyEdu Plus, il nuovo strumento creato da FME Education per la scuola).

Per partecipare al workshop di MyEdu è necessario registrarsi precedentemente, a questo link.
Per info e dettagli si rimanda alla mail di MyEdu, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Ormai i parchi gioco attorno al mondo sono un po’ tutti uguali: coloratissimi, dai pavimenti morbidi, grandi… E sicuri. “Sicuro” è una parola che troviamo spesso associata ai luoghi di gioco per i bambini. “Puliti” un po’ meno, perché ancora troppo spesso vengono abbandonati a loro stessi, questi parchi gioco.

Ma il parco gioco per eccellenza è essenzialmente “sicuro”, sì. Lo deve essere, perché ad utilizzarlo sono i bambini, e le amministrazioni di tutto il mondo ormai sanno come progettarlo per far sì che i piccoli possano giocare in tutta sicurezza. In realtà, però, recenti studi stanno portando alla luce un problema: a quanto pare il design e l’architettura del parco gioco per come lo intendiamo non sembra essere la migliore scelta per i bambini.

Quando la sicurezza dei parchi gioco diventa un problema: le ricerche che mettono in luce i problemi del parco giochi per come lo intendiamo

Guardiamo in faccia la realtà: certo, i parchi gioco sono sicuri, ma perché? Prima di tutto per la sicurezza dei nostri bambini, ma in un certo senso anche per la sicurezza delle amministrazioni, che non possono permettersi denunce nel caso in cui un bimbo di faccia male giocando proprio in quel parco. Negli anni, quindi, il design e l’architettura dei nostri parchi gioco si sono modellati e definiti per ridurre ogni rischio, riducendo le altezze dei giochi, ammorbidendo le superfici, togliendo gli spigoli, eliminando le piccole parti che potrebbero staccarsi e venire ingerite…

Tempo fa, però, vi avevamo parlato di un fatto essenziale per la crescita dei bambini: i nostri figli hanno bisogno del rischio. Hanno bisogno del pericolo. La loro crescita si definisce in maniera armonica anche grazie ai pericoli.

Conoscere il pericolo e saperlo affrontare, anche sperimentandolo di prima mano cadendo, facendosi male e provando sulla propria pelle cosa significa spingersi troppo oltre i limiti, è una parte essenziale della crescita e della salute. In primis perché conoscendo il rischio il bambino saprà da solo quando fermarsi, che fare, fin dove spingersi e cosa fare in caso di - ad esempio - una caduta. In secondo luogo perché è parte fondamentale anche per le interazioni sociali, la creatività, la resilienza e la capacità di problem-solving.

Questo non significa abbandonarli a loro stessi o spingerli verso il pericolo. Significa però lasciargli la possibilità di crescere in maniera più armoniosa, di prepararsi alla vita adulta provando davvero tutto ciò di cui c’è bisogno. Perché, ad esempio, se un bambino sarà sempre abituato a saltare su un tappeto morbido e gommoso, non saprà come piegare le ginocchia per attutire il colpo per non farsi male su una superficie reale, come il cemento.

Le posizioni sono svariate: c’è chi dice che, no, i parchi gioco vanno bene così come sono e c’è chi invece spinge in una direzione di maggiore rischio (che non significa mettere a repentaglio la vita dei bambini, sia chiaro!). E poi c’è chi porta esempi, come quello della Danimarca, paese nel quale sono comuni i parchi-giochi “spazzatura”, o junk playgrounds, parchi gioco realizzati con materiali di scarto non esattamente da bambini ma che sono piazzati lì apposta per stimolare la creatività dei bambini e per sviluppare il loro senso del rischio: ci sono corde, chiodi, pneumatici, padelle, casette di legno realizzate con materiali di riciclo…

Adventure-playground-berkeley-structure.jpg

Sì, siamo ai due estremi della questione, ma effettivamente ci sono punti a favore e a sfavore di ognuna. Dunque il dibattito è quanto mai aperto.

Quindi, in conclusione, sì, i nostri parchi gioco sono sicuri. Ma forse lo sono troppo. Perché fare crescere nella bambagia i bambini, arrotolarli nel pluriball e tenerli al sicuro da tutto ciò che potrebbe ferirli non è necessariamente la scelta migliore per loro. Cerchiamo quindi una via di mezzo, e ricordiamo sempre che il parco giochi migliore, quello più sicuro, eccitante e stimolante, ce l’abbiamo dappertutto: è la natura.

La zuppa d’avena inglese, detta anche porridge, è un piatto ben bilanciato perfetto per una colazione energetica, per un brunch o per un pranzo veloce. In base alla frutta e alla verdura stagionale possiamo prepararne differenti versioni, tutte equilibrate e sane, ma soprattutto gustose.

Il porridge è sostanzialmente un alimento a base di fiocchi di avena e latte (anche vegetale) e si differenzia di poco rispetto all’oatmeal (la differenza ve la spieghiamo qua).

La ricetta base (per una persona, ma aumentando le dosi possiamo farlo per tutta la famiglia) è la seguente: in un pentolino scaldiamo mezzo bicchiere di latte vegetale con mezzo bicchiere di acqua e 4 cucchiai di fiocchi d’avena (meglio bio!). Mescoliamo frequentemente e quando otteniamo una consistenza morbida e cremosa togliamo dal fuoco e condiamo con i vari ingredienti.

8 ricette di porridge per la primavera e l’estate: gli ingredienti stagionali perfetti per gustare il porridge nelle stagioni calde

Con fragole e banane essiccate

Dopo aver preparato il nostro porridge, guarniamo il tutto con fragole bio fresche tagliate a fettine e qualche pezzetto di banana essiccata. Una colazione dolce ed energica grazie al potassio delle banane! Ed è pure antiossidante.

photo-1515968270336-3e94abcdac1a.jpeg

Con frutti di bosco e scaglie di mandorle

Mentre il nostro pentolino di porridge sta cuocendo, in un tegame antiaderente facciamo saltare per circa un minuto e mezzo delle scaglie di mandorle pelate. Insieme a mirtilli e fragole a rondelle saranno il condimento perfetto per il porridge estivo.

photo-1509404808-957270945bb3.jpeg

Con ciliegie e albicocche

Sembra un’abbinata bizzarra, ma la dolcezza delle albicocche e l’acidulo delle ciliegie stanno molto bene tra loro. Togliamo i noccioli, tagliamo a pezzetti piccoli e mescoliamo, lasciando rilasciare il sughetto, quindi guarniamo il nostro porridge.

Con pesche, uva e semi misti

In estate le pesche belle succose sono perfette per un oatmeal gustoso e variegato, e abbinate ai semi misti diventano una bomba di bontà ed energia!

Breakfast_porridge.jpg

All’anguria e menta

Sì, all’anguria, il frutto per eccellenza dell’estate italiana! Tagliata a fettine triangolari e privata dei semini è buonissima adagiata sopra i nostri fiocchi d’avena morbidi. E con l'aggiunta di qualche fogliolina di menta risulterà ancora più fresco, questo piatto.

Al succo di fico d’india

Il fico d’India è davvero delizioso: una volta privato della buccia (attenzione alle spine!) possiamo tagliarlo a pezzetti e frullarlo e usare questo succo corposo come topping naturale per il porridge estivo.

Melone e albicocca

Una scorpacciata di betacarotene e di antiossidanti per proteggere la pelle dall’invecchiamento: il porridge con pezzetti di melone e albicocca è dolce, zuccherino e molto gustoso, oltre che decisamente benefico.

Alla marmellata di susine

Se a casa abbiamo delle susine fresche possiamo fare una marmellata in casa (anche con l’estrattore), più sana di quella comprata perché con meno zuccheri (mi raccomando, però, sempre meglio farla con poco zucchero!). E questa marmellata starà benissimo come condimento per il porridge dell’estate!

Il momento del cambio pannolino è tra i più importanti durante l’infanzia e non solo per il potere del contatto pelle a pelle che rafforza il rapporto sensoriale tra il bambino e i genitori. Essendo un gesto che si ripete svariate volte nel corso della giornata (e nel corso degli anni), il cambio pannolino deve essere eseguito con tutta la delicatezza e la sicurezza possibili, prevenendo gli arrossamenti causati dall’ambiente umido delle zone intime.


Oltre all’utilizzo di detergenti intimi delicati adatti alla pelle dei neonati, è importantissimo scegliere una crema cambio pannolino che sia dermoaffine, adatta a un utilizzo frequente e che rafforzi la barriera cutanea. Proprio come la Pasta Cambio di Fiocchi di Riso, pensata per rispondere in maniera efficace, naturale e delicata ai bisogni dei neonati durante il cambio pannolino.

Pasta Cambio di Fiocchi di Riso: la crema per il cambio pannolino delicata ed efficace, a base di ceramidi e kokum

La crema ideale per il cambio pannolino deve essere lenitiva, idratante e protettiva, per prevenire in maniera efficace gli arrossamenti della pelle delicata dei bambini, rispettandone le proprietà fisiologiche.

La Pasta Cambio Fiocchi di Riso in questo senso rispetta tutti i principi di cui abbiamo accennato. Si tratta di un preparato pensato per l’igiene quotidiana da utilizzare ogni giorno, ad ogni cambio pannolino, con la certezza della sua sicurezza e della sua delicatezza sulla pelle del bambino. Studiata per preservare la naturale funzione barriera della pelle, non occlude i pori e lascia traspirare la pelle.

Tra i suoi ingredienti principali troviamo le ceramidi, che regolano l’idratazione epidermica, integrando così le funzioni di barriera naturali della pelle del neonato, e il burro di kokum, un burro naturale ricco di Omega 6 e 9, di vitamina E dalle proprietà idratanti ed emollienti. Il burro, come le ceramidi, favorisce il naturale processo di rigenerazione cutanea. Altro importante ingrediente è l’olio di Argan, che favorisce l’ossigenazione cellulare proteggendo la cute dalle aggressioni esterne e neutralizzando i radicali liberi.

Dermatologicamente testato, il preparato Pasta Cambio di Fiocchi di Riso è 100% vegan, privo di nichel e testato contro l’1,4 Diossano.

La Pasta Cambio di Fiocchi di riso è indicata per l’utilizzo quotidiano, sin dai primi giorni di vita e fino a che il bambino ne avrà bisogno negli anni prima dello spannolinamento. Traspirante, si assorbe molto rapidamente ed è quindi molto comoda.

Ne basta pochissima: dopo avere lavato le zone intime del bambino con un detergente intimo delicato e dopo avere accuratamente asciugato con un panno morbido il sederino, è sufficiente spalmare una piccola quantità di Pasta Cambio sulle zone più delicate (l’interno delle cosce, le pieghe, le pieghe attorno ai genitali e la zona del pube) con un movimento delicato e leggero, anche senza strofinare.

La pelle del bambino ne esce ammorbidita, lenita e protetta, lasciandogli una sensazione di benessere e di protezione incredibile! La pelle traspira e si difende in maniera naturale, con la certezza di un prodotto sicuro e certificato, pensato esattamente per i bisogni dei neonati e per la loro cute delicata e ancora fragile.

Nel caso in cui la pelle del bambino presenti arrossamenti o infiammazioni la crema cambio su cui puntare sarà la Pasta Emu di Fiocchi di Riso, specifica per la cura delle irritazioni, antinfiammatoria e protettiva (LINK QUANDO SARÀ ONLINE IL PEZZO).

Come già sappiamo, gli Omega 3 sono grassi saturi fondamentali per il nostro organismo: fanno molto bene al sistema circolatorio e prevengono le malattie cardiovascolari, ma ora arriva un’altra buona notizia: una ricerca recentemente pubblicata in un articolo del New York Times illustra i benefici che gli acidi grassi Omega 3 avrebbero sulla gravidanza.

Secondo lo studio pubblicato sulla rivista scientifica Cochrane Reviews gli Omega 3 diminuirebbero infatti il rischio di nascita prematura. Ma vediamo nel dettaglio perché.

L’Omega 3 diminuisce il rischio di parto prematuro: gli acidi grassi fondamentali per il nostro organismo e i loro benefici per la gravidanza e la nascita

Il fabbisogno giornaliero di acidi grassi Omega 3 (presenti in quantità notevoli nel pesce azzurro e in alcuni cibi vegetali) dovrebbe essere di 3 grammi al giorno. Essendo privi di effetti collaterali e avendo molti benefici per l’organismo, una dieta ricca di Omega 3 è quindi consigliata. Anche in gravidanza.

Secondo l’articolo pubblicato, le donne in gravidanza che durante la gestazione hanno assunto un’integrazione di Omega 3 hanno manifestato l’11% di rischio in meno di parto prematuro (ovvero prima di trentasette settimane). L’analisi ha preso in considerazione settanta donne in stato di gravidanza comparando la loro assunzione di Omega 3 (da fonti di pesce) e l’incidenza di parto prematuro.

Secondo i ricercatori, capitanati da Philipp Middleton del South Australian Health and Medical Research Institute, esiste quindi una stretta relazione tra Omega 3 e parto prematuro: le donne che assumevano un’integrazione di acidi grassi Omega 3 hanno mostrato un 11% di rischio minore di partorire prima della 37esima settimana di gestazione e un 42% di minor rischio di dare alla luce il bambino prima della 34esima settimana.

Un altro dato che fa pensare ai benefici dell’Omega 3 per la gravidanza e per la nascita è il peso dei bambini al momento del parto: le madri che assumevano integrazioni di Omega 3, infatti, hanno diminuito del 10% il rischio che i propri bambini fossero sottopeso al momento della nascita e, addirittura, il rischio di morte prenatale del bambino si è ridotto del 25%.

Gli studiosi non hanno preso in considerazione altri aspetti sui quali gli Omega 3 potrebbero portare beneficio (come la depressione post parto, il parto indotto post-temine o il ricovero in terapia intensiva dei bambini dopo il parto), ma l’analisi della diminuzione dei rischi relativi al parto prematuro e alla nascita sottopeso dei bambini è già di per sé una buona notizia che potrebbe rappresentare una svolta in questo campo.

Come ha fatto sapere la dottoressa Middleton al New York Times, infatti, le cause dei parti prematuri sono ancora troppo spesso sconosciute e non c’è molto che i medici possano fare. Se un supplemento di Omega 3 nella dieta delle mamme si rivelasse, come già questa ricerca fa presupporre, benefico in questo senso, potrebbe davvero fare la differenza, diminuendo i parti prematuri nel mondo.

 

Mamma Pret a Porter non è una testata medica e le informazioni fornite hanno scopo puramente informativo e sono di natura generale, esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico o di un pediatra (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, fisioterapisti, ecc.) abilitati a norma di legge. Le nozioni sulle posologie, le procedure mediche e le descrizione dei prodotti presenti in questo sito hanno un fine illustrativo e non devono essere considerate come consiglio medico o legale.

Maschera viso fai da te? Sì, grazie! Ci piacciono moltissimo le maschere viso fatte in casa, essenzialmente per due motivi: perché sappiamo sempre con certezza che sono composte da elementi naturali e perché gli ingredienti sono semplici e possiamo trovarli sempre nella dispensa in cucina. E poi possiamo variare ogni volta in base alle necessità di quel momento della nostra pelle! Basta sempre applicarle sul viso deterso e asciutto e lasciarle in posa venti minuti prima di risciacquarle bene.

In queste cinque maschere DIY e homemade vi spiegheremo quindi come preparare delle maschere viso per vari tipi di pelle, con l’aggiunta di oli essenziali specifici di volta in volta.

6 maschere viso agli oli essenziali da fare in casa: come preparare in casa le maschere viso con ingredienti naturali e oli essenziali

Maschera alla lavanda per una pelle vellutata

Mischiamo due cucchiai di miele con 20 ml di olio di mandorla e tre gocce di olio essenziale alla lavanda e la maschera è già pronta per essere applicata.

Maschera all’olio di rosa per combattere le rughe

Per combattere i segni del tempo l’olio essenziale più indicato è quello alla rosa: mischiamone due gocce con due cucchiai di acqua e uno di argilla rosa: l’argilla formerà una cremina da applicare sul viso, da lasciare agire per venti minuti per due volte a settimana.

Maschera all’olio essenziale di limone per contrastare le macchie

La stessa ricetta, ma con dell’olio essenziale di limone al posto della rosa, possiamo sfruttarla se sul viso sono presenti le macchie scure che a volte il tempo lascia sulla pelle.

Maschera all’olio essenziale di geranio contro la pelle grassa

In caso di pelle grassa e oleosa possiamo sfruttare l’olio essenziale di geranio, combinandolo con ingredienti che assorbono il grasso in eccesso e che, soprattutto, regolano il sebo del viso e astringono i pori dove necessario (soprattutto sulla zona T). Per preparare la maschera mescoliamo tre cucchiai di argilla verde con uno di miele (dalle proprietà antinfiammatorie e antibatteriche), mezzo cucchiaio di succo di limone e due gocce di olio essenziale di geranio.

Maschera all’olio essenziale di rosa illuminante

Quando sentiamo la pelle spenta e stanca a causa dello smog cittadino, dello stress o della stanchezza, possiamo sfruttare le proprietà rigeneranti della rosa (utilizzata anche per la maschera anti-rughe) per un effetto illuminante e rinfrescante: la nostra maschera fatta in casa sarà composta da due cucchiai di miele, mezzo di succo di limone e tre gocce di olio essenziale alla rosa.

Maschera super idratante all’olio essenziale di lavanda

La lavanda lascia la pelle vellutata, come detto in precedenza, e possiamo sfruttarla anche per una maschera fatta in casa per dare un boost di idratazione al nostro viso. La base della maschera sarà una banana matura: schiacciamone metà e mescoliamola con due cucchiai di yogurt naturale, mezzo cucchiaio di olio di oliva e due gocce di olio essenziale di lavanda. Mischiamo bene e applichiamo sul viso, sciacquandolo poi con acqua e sapone delicato per togliere ogni residuo di olio.6 maschere viso agli oli essenziali da fare in casa6 maschere viso agli oli essenziali da fare in casa

Nascono in un vero laboratorio di Fitocosmesi Funzionale. Le formulazioni dei loro preparati sono naturali, dermoaffini e biocompatibili: rispettano e promuovono le attività funzionali e fisiologiche della cute e sono particolarmente efficaci per la cura e l’igiene di ogni tipo di pelle. Anche la più sensibile. Utilizzano ingredienti dermocompatibili di altissima qualità.

Parliamo dei prodotti Fiocchi di Riso, brand che da sempre mette al centro della propria ricerca la pelle, a partire da quella più delicata e indifesa: quella del neonato e del bambino.

La nostra filosofia è ben conosciuta: cerchiamo sempre prodotti per le nostre famiglie che siano naturali, efficaci e delicati allo stesso tempo. E Fiocchi di Riso racchiude in sé tutto questo, con la sicurezza di certificazioni valide, una ricerca costante e un approccio dermocosmetico “artigianale”.

Se ce la sentiamo di consigliarvi tutto questo è perché sappiamo a chi vi stiamo affidando: noi per prime utilizziamo i prodotti Fiocchi di Riso e conosciamo quindi benissimo e di prima mano la qualità che li rende unici!

Dermo-cura e Dermo-igiene

La caratteristica principale dei preparati Fiocchi di Riso? Il rispetto dell’equilibrio fisiologico della pelle, a partire da quella dei più piccoli, molto più delicata della nostra, più indifesa e da tutelare con maggiore attenzione e delicatezza. Gli ingredienti utilizzati nei loro prodotti sono tutti dermocompatibili, scelti per la loro capacità di stimolare le naturali funzionalità della cute. Anche le pelli più sensibili si trovano benissimo con Fiocchi di Riso.

Non ci stancheremo mai di ripetere che la pelle va tutelata tanto quanto gli altri organi vitali: è attraverso essa che l’esterno entra a contatto con l’interno del nostro corpo e trattare bene la pelle significa fare bene a tutto l’organismo. La pelle difende l’organismo, lo termoregola, svolge funzione di sintesi per elementi importantissimi e ha una capacità immunologica. Perché, dunque, affidarsi a prodotti che non siano sicuri al 100%?

Studiati per ogni tipo di esigenza cutanea - anche la più sensibile – Fiocchi di Riso ha sviluppato sia prodotti che rispondono a esigenze cutanee specifiche (Linea Dermo-cura) sia prodotti per l’igiene quotidiana della pelle (Linea Dermo-Igiene).

Dermo-cura: prodotti che rispondono in modo naturale ed efficace all’insorgere di esigenze cutanee specifiche. Iindicati come coadiuvanti in caso di irritazioni, arrossamenti e infiammazioni.

Dermo-igiene: prodotti che soddisfano il quotidiano bisogno di coccole e protezione della pelle. Le diverse formulazioni, particolarmente dermocompatibili, svolgono una naturale azione detergente, idratante e nutriente, rispettando e supportando l’equilibrio fisiologico della cute.

Tutti i preparati Fiocchi di Riso vengono prodotti nel loro laboratorio di Fitocosmesi Funzionale, all’interno del quale vengono selezionati e lavorati i principi attivi nutritivi naturali più efficaci. Cosa significa? Significa che Fiocchi di Riso è un aiuto perfetto, poiché svolge le funzioni richieste rispettando sempre la pelle e sfruttando le sue funzioni naturali, senza eccedere né lesinare.

Non bastasse, Fiocchi di Riso ha tutte le certificazioni a cui teniamo: i preparati sono dermatologicamente testati, sono privi di 1,4-Diossano (irritante) e Nichel (allergizzante).

Dove troviamo Fiocchi di Riso? Be’, nelle migliori farmacie, nei negozi specializzati prima infanzia e nei negozi Chicco oppure sul sito internet ufficiale.

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter