Perdite da impianto: un fenomeno comune in gravidanza

Durante le prime fasi della gravidanza, molte persone possono sperimentare un fenomeno noto come perdite da impianto. Questo evento, sebbene spesso accompagnato da preoccupazioni, è in realtà un segnale fisiologico del corpo e la gravidanza potrebbe effettivamente stare per avvenire.

Le perdite da impianto sono dunque una situazione frequente durante le prime fasi della gravidanza. Comprendere i sintomi associati a questo processo può aiutare le future mamme a distinguere tra un evento fisiologico e eventuali segnali di preoccupazione.

Le perdite da impianto

Le perdite da impianto si verificano tipicamente una settimana o due dopo il concepimento, quando l'ovulo fecondato si impianta nella parete uterina. Questo processo può causare una leggera fuoriuscita di sangue, che è spesso più leggera e di breve durata rispetto al normale flusso mestruale.

Gli esperti attribuiscono questo sanguinamento all'adesione dell'embrione al tessuto uterino, e talvolta può essere accompagnato da lievi crampi.

I sintomi e la distinzione

Le perdite da impianto sono generalmente caratterizzate da un colore più chiaro rispetto al normale flusso mestruale. Questo sanguinamento può variare da un leggero rosa a una tonalità marrone. È importante sottolineare che le perdite da impianto sono di breve durata, leggere (da salvaslip) e solitamente persistono solo per uno o due giorni. Al contrario, un flusso mestruale tipico può durare di più e avere una tonalità più intensa.

È essenziale distinguere le perdite da impianto da eventuali segnali più preoccupanti. In caso di sanguinamento eccessivo, dolore intenso o altri sintomi sospetti, è fondamentale consultare immediatamente un professionista della salute per escludere complicazioni.

Le altre perdite

In generale, sebbene sia giusto che destino preoccupazioni (perché potrebbero indicare un aborto spontaneo o altri problemi), le perdite di sangue nelle prime settimane di gravidanza sono frequenti. Si parla del 20% delle gestazioni. La metà, effettivamente, termina con un miscarriage, un aborto, ma l'altra metà prosegue fisiologicamente.

Se, poi, la gravidanza non è in atto, il sanguinamento diverso da quello mestruale potrebbe indicare tutta un'altra serie di problemi, dalle infiammazioni alle malattie sessualmente trasmissibili.

Che fare, quindi?

Per le donne che sperimentano (ipotetiche) perdite da impianto, è consigliabile monitorare la durata e l'intensità del sanguinamento. Sebbene sia comune, è importante osservare eventuali cambiamenti significativi o segni di preoccupazione. Consultare un medico o una medica è sempre la scelta migliore per garantire una gravidanza sana e senza complicazioni.

Inoltre, è utile mantenere uno stile di vita sano durante la gravidanza. Una dieta bilanciata, l'esercizio moderato e un adeguato riposo possono contribuire al benessere generale e favorire una gravidanza più tranquilla.

 

Fonti: MSD Manual | Humanitas

 

Mamma Pret a Porter non è una testata medica e le informazioni fornite hanno scopo puramente informativo e sono di natura generale, esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico o di un pediatra (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, fisioterapisti, ecc.) abilitati a norma di legge. Le nozioni sulle posologie, le procedure mediche e le descrizione dei prodotti presenti in questo sito hanno un fine illustrativo e non devono essere considerate come consiglio medico o legale.

Ti potrebbe interessare anche

Cos'è la coppetta del concepimento (e come funziona)
Gravidanza ectopica: cos'è, perché avviene e perché è pericolosa
Propoli in gravidanza: si può assumere?
Tinta in gravidanza: si può fare o no?
Dormire a pancia in giù o a pancia in su in gravidanza? Meglio di fianco
Pancia dura in gravidanza: a cosa è dovuta trimestre per trimestre
Makeup in gravidanza: tutto ciò che bisogna sapere
Ciliegie in gravidanza: si possono mangiare?
Si può mangiare la burrata in gravidanza?
Tatuaggi in gravidanza: sì o no?
Transaminasi alte in gravidanza: perché fare attenzione
Il test di Coombs indiretto in gravidanza: di cosa si tratta

Sara

sara.png

Cecilia

Untitled_design-3.jpg