Scegliere il giusto salone di bellezza non è facile- dopotutto nessuno vuole ricevere un trattamento sbagliato. Ma ora, con il COVID-19 che infuria in tutto il pianeta, ci sono molte altre cose importanti di cui preoccuparsi, soprattutto: la nostra sicurezza. Sfortunatamente, la cura delle nostre sopracciglia o delle unghie adesso, comporta un nuovo livello di attenzione da mantenere che va ben oltre l’insoddisfazione per il nostro riflesso nello specchio.

Per rendere le cose più complicate, molti di noi non sanno nemmeno fino a che punto sono cambiate le leggi che regolano i saloni di bellezza, rendendo molto più difficile scegliere un salone di bellezza basato sulle sue buone pratiche anti-COVID.

Se ti senti un po 'sopraffatto, dai un'occhiata alla lista qui sotto per scoprire quali domande dovresti porti prima della tua prossima visita in un salone di bellezza, per stare al sicuro. Chi ha detto che non puoi aiutare ad appiattire la curva del virus e apparire favolosa mentre lo fai?

10 domande da porsi prima di scegliere un salone di bellezza: quali domande porre e porsi prima di recarsi dall'estetista o dal parrucchiere

Quali misure di sicurezza sono state adottate nel salone?

Secondo le linee guida per i trattamenti con contatto ravvicinato, le postazioni di lavoro dovrebbero trovarsi ad almeno 2 m di distanza l'una dall'altra. Se ciò non fosse possibile, installare schermi trasparenti tra le postazioni di lavoro in modo da impedire il contatto diretto tra i client. Abiti nuovi e asciugamani dovrebbero essere forniti per ogni nuovo cliente che entra. Il personale deve indossare visiere trasparenti (le maschere antivirali sono opzionali) che coprono il naso e la bocca in ogni momento, così come guanti monouso che cambiano dopo ogni cliente. Dovrebbe essere attuata una politica senza contanti, per eliminare la necessità di toccare monete e banconote. E, ultimo ma non meno importante, dovrebbe esserci un disinfettante disponibile per i clienti, idealmente sia all’ingresso che nei bagni.

Posso leggere riviste e prendere un caffè nell'area di attesa come una volta?

No. Sfortunatamente, le aree di attesa dei clienti sono luoghi in cui è fin troppo facile entrare in contatto con tutti i tipi di germi, e diffonderli così con I clienti seduti insieme a te, sfogliando le stesse riviste, o sorseggiando un caffè. Attualmente, sono consentite solo le aree di attesa dei clienti in cui è possibile mantenere le distanze sociali e anche in questo caso, può essere servita ai clienti solo acqua, in bicchieri o bottiglie usa e getta. In linea generale, tuttavia, sarebbe meglio non entrare per un appuntamento troppo presto, per evitare situazioni che aumentano il rischio di infezione. O dover fare la fila all'aperto sotto la pioggia!

Devo indossare guanti e mascherina nel salone di bellezza?

Sì, dovresti indossare una mascherina e mantenere una distanza di almeno 2 m quando visiti un salone di bellezza, almeno quando ti trovi nelle aree di accoglienza e di attesa. Non devi indossare i guanti, ma probabilmente ti verrà chiesto di disinfettare le mani all'arrivo.

salone-bellezza-2.jpg

Posso andare nel salone di bellezza con un amica?

Godere di un trattamento in compagnia con la tua migliore amica in un salone di bellezza non è qualcosa che probabilmente sarà molto fattibile attualmente. Mentre non ci sono regolamenti che ti vietano di entrare nel salone di bellezza con qualcuno, è probabile che il distanziamento sociale proibisca un trattamento congiunto. Per non parlare del fatto che essere a 2 m di distanza dal tuo amico significa che dovresti alzare considerevolmente la voce per essere ascoltato ... e alzare la voce è sconsigliabile, poiché espelli più goccioline di saliva nell'ambiente circostante.

Il salone utilizza i metodi necessari per sterilizzare correttamente gli strumenti e le superfici?

Tutti gli strumenti utilizzati durante le procedure e i trattamenti devono essere usa e getta o sterilizzati con un'autoclave, una potente macchina che uccide batteri, virus e funghi. Anche i tavoli, le sedie e i lettini per i trattamenti devono essere puliti con un disinfettante dopo ogni trattamento. Inoltre, gli appuntamenti devono essere opportunamente distanziati in modo da consentire il tempo necessario per disinfettare adeguatamente ogni postazione di lavoro. Qualsiasi salone di bellezza che mette la quantità sulla qualità in un momento come questo non è degno dei tuoi soldi (o di nessuno!)!

Con quale frequenza vengono disinfettate le superfici e gli strumenti utilizzati?

Come detto il salone deve utilizzare disinfettanti approvati e la sterilizzazione in autoclave. Ma sterilizzare una volta al giorno non è sufficiente. Per aiutare a fermare la diffusione del COVID-19, le superfici e gli strumenti devono essere disinfettati dopo ogni cliente. Anche le maniglie delle porte, gli interruttori della luce e altri oggetti toccati da più persone, devono essere disinfettati regolarmente, più volte al giorno. Anche le visiere indossate dal personale devono essere adeguatamente pulite alla fine del turno o cestinate

Gli appuntamenti possono essere presi telefonicamente o devo prenderli di persona?

I centri responsabili incoraggeranno i loro clienti a chiamare in anticipo per fissare gli appuntamenti. Questo non solo aiuta a limitare il numero di interazioni sociali che dipendenti e clienti possono avere, ma consente anche al personale del salone di bellezza di selezionare i potenziali clienti. Lo screening dovrebbe includere alcune domande basilari ma importanti, ad esempio se il cliente o i suoi parenti stretti hanno avuto febbre, brividi o difficoltà respiratorie o si sono sentiti male nelle ultime 24 ore. Queste informazioni aiuteranno a determinare se l'appuntamento di un cliente debba essere posticipato fino a quando non saranno sicuri di non aver contratto COVID-19.

Come posso essere sicuro che nessuno infetto da COVID-19 abbia visitato il salone di bellezza prima di me?

Come accennato in precedenza, il personale del salone di bellezza dovrebbe condurre una breve intervista telefonica con ogni potenziale cliente prima di fissare un appuntamento. A condizione che vengano prese questa e le altre precauzioni precedentemente menzionate, il rischio di contrarre il COVID-19 in un salone di bellezza dovrebbe essere quasi zero. Se, d'altra parte, chiami in un salone di bellezza per fissare un appuntamento e nessuno ti pone domande sui sintomi di COVID-19, potrebbe essere una buona idea prenotare altrove.

Va bene togliermi la mascherina/i guanti durante un trattamento?

Indubbiamente è più sicuro indossare mascherina e guanti al giorno d'oggi - la ricerca ha dimostrato che indossare una mascherina è utile per impedirci di trasmettere il virus ad altri, se dovessimo averlo. Esistono, tuttavia, molte procedure e trattamenti estetici di bellezza che sarebbe del tutto impossibile per il personale eseguire su un cliente indossando guanti - ad esempio fare una manicure. Dato che un salone di bellezza presta sufficiente attenzione al processo di sterilizzazione di tutte le superfici e gli strumenti, togliersi i guanti per quella manicure, o la maschera per la mesoterapia, non dovrebbe mettere a rischio significativo di contagio. Per quanto riguarda il personale del salone di bellezza, non ti preoccupare, poiché le visiere che devono indossare sono abbastanza protettive per loro.

Il salone offre alcuni campioni che posso provare mentre sono lì?

Provare alcuni campioni gratuiti di prodotti di bellezza è sempre un'esperienza divertente che può portare alla scoperta di un nuovo prodotto o marchio preferito. Attualmente, tuttavia, il contatto con i clienti all'interno del salone con i campioni dovrebbe essere ridotto al minimo, con piccoli campioni confezionati singolarmente che dovrebbero essere dati al cliente per provare a casa anziché applicati al salone.
La riapertura dei saloni di bellezza in Italia è stato un momento emozionante per milioni di italiani. Il COVID-19 è estremamente pericoloso, ma sappiamo come batterlo: se tutti teniamo a mente le nuove norme di sicurezza, possiamo uscire vivi da questo anno folle non dovendo rinunciare alla cura di noi stessi!

Settembre, ottobre e novembre sono i mesi in cui al mercato troviamo la patata dolce, o patata rossa, o, ancora, batata. Dal gusto più zuccherino rispetto alla patata normale, ricorda la zucca (e con lei si sposa benissimo). Ha molte proprietà benefiche e nutrienti ed è buonissima come contorno autunnale! 

Ecco quindi come preparare la patata rossa al forno per un contorno sfizioso, gustoso e nutriente, arancione come le prime foglie che cadono dagli alberi rendendo tutto super Hygge.

Patate dolci al forno: come cucinare la batata rossa al forno per un contorno delizioso

 

“Il fanciullo ha diritto alla libertà di espressione. Questo diritto comprende la libertà di ricercare, di ricevere e di divulgare informazioni e idee di ogni specie, indipendentemente dalle frontiere, sotto forma orale, scritta, stampata o artistica, o con ogni altro mezzo a scelta del fanciullo”: questo dice la Convenzione sui diritti dell’infanzia, sancendo, di fatto, il diritto del bambino a esprimersi secondo la sua unicità e la sua individualità.

Viviamo, tuttavia, in una società molto omologata, anche nell’espressione dell’individualità. Come fare, dunque, per aiutare i bambini a trovare il loro vero io e il loro vero essere? Come guidarli verso un gusto che sia loro, verso un pensiero personale e verso una capacità di costruirsi delle opinioni sane e personali?

Come stimolare e incoraggiare la libertà d’espressione nei bambini: i consigli per aiutare i bambini a trovare il proprio vero io

Lasciare che scelgano la propria pettinatura

Non è una frivolezza, ma una parte fondamentale della vita: come acconciamo i capelli dice chi siamo. Lasciamo quindi che siano i bambini a decidere il loro taglio (quando possibile) e la loro acconciatura, evitando frasi come “i capelli lunghi sono da femmina” o “la frangia è scomodissima, e poi stai meglio senza”. Sì, possiamo guidarli o proporre pettinature, e non sempre possiamo lasciare che facciano le pazzie che vogliono, ma tra il guidarli e il vietare di esprimersi attraverso i capelli ne passa di acqua sotto i ponti!

Lasciare che scelgano i loro vestiti

Come sopra, non è qualcosa di frivolo e soprattutto non è solo un esercizio di indipendenza utile alla crescita; è anche un modo per far sì che i bambini esprimano la propria personalità in maniera creativa.

bambino-felice1.jpg

Ascoltare

A volte sembra facile, altre difficile, ma spesso ci pare anche inutile, perché i bambini ci dicono così tante cose da lasciare che scorrano via. Ascoltiamo invece le loro parole, cerchiamo di capirle più profondamente e non sminuiamo le loro emozioni quando ce le vogliono esprimere. In questo modo i bambini capiranno, in maniera conscia o meno conscia, che il loro pensiero è importante.

Scegliere i giusti cartoni e i giusti film

Non proponiamone solo uno, ma lasciamo che ne guardino quanti ne vogliono (non in termini di tempo: la tv va limitata durante il giorno; parliamo di ventaglio di scelta). I cartoni animati e i film per bambini, infatti, sono fatti proprio per loro e ognuno ha un messaggio diverso. In questo modo i bambini ascolteranno messaggi diversi e formeranno una loro coscienza senza il rischio di fossilizzarsi su pochi e limitati concetti.

bambina-felice.jpg

Cercare la rappresentazione e la diversità

Le bambole, i cartoni, i libri: scegliamo quelli che includano la diversità in termini di rappresentazione. Bambole con colori di pelle diversa, film e cartoni che parlano di situazioni e famiglie diverse, libri che includano tanti bambini differenti… La rappresentazione è fondamentale per trovare se stessi, per acquisire autostima e per stimolare la creatività personale.

Giocare ai travestimenti

È un gioco fondamentale per la crescita e permette di “mettersi nei panni di” e di trovare i propri. Lasciamo quindi una cesta piena di vecchi abiti, accessori e tessuti che non utilizziamo più, lasciando che i bambini giochino al travestimento e alla scenetta ogni volta che se la sentono.

Lasciare scegliere la propria musica

È bello trasmettere ai bambini le proprie passioni, come quella musicale. Ma dopo aver fatto ascoltare i nostri artisti preferiti, lasciamo che i nostri figli scoprano i loro, senza pregiudizio e ascoltandoli!

bambino-lego.jpg

Lo sport? Non esistono solo danza e calcio

Ci sono fiere ed eventi fatti apposta, che presentano ai bambini e alle famiglie gli sport della zona. Magari non lo sappiamo, ma c’è una palestra di roccia vicino a casa. E il corso di nuoto sincronizzato esiste anche qua! In alcune città e paesi, poi, ci sono molti corsi di karatè e arti marziali, oppure di pattinaggio, skateboard, sci, yoga, rugby… Anche lo sport è molto educativo, soprattutto quando si sceglie una disciplina guidati dal proprio gusto e non dai compagni che in massa fanno quel determinato sport!

“Ma è bravo?”. “Ma è brava?”. Una domanda che implica altro, ovvero: “Ma ti dorme la notte?”. Perché è questo che rende un bambino “bravo” secondo i luoghi comuni: se dorme la notte è bravo; se non dorme, beh, non lo è. E se non lo è, beh, c’è qualcosa di sbagliato che i genitori stanno facendo.

E invece no! Non è assolutamente così. E se già il concetto di “bravo/brava” è qualcosa da superare, lo è ancora di più nel caso dei neonati, che non sono bravi o brave solo se dormono la notte, se piangono poco o se spuntano le classiche caselle dei “bravi bambini” secondo le zie Ignazie di questo mondo.

Se il bambino non dorme, non è perché sei “una cattiva madre”: no, i luoghi comuni sono tutti sbagliati

Dai, provate a contare: quante volte, nel primo anno di vita di vostro figlio o di vostra figlia, vi hanno chiesto “Ma è buono? Ma è brava? Ti dorme tutta la notte?”.

Le routine del sonno, insomma, sembrano essere il metro di giudizio preferito dai curiosi che ci chiedono come stanno andando i primi mesi. E se la risposta è: “Beh, non dorme molto durante la notte, si sveglia spesso”, quasi ci sentiamo in difetto. Come se il fatto che nostro figlio non dorma tutta la notte come noi esseri umani adulti faccia di noi dei cattivi genitori, non in grado di aggiustare la routine notturna in poche settimane.

Ma questa routine ha bisogno dei suoi tempi, e soprattutto ogni bambino è diverso. C’è poi il discorso del “come dorme”. Dorme con voi? “Ma poi prende il vizio!”. Dorme nel lettino? “Cavolo, ma non gli mancherà il contatto fisico?”. Dorme nel lettino nella sua cameretta? “Ma siete pazzi, di già?”. Le opinioni si sprecheranno. L’importante è non lasciarsi scoraggiare dal giudizio.

Certo, i consigli sono spesso benaccetti, così come il confronto con altre mamme. Ma quando il confronto diventa unilaterale e il giudizio si insinua nello sguardo, allora è bene fare un passo indietro. Non lasciamo che questo giudizio ci dica che siamo cattivi genitori! Perché non lo siamo. Perché non sono le ore di sonno del nostro bambino a renderlo “bravo” o “cattivo” o a rendere noi “bravi” o “cattivi” genitori.

nanna-neonato.jpg

Lo stesso discorso vale per il pianto. “Ah, piange molto?”. Insomma: “Non è bravo”. “Non siete bravi genitori”. Il pianto è semplicemente l’unico modo di comunicare che un bambino ha in questi primi mesi di vita. Perché relegarlo quindi a un fastidio da superare e da correggere per far sì che il bambino diventi un bravo bambino? Ciò che dobbiamo fare è ascoltare questo pianto, capire il problema davvero, e non cercare di calmarlo solo per silenziare il fastidio! Non siete quindi cattivi genitori perché vostro figlio piange più della media. Anzi.

Evitiamo quindi di usare queste parole. Chiedere è lecito, non c’è nulla di male, ma è bene non farlo con il classico “Ma è buono/a?”. Possiamo chiedere quante ore dorme di fila, quando mangia, come si comporta nei primi mesi: la curiosità è naturale, ed è giusto anche confrontarsi. Sono le parole che sono sbagliate, perché implicano altro. E usare parole diverse è semplicissimo! Basta cominciare a farlo con naturalezza.

I migliori tagli di capelli per bambino

Mercoledì, 16 Settembre 2020 08:49

Arruffati, iper pettinati, corti, lunghi, ricci, lisci… I bambini hanno dei capelli sempre meravigliosi, con colori unici e consistenze perfette! Valorizziamoli quindi con dei bei tagli per bambino che riflettano la loro personalità e che siano allo stesso tempo belli da vedere e semplici da mantenere.

Vi ho preparato una selezione dei tagli semplici da maschio più belli, facili e graziosi, per prendere spunto prima di portare i bimbi dal parrucchiere.

I migliori tagli di capelli per bambino: a quali tagli da maschio ispirarsi prima di andare dal parrucchiere

Il classico taglio

Questo è un po’ il classico taglio, pulito e definito, essenzialmente corto, con una riga laterale solo accennata. Senza tempo e comodissimo (anche da mantenere!) è tra i preferiti dei bambini.

taglio-capelli-bambino.jpg

L’”Oasis”

Ispirato alla scena brit-pop degli anni Novanta, questo mullet leggero con frangia dritta da spettinare è tornato di moda, e a noi piace tantissimo.

taglio-oasis-bambino.jpg

Il corto spettinato

Simile al primo ma essenzialmente più morbido e spettinato: senza una forma definita, è perfetto per i bambini con i capelli leggermente mossi.

taglio-medio-bambino1.jpg

Il riccio naturale

Qui la lunghezza è lasciata un po’ più morbida, per far sì che si formino i bellissimi ricciolini, che potranno andare ovunque vorranno facendo sempre effetti deliziosi.

capelli-ricci-bambino.jpg

Il riccio afro

Più compatto del riccio morbido, questo riccio è sempre bellissimo e d’effetto, ed è super naturale. Basta prendersi cura in maniera precisa di questo capello crespo ma delicatissimo, che non ha bisogno di shampoo frequenti ma di tanta idratazione!

capelli-afro-bambino.jpg

La scodella

Preciso, geometrico e senza tempo, il taglio a scodella è audace, adatto ai bambini con forte personalità e con capelli molto lisci! Sempre bellissimo.

scodella-bambino.jpg

I twist corti o i minidread

Sono piccole treccine che tengono i capelli molto ricci ordinati. Sono super stilosi e possono essere fatti nei saloni specializzati in acconciature afro, oppure a casa con molta manualità!

photo-1519238263530-99bdd11df2ea.jpeg

La frangia

Sì, anche i maschi hanno la frangia, e sta benissimo su dei caschetti medi un po’ spettinati.

taglio-medio-bambino.jpg

Le acconciature per bambine con capelli afro

Martedì, 15 Settembre 2020 07:55

Dipende da riccio a riccio, ma in generale i capelli afro sono molto delicati da trattare e hanno bisogno di cure diverse rispetto ai capelli lisci (qui trovate qualche idea di acconciatura per bambine con capelli lisci o leggermente mossi). Per le bambine con capelli afro, quindi, si consiglia di non lavarli troppo spesso con lo shampoo per evitare di seccare la cute e i capelli, mantenendo invece l’equilibrio degli oli naturali della pelle, e di non massaggiare lo shampoo tra le ciocche, ma solo sulla cute. Il balsamo? Scegliamolo districante e senza risciacquo, che ammorbidisca le ciocche, districandole mentre il balsamo è applicato con le dita o con un pettine di legno a denti molto larghi.

Dopodiché si passa all’asciugatura: evitiamo di far toccare il diffusore del phon con i capelli, togliamo l’umidità maggiore e lasciamo poi che l’aria finisca il lavoro.

Ma poi, come acconciare questi bellissimi capelli? Ecco qualche idea molto semplice e quotidiana per i capelli ricci afro naturali.

Le acconciature per bambine con capelli afro: come pettinare i capelli afro delle nostre bimbe per un effetto super

Naturali

Possiamo lasciarli innanzitutto al naturale, bellissimi e vaporosi, con il loro tipico volume e i grovigli super affascinanti.

pexels-photo-1068205.jpeg

Un codino

Per le bimbe che non amano i capelli sul volto ma vorrebbero tenere i capelli naturali basta invece un codino alto centrale.

photo-1445633883498-7f9922d37a3f.jpeg

Tanti codini

Per le bimbe più piccole, per tenere i ricci (che sono ancora corti, dal momento che i capelli ricci “crescono” più lentamente, a causa delle curve strettissime delle onde) in ordine, un’idea sono tanti codini su tutta la testa con tanti elastici colorati come piace a loro.

photo-1474648676916-0558486e7fa0.jpeg

Il cerchietto

Un semplice cerchietto è sempre una buona idea, su tutti i tipi di capelli: guardate che bell’effetto sul volume dei ricci.

photo-1502808777105-c5f7b639feae.jpeg

La coda alta

La coda alta ben tirata e fissata con un elastico ben saldo è elegante, ordinata e fa sempre un effetto “wow”.

photo-1533029764620-40021530b1aa.jpeg

Le treccine

Possiamo farle nei saloni specializzati in capelli afro e sono un’idea molto buona, dal momento che stanno benissimo e che permettono di stare “tranquilli” per qualche settimana, senza dover pettinare ogni giorno i capelli.

photo-1592328906746-0a3ca0bde253.jpeg

I cornrows

Sono un tipo di treccia attaccata alla testa, molto ordinato e tirato, dall’effetto sempre stupefacente. Anche in questo caso, le si fa nei saloni specializzati (o in casa, se siamo in grado!), per poi tenerle per qualche settimana, sempre in ordine.

treccine-afro-bambina.jpg

https://www.pinterest.it/pin/613122936747877894/

Le trecce basse

Tanto gelo sopra, tirando molto bene le radici, e poi delle belle treccione sulle punte: un hairstyle afro bellissimo, delicato ed elegante.

capelli-afro-naturali.jpg

https://www.pinterest.it/pin/2392606041928752/

Dove acquistare i giochi da tavolo per bambini

Venerdì, 11 Settembre 2020 14:07

Ci sono un sacco di giochi di carte per bambini interessanti e divertenti, così come numerosi giochi da tavolo pensati per bambini di tutte le età, e non solo per quelli più grandi. Ma quali acquistare? Dove trovarli? E quali sono i migliori?

Ecco una selezione di giochi in scatola, carte e giochi da tavolo per bambini di tutte le età. Li troviamo nei migliori negozi di giocattoli (quelli più forniti), oppure su internet (e vi lasciamo qualche link).

Dove acquistare i giochi da tavolo per bambini: quali sono i migliori giochi da tavolo, le migliori carte e i migliori giochi in scatola per bambini

Le classiche carte

Con le classiche carte possiamo giocare con i bambini in numerosissimi modi (qui un articolo dedicato proprio ai giochi di carte da fare in famiglia). Meglio quindi averle a casa! Magari carine come queste di Harry Potter.

carte-harry-potter.jpg

Dobble

Avete mai giocato a Dobble? Le regole sono semplici e si può giocare in vari modi, ma non pensate che sia un gioco per bambini: è una sfida per tutta la famiglia!

dobble.jpg

Uno

Queste sono le carte da Uno in versione junior, per cominciare fin da piccoli ad amare questo gioco che rompe amicizie per un “+4” dato nel momento sbagliato! Naturalmente si scherza, ma la competitività che questo gioco innesca è davvero divertente, se presa nella giusta maniera.

carte-uno.jpg

Rubamazzo

Un classico gioco per bambini e adulti con delle carte pensate apposta per loro (lo troviamo qui): Rubamazzo non ha età ed è un gioco utile per rafforzare la logica dei bambini.

rubamazzo.jpg

Bandito servito e i Babagiochi

La casa editrice Babalibri ha pensato anche ai Babagiochi, piccoli giochi in scatola per introdurre i bambini (in questo caso dai 4 anni) alla bellezza e al divertimento dei giochi in scatola. "Bandito servito" è carinissimo! E tiene pochissimo spazio.

bandito-servito.jpg

Pictionary

A volte i bambini disegnano meglio di noi, e con questo classico dei giochi in scatola ci smaschereranno!

pictionary.jpg

Sussed

Sussed è un gioco di conversazione e di quiz per passare una piacevole serata in famiglia, per stimolare le interazioni e per divertirsi. Intuizione, ragionamento e fantasia sono solo alcune delle skill messe in campo! Lo troviamo qui.

sussed.jpg

Twister

Non fa solo ridere, ma stimola movimenti inconsueti e posizioni stravaganti nei bambini, allenando così la loro muscolatura! Twister sembra un gioco frivolo, insomma, ma è super divertente e pure utile!

twsister.jpg

Indovina chi?

Quello nuovo è molto più inclusivo di quello che usavamo noi! Ecco perché ci piace e perché continuerà ad essere un classico dei giochi da tavolo per bambini e per adulti.

indovina-chi.jpg

La matematica non la si impara alla scuola elementare. Lì la si affina, certo, e si imparano le regole, ma il pensiero matematico è qualcosa che i bambini sviluppano vivendo ogni giorno della loro vita, cominciando da piccolissimi, soprattutto attraverso il gioco (che è il loro “lavoro”!).

Ci sono quindi attività più adatte di altre per stimolare in questo senso: vediamo insieme quali sono più indicate, per stimolare fin da piccolissimi la logica, l’interesse per i numeri e il senso aritmetico.

I migliori giochi quotidiani per allenare la matematica: quali attività proporre ai bambini per stimolare l’interesse per i numeri, la logica e il senso matematico

Innanzitutto, anche se non stimola prettamente il senso matematico, è importantissimo fornire ai bambini fin da neonati uno stimolo visivo, che si concretizza nella giostrina sopra la culla: detta anche “mobile” (con la pronuncia inglese), la giostrina si muove qua e là, mostrando ai bambini colori, forme e movimenti importantissimi per lo sviluppo cognitivo!

Tutti quelli che seguiranno sembreranno, come questo, giochi e giocattoli “normali”, ma in realtà sono fondamentali per sviluppare i prerequisiti matematici, ovvero quelle abilità-base che serviranno ai bambini per capire tutto il resto una volta a scuola. Bisogna sapere classificare, abbinare le quantità e i numeri, capire le dimensioni differenti, riconoscere le relazioni spaziali… Si capisce, dunque, che tutte queste attività sono fondamentali!

Crescendo, quindi, possiamo dare ai bambini moltissimi giocattoli educativi. In generale, tantissimi giocattoli educativi li possiamo trovare, recensiti e consigliati, sul sito Bimboallegro.it. Tappeti stimolanti, palestrine, accessori tecnologici per i più piccoli… Sul sito si trova una selezione davvero interessante, che permette di avere sott’occhio tutte le proposte del mercato, per scegliere consapevolmente i giocattoli più adatti ai nostri bambini, oltre che i prodotti per la pappa e per l’igiene quotidiana, con molti approfondimenti, proposte e consigli interessanti per quanto riguarda tutti gli aspetti della vita del bambino.

Per l’allenamento dei prerequisiti matematici, quindi, attività imprescindibile sono in primis le costruzioni (meglio se di legno, seguendo la filosofia montessoriana), gioco didattico ma allo stesso tempo molto divertente, creativo e logico al contempo, ideale per capire anche le relazioni nello spazio.

costruzioni.jpg

Quando i bambini sono più grandi, lasciamo che cucinino con noi, soprattutto i dolci: i dolci, infatti, necessitano di dosi precise e proporzioni, e lasciando che i bambini ci seguano nei ragionamenti (facendoli poi loro da soli) li aiuterà a capire, più avanti, frazioni e proporzioni.

Anche le carte da gioco sono un’attività davvero benefica a livello mentale e matematico, non solo perché i bambini devono imparare e applicare regole precise per giocare, ma anche perché si ritrovano a fare calcoli (più o meno difficili a seconda del gioco e del livello) ad ogni partita. Qui trovate una selezione di giochi con le carte da fare in famiglia.

Via libera, poi, agli esperimenti scientifici: i vulcani di schiuma e di sabbia, i travasi di liquidi, gli esperimenti per fare crescere erba dalla testa delle patate… Non importa quali, l’importante è mostrare concretamente ai bambini come la scienza sia una materia applicata alla vita quotidiana!

Altro gioco interessante a livello matematico sono tutti i giochi in scatola. Come per il gioco delle carte, anche qui i bambini si ritrovano a contare (pensiamo al semplice gioco dell’oca), a capire il significato del denaro (con Monopoly, ad esempio), a ragionare sui turni, sulle caselle, sulle logiche dietro alle partite…

giochi-in-scatola.jpg

Puntiamo anche su quelli intelligenti e semplici: dama e scacchi, ad esempio, ma anche domino, nel quale è necessario riconoscere le stesse quantità (ovvero lo stesso numero di pallini sulle tessere).

I migliori libri per bambini di 5 anni

Giovedì, 10 Settembre 2020 07:52

C’è chi già legge per conto suo, chi comincia a mostrare interesse per le lettere, chi ancora ama farsi leggere i libri dai genitori: avere 5 anni ed essere un lettore è bellissimo, perché si hanno moltissime possibilità! Ed è finalmente quell’età in cui possiamo iniziare a leggere storie più corpose e narrazioni più lunghe, facendo scoprire ai bambini la bellezza di immergersi in un libro che amiamo, che ci porta in strade e avventure magnifiche!

Ecco quindi i libri per bambini di cinque anni che più amiamo, quelli più coinvolgenti e quelli perfetti per il passaggio dalla scuola materna a quella elementare.

I migliori libri per bambini di 5 anni: quali letture proporre ai bambini tra la scuola materna e quella elementare

Le favole al telefono

Gianni Rodari è uno degli orgogli italiani, e i bambini di cinque anni possono cominciare a scoprirlo! Le sue “Favole al telefono” sono divertenti, brevi e super coinvolgenti, da leggere una a sera!

favole-al-telefono.jpg

I viaggi di Giovannino Perdigiorno

Sempre di Gianni Rodari, un’avventura straordinaria di un esploratore curioso, tra filastrocche e storie in rima.

giovannino-perdigiorno.jpg

Anna è furiosa

Poche parole e illustrazioni bellissime per i bambini che cominciano a leggere da soli e che vogliono anche scoprire come gestire le arrabbiature e le seccature di ogni giorno!

anna-è-furiosa.jpg

Pezzettino

Leo Lionni ha scritto libri per bambini incredibili, semplici e bellissimi. “Pezzettino” è il libro perfetto per parlare dell’unicità delle persone ai bambini, per instillare loro la sicurezza in se stessi e l’amore verso la propria personalità e forma fisica: attraverso disegni che ricordano davvero moltissimo Paul Klee e i colori dell’astrattismo, Leo Lionni parla di un esserino così piccolo, senza grandi caratteristiche, che crede di essere per forza la parte mancante di qualcun altro, un “pezzetto” di qualcosa, di un altro animale già grande e più forte, più capace. Finché non si rende conto di essere solo se stesso, acquisendo una consapevolezza unica e una forza di pensiero invidiabile.

pezzettino.jpg

I miei vicini

Anche in questo libro ci sono poche parole e tanta illustrazione, in modo che i bambini possano leggere le prime parole perdendosi anche nei dettagli disegnati, che raccontano altrettante storie! Qui la nostra recensione

c76b430f13f697c7e8f6389e61fe2e85_L.jpg

La scuola dei dinosauri

La storia del diplodoco preso in giro dai compagni, che diventerà un piccolo eroe! Fa parte della serie bianca del Battello a Vapore, che propone libri per bambini dai cinque anni.

scuola-dei-dinosauri.jpg

Cappuccetto Verde

Bruno Munari ha scritto la storia meno conosciuta di Cappuccetto Verde, Cappuccetto Bianco e Cappuccetto Giallo, mandati dalla mamma a portare alla nonna cosa di quei colori! Questo è il primo dei tre.

cappuccetto-verde.jpg

Il piccolo principe

Non ha bisogno di presentazioni questo libro che parla ai bambini di amicizia, unicità ed “essenziale invisibile agli occhi”. Forse è per bambini più grandicelli, ma possiamo già leggerlo ad alta voce.

piccolo-principe.jpg

Cosa fare con i bambini quando piove

Martedì, 08 Settembre 2020 14:19

Non viviamo in una zona geografica nella quale splende sempre il sole. E per fortuna! Non so voi, ma io a vivere sempre in estate, o sempre in inverno, non ce la farei mai. Mi piacciono i cambi di stagione, i cambi degli armadi, i cambi del cielo… Ed è molto benefico anche per i bambini (anche se i cambi di stagione stressano e scombussolano anche loro!), che possono imparare fin da subito i cicli della vita.

Detto questo, in autunno (ma spesso ormai anche in estate) la pioggia ci attanaglia. E anche se la prima cosa è uscire (sì! Uscire! Basta vestirsi adeguatamente) per giocare sotto la pioggia, ogni tanto è anche bello restare a casa ascoltando la pioggia che tintinna, guardando le giornate che si accorciano e accoccolandosi sul divano. Ma cosa fare con i bambini? Come sfruttare il tempo in casa, soprattutto nel weekend? Che giochi fare in casa con la pioggia?

Ecco qualche attività di famiglia da fare con la pioggia in casa con i bambini!

Cosa fare con i bambini quando piove: le attività di famiglia da fare con la pioggia in casa tutti insieme

Giocare a carte

Giocare a carte con i bambini è divertente, coinvolgente, stimolante ed educativo, oltre che un metodo efficace per imparare la matematica. Ma non limitiamoci a Scala Quaranta: ci sono moltissimi giochi di carte da fare con i bambini!

Giocare a dei giochi in scatola

Proprio come per il gioco di carte, anche i giochi in scatola sono educativi. Ce ne sono di ottimi per tutte le fasce d’età. Babalibri, ad esempio, ne propone anche per i bambini più piccoli. E poi ci sono i classici Monopoli e Cluedo che non passano mai di moda!

Ballare

Mettiamo la musica, di tutti i tipi (anche classica!) e balliamo tutti insieme. Magari prima di cena, così poi i bambini non si agitano proprio prima di andare a letto!

Organizzare una scenetta

Teniamo sempre una cesta con dei travestimenti: vecchi vestiti, scarpe bizzarre, vecchi occhiali senza lenti, parrucche… Travestirsi è fondamentale per i bambini, e nelle giornate di pioggia possiamo approfittarne inventando il gioco delle scenette, con ogni membro della famiglia che si impegnerà a mettere in scena una piccola recita per gli altri!

Leggere

Creiamo un angolo un po’ hygge con delle coperte, dei cuscini a terra, delle tazze fumanti con le bevande preferite e la luce soffusa. Sarà l’angolo perfetto per leggere le nostre storie più coinvolgenti!

bambini-che-leggono.jpg

Creare dei sonagli del vento

Se non piove troppo, approfittiamo del vento: appendiamo fuori dalla finestra, sulle ringhiere, dei mestoli con dello spago, belli vicini, in modo da sentirli tintinnare!

Cucinare insieme

Senza uscire, diamo un’occhiata a cosa abbiamo in frigo e in dispensa e cuciniamo tutti insieme una cena di gala, con dessert incluso!

bambini-cucinare.jpg

Raccontare le nostre storie

Esatto, le nostre, e non quelle dei libri: cerchiamo di romanzare la vita di mamma e papà, dei nonni, degli zii… Mettiamoci in terra, sui cuscini, con delle coperte, e ascoltiamo mamma o papà che raccontano di quando erano piccoli, di quando si sono conosciuti, di cosa facevano prima che arrivassero i bimbi… Ai bambini piace sempre moltissimo, sono curiosissimi sulla storia “prima di loro”.

Fare yoga

Teniamoci in movimento con una disciplina soft e casalinga. Lo yoga per bambini è perfetto!

yoga-bambini.jpg

Giocare a nascondino

Di solito è un gioco da fare all’aperto, ma avete mai provato a giocarci in casa con i bambini? Vi sembrerà che di nascondigli non ce ne siano, ma vedrete che i bambini vi stupiranno!

 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg