Imparare le tabelline è croce e delizia di genitori e bambini. Le tabelline sembrano infatti quell’argomento che quasi catapulta i nostri bimbi nella scuola dei grandi, non è vero? Eppure sono moltissimi i bambini che fanno una fatica immane a imparare queste benedette tabelline.

A volte basta però cambiare metodo. Avete mai provato, ad esempio, ad utilizzare il metodo Montessori per imparare le tabelline? Al posto del metodo “a memoria” questa strategia permette ai bambini di visualizzare meglio il concetto, concretizzandolo, e imparare le tabelline risulterà molto più semplice.

Imparare le tabelline con il metodo Montessori: come utilizzare la ruota montessoriana per imparare le tabelline

Innanzitutto, per imparare le tabelline con il metodo Montessori avremo bisogno di una ruota montessoriana. Possiamo comprarla, oppure realizzarla (qui l’articolo per creare una ruota montessoriana o mandala delle tabelline).

La ruota montessoriana è un cerchio con 10 chiodi lungo il bordo. Aiutandosi con dei fili di lana, i bambini potranno visualizzare meglio le relazioni tra i numeri: basterà annodare il filo allo zero in alto e i bambini potranno raggiungere con il filo i numeri in base alla tabellina. Ma capiamo meglio come.

Per la tabellina del tre, ad esempio, il bambino partirà tenendo il filo annodato allo zero con le dita. Tenderà il filo fino al 3 e lo farà girare sul chiodo, “fissandolo”. Continuerà quindi contando tre e arrivando al numero 6 e annodando di nuovo il filo al chiodo, dopodiché arriverà al 9 e così via, aggiungendo sempre tre (e passando quindi poi dal 2, dal 6, eccetera, come se fossero le decine successive).

Si creerà così una sorta di astrazione, di visualizzazione geometrica, che gli risulterà molto utile per capire la sequenza di numeri e le relazioni tra essi, associando anche visivamente la distanza.

Ruota-o-mandala-delle-tabelline-Montessori-25.jpg

(https://www.lapappadolce.net/ruota-o-mandala-delle-tabelline-montessori/)

Ripetendo questo esercizio con tutte le tabelline si creeranno disegni molto diversi tra loro. Pensiamo a quella del quattro: si creerà una stella a cinque punte. Mentre con quella del cinque formerà una linea verticale che passerà sempre dallo zero e dal cinque.

Il disegno geometrico, insomma, cambia a seconda della tabellina, e il bambino ricorderà proprio questo disegno geometrico, trovando così un appiglio visivo e concreto e dando forma ad un concetto che non sarà più solo mnemonico, e quindi difficile, ma vissuto, e quindi più semplice.

Ci sono davvero moltissimi disegni per bambino da colorare. C’è chi non li ama, perché li vede come una costrizione e come una limitazione alla creatività, e c’è chi li adora. In ogni caso, colorare è un’attività che piace moltissimo ai bambini, quindi se state cercando nuovi soggetti, nuovi disegni per bambini da scaricare e nuove idee ecco i nostri siti preferiti da cui scaricarli.

10 siti in cui prendere i disegni da colorare per i bambini: dove scaricare i disegni per bambini da colorare

Su Stampa e colora ci sono davvero moltissimi disegni da salvare, stampare e colorare. Ci piace perché ci sono tutti i cartoni animati più conosciuti, ma anche i soggetti dei film come “Animali fantastici” e i vecchi cartoni animati come i Looney Tunes, Bambi e Babar.

Anche su Cartoni Online c’è una bellissima sezione download con i più disparati soggetti dei cartoni animati, in ordine alfabetico e fatti davvero molto bene!

Su coloratutto.it oltre ai classici cartoni troviamo una miriade di sezioni divise per soggetto, e i disegni da colorare riguardano così gli animali, le festività, la scuola, la musica, la natura…

Se amate i mandala e volete coniugare il colorare con il relax (anche i bambini apprezzano, non sono solo da adulti!), su disegnidacoloraregratis troviamo una sezione super fornita di mandala in moltissime fantasie.

Anche su i-humanblog c’è una sezione interamente dedicata ai mandala: qui, addirittura, per ogni mandala da colorare c’è una spiegazione sulla forma e sulla concentrazione che richiede.

Su supercoloring i disegni per bambini da colorare sono davvero bellissimi, con sfumature e un tratto morbido. Ci sono gli animali, lo sport, la scienza, la natura, i cartoni, gli anime, la religione, la frutta…

Sempre su supercoloring ecco la bellissima sezione Arte&cultura con la sottosezione Dipinti Famosi: interessante proporre ai bambini le opere d’arte più famose, anche per vedere come le interpretano.

Super belli sono i doodle presenti su justcolor, adatti sia ai bambini sia agli adulti, più caotici e minuziosi dei disegni da colorare per bambini e quindi pensati per i bimbi che già hanno confidenza con le tecniche del colore. Sono davvero moltissimi e bellissimi!

Per i bambini che amano i mezzi di trasporto, ecco il sito giusto: Acolore. Qui troverete disegni di mezzi di trasporto da scaricare e stampare, dal triciclo al camion, dalle automobili alle navi.

E per chi ama le fate, ecco invece la sezione a loro dedicata su portalebambini con una decina di bellissime fate da colorare dopo averle scaricate e stampate gratis.

Cos’è la leucorrea gravidica

Giovedì, 18 Luglio 2019 13:49

Una parola strana, ma che nasconde semplicemente un fastidio di cui moltissime donne in gravidanza soffrono: la leucorrea gravidica sono le perdite bianche tipiche della gravidanza, che spesso vengono confuse con perdite da infezione. Saperle riconoscere è però importante! Ecco dunque tutto ciò che c’è da sapere sulla leucorrea gravidica.

Cos’è la leucorrea gravidica: come riconoscere le perdite bianche della gravidanza

Le perdite bianche sono un fenomeno che le donne in età fertile vivono continuamente. Durante il ciclo mestruale l’utero che si modifica e gli ormoni in circolo portano infatti ad avere perdite biancastre, che nella maggior parte dei casi si rivelano semplicemente come muco fertile. C’è chi ha più muco e chi meno muco, e quando questo è troppo abbondante o si modifica (a livello di colore e odore) allora significa che c’è in corso un’infezione e una visita dal ginecologo è d’obbligo.

Durante la gravidanza, tuttavia, ci si trova di fronte ad un diverso fenomeno, ovvero la leucorrea gravidica. Ci troviamo di nuovo di fronte a delle perdite bianche vaginali, che rappresentano anche qui una condizione fisiologica della gravidanza. Meglio non “combatterle” tentando di lavarsi di più o facendo lavande vaginali: si rischierebbe di compromettere la flora batterica, rendendo la vagina più attaccabile da parte dei batteri.

Rispetto al normale ciclo mestruale, la leucorrea gravidica può manifestarsi più densa e più abbondante: ecco perché per molte donne in attesa rappresenta un disagio e un fastidio. Tuttavia nella maggior parte dei casi queste perdite sono di nuovo fisiologiche. L’importante è che abbiano un colore dal bianco intenso al quasi trasparente e che siano inodori. Non importano l’intensità e la frequenza: c’è chi le ha più abbondanti e chi più rade, e soprattutto possono essere irregolari.

Queste perdite bianche in gravidanza hanno origine dalla cervice (sono emesse dalle ghiandole del collo dell’utero), sono dovute all’aumento di estrogeni e sono necessarie per lubrificare la vagina, per ammorbidire le pareti degli organi genitali e per favorire la pulizia degli stessi. Se hanno l’aspetto di cui parlavamo non devono dunque assolutamente preoccupare le future mamme, poiché sono un fenomeno assolutamente fisiologico e naturale, che non ha nulla a che vedere con le infezioni vaginali come la vaginosi batterica o la candida.

Nel caso in cui le perdite siano sintomo di altre infezioni, infatti, il colore e la consistenza del muco saranno differenti: nella candidosi, ad esempio, le perdite sono bianche e molto dense (simili a ricotta) e sono accompagnate da prurito e bruciore intimo. Con la vaginosi, invece, le perdite si accompagnano ad un odore forte e sgradevolissimo. In questi casi è necessario rivolgersi al proprio ginecologo, così come nel caso in cui siano presenti striature di sangue nel muco.

La leucorrea gravidica accompagna quindi le donne lungo quasi tutta la gravidanza, ma è bene farvi attenzione in prossimità del parto. Man mano si avvicina la data presunta del parto, infatti, queste perdite biancastre si modificano per consistenza: divengono infatti più liquide, mettendo sull’attenti la gestante, che può iniziare a pensare alla possibilità che si stiano rompendo le acque.

Nelle ultime settimane di gravidanza potrà poi verificarsi la perdita del tappo mucoso: in questo caso sulle mutandine si troverà un grumo denso e filamentoso di muco, ad indicare che l’utero e il corpo si stanno preparando al parto. Anche in questo caso niente paura: solo nel caso in cui il tappo sia striato di sangue è bene contattare il proprio medico, soprattutto prima della trentaseiesima settimana di gestazione.

 

Mamma Pret a Porter non è una testata medica e le informazioni fornite hanno scopo puramente informativo e sono di natura generale, esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico o di un pediatra (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, fisioterapisti, ecc.) abilitati a norma di legge. Le nozioni sulle posologie, le procedure mediche e le descrizione dei prodotti presenti in questo sito hanno un fine illustrativo e non devono essere considerate come consiglio medico o legale.

Il momento della nanna può essere bellissimo, o, al contrario, terribile. Alcuni bambini amano calmarsi e addormentarsi, magari cullati da abitudini consolidate. Altri, invece, manifestano nervosismo ed energia da scaricare, rendendo il momento dell’andare a letto un dramma ogni sera. Questo è dovuto alla natura dell’essere umano: alcuni bambini, infatti, vivono con ansia il momento della nanna perché lo percepiscono inconsciamente come un lungo periodo nel quale staranno da soli, durante il quale mamma e papà non si prendono cura di loro.

A volte, tuttavia, basta cambiare le abitudini o optare per attività rilassanti (o scaricanti, nel caso in cui ci sia bisogno di buttare fuori l’energia) nelle ore che precedono la nanna. Proprio come queste dieci, che renderanno il momento dell’andare a letto piacevole per tutti i bambini e per i genitori.

10 attività per rendere il momento della nanna più rilassato: cosa fare per trasformare il momento della nanna da dramma a piacere

Nel caso in cui ci sia energia da buttare fuori, con i bimbi più agitati che non ne vogliono proprio sapere di calmarsi, è bene cavalcare l’onda. Ecco perché una buona strategia per rendere la nanna più rilassata è scatenarsi: fare un piccolo spazzolino-party, ad esempio, con tutta la famiglia che si lava i denti a ritmo di musica, può essere una buona abitudine. Si butta fuori lo stress, l’energia rimasta, dopodiché ci si calma, si entra nel letto e si dorme.

Sembra scontato, ma anche abituarsi a leggere un libro insieme è una buonissima abitudine. L’importante è farlo scegliere ai bambini, in modo che si appassionino e non si annoino, e rendere il momento piacevole e divertente. Ci sono bambini che amano le vocine in base ai personaggi, altri che vogliono luce soffusa e voce bassa. Basta capire quale modalità è la più amata dal bambino. In questo modo percepirà il momento della lettura come qualcosa di bello, che si ha voglia di fare.

Dello stesso tipo è quest’altra attività: le marionette. I teatrini sono infatti un modo ancora più coinvolgente e d’intrattenimento per raccontare storie (magari inventandole insieme ai bambini).

Ascoltare musica può essere un altro modo per rendere il momento della nanna super piacevole. Ognuno sceglie la sua canzone preferita, o quella che si ha voglia di ascoltare in quel momento, e la si ascolta con attenzione.

Per rilassare i bambini che hanno bisogno di rilassamento profondo è utile anche provare dello yoga della buonanotte o della meditazione per bambini (qui trovate quattro semplici tecniche). Un’abitudine, questa, che non renderà piacevole solo la nanna, ma che avrà aspetti positivi per la vita e per le giornate.

Anche gli oli essenziali possono essere una buona abitudine della buonanotte: scegliamoli insieme ai bambini, accendiamo insieme il diffusore e ascoltiamo insieme i profumi, descrivendoli e descrivendo le sensazioni che ci provocano.

Scrivere è un’altra attività che calma molto e rilassa. E, sì, lo si può fare anche a letto: se i bimbi amano le poesie e le filastrocche, inventiamone qualcuna insieme. Oppure scriviamo sul nostro diario segreto, insieme, ognuno sul proprio. Dopodiché si ripone il diario nel comodino, si spegne la luce e si dorme!

Pregare o elencare le cose per cui siamo grati, le cose che la giornata passata ci ha donato, è un altro metodo efficace e profondo, pieno di significato. Come ogni altra attività che coinvolge il pensiero e lo spirito, aiuta a concentrarsi, a respirare meglio, a pensare profondamente a se stessi. Ed è una cosa che i bambini apprezzano, quando li abituiamo a farla!

I massaggi sono poi bellissimi, la sera. L’importante è farseli a vicenda, con i bimbi che li fanno a noi e, successivamente, noi che li facciamo a loro: in questo modo i bimbi si “stancheranno” prima (perché fare i massaggi è comunque faticoso!) e si rilasseranno dopo, dormendo poi benissimo.

Infine, un modo per rendere la nanna non traumatica è parlare della giornata successiva, partendo dalla colazione (da pianificare insieme!) ed elencando tutti gli impegni che abbiamo. Essendo la notte un momento che stressa i bambini, sapere che a poche ore di distanza ci si sveglia e si torna alla normalità può essere davvero benefico, anche a livello inconscio.

Uno dei momenti certamente più emozionanti nella vita di una famiglia arriva verso settembre, quando si sceglie finalmente lo zaino per la scuola! Forse perché è uno dei primi strumenti “da grandi” dei nostri figli, forse perché anche loro si entusiasmano tantissimo a scegliere il colore preferito, fatto sta che è davvero un momento molto importante.

Detto questo, non sempre ci si trova di fronte una scelta semplice, perché per quanto siano belli, gli zaini per la scuola per i nostri bambini non sempre sono pensati per loro, per la loro schiena. L’ergonomia, insomma, non viene contemplata, quando invece dovrebbe essere il primo criterio di scelta, non credete?

La schiena dei nostri figli è importantissima: ecco perché dovremmo scegliere uno zaino che sia bello, che piaccia ai nostri bambini e che sia, soprattutto, comodo ed ergonomico. Proprio come ergobag, che ci piace perché incarna al meglio tutte queste caratteristiche!

ergobag, gli zaini (finalmente) ergonomici per i nostri bambini: lo zaino per la scuola comodo, ergonomico, bello e sicuro

Uno zaino per la scuola fatto come si deve, dovrebbe per prima cosa distribuire il peso dalle spalle alla zona pelvica in maniera stabile. Non sempre, però, gli zaini in commercio sono pensati in questo senso. Ecco perché ergobag è la scelta migliore: perché è uno zaino pensato apposta per i bambini negli anni di scuola, per la loro schiena diversa dalla nostra, che spesso si ritrova addosso il peso non indifferente di quaderni e di tanti, tanti libri.

ergobag è il risultato di una attentissima ricerca che ha portato a sviluppare questo zaino per la scuola che coniuga i principi ergonomici degli zaini da trekking (quindi pensate alla sicurezza e alla comodità!) unendoli alla praticità e alle necessità dei bambini durante i loro anni scolastici.

I bambini, con ergobag, possono dunque distribuire il peso di libri e quaderni sulle spalle e sulla schiena in maniera omogenea e comodissima, regolando le bretelle e lo zaino a seconda della necessità. E questa regolazione è davvero utile: lo zaino, grazie ad essa, cresce infatti insieme al bambino (da 1m a 1,5m di altezza)!

come_indossare_ergobag_interno1.jpg

Questo zaino, quindi, asseconda il benessere della colonna vertebrale dei bambini in tutte le diverse fasi di crescita, grazie all’ampia cintura lombare imbottita (che sposta il carico dalle spalle alle anche), alle barre stabilizzatrici in alluminio e allo schienale imbottito (proprio come quelli degli zaini da trekking) e alla distribuzione del peso sulla zona pelvica. Gli spallacci, poi, si possono regolare lungo le barre di alluminio in base alla statura del bambino, con un gesto semplicissimo e molto naturale.

Ovviamente, quando si sceglie lo zaino per la scuola, però, non si guarda solo all’ergonomia (anche se questa è il primo fattore di scelta). Giustamente, bisogna anche guardare alla sicurezza, alla versatilità e allo stile. Già, lo stile: non sottovalutiamolo! Per un bambino, infatti, la scelta dello zaino diventa anche un’affermazione personale. In base al colore e al disegno, i nostri figli affermano in qualche modo la loro individualità, il loro gusto personale, e per questo è giusto che la scelta finale sia loro.

Con ergobag anche questo è possibile: lo zaino ergonomico è infatti disponibile in moltissime varianti e colori, con soggetti vari e diversi (dalle ballerine ai mostri, dagli animali ai calciatori, dagli unicorni alle astronavi)! Non solo: grazie ai Kletties, i patch di ergobag, i bambini possono scegliere il loro motivo preferito, personalizzandolo con un configuratore virtuale e realizzando così la propria personale patch.

E per quanto riguarda la sicurezza, interessanti e utili sono le superfici di ergobag, dotate di materiali rifrangenti che rendono lo zaino visibile anche al buio, grazie al coefficiente di intensità luminosa molto alto.

Non ultimo: gli zaini di ergobag sono super ecologici, realizzati con tessuti riciclabili al 100% in PET, un aspetto assolutamente da non sottovalutare!

ergobag_sostenibilità_interno2.jpg

5 regole per fare la spesa risparmiando

Mercoledì, 17 Luglio 2019 16:14

Diciamo la verità, oggi è sempre più difficile risparmiare. Con livelli di accortezza diversa, quasi tutto facciamo un po’ più fatica a far quadrare i conti alla fine del mese e sembra impossibile trovare dei modi per migliorare la situazione. Per fortuna però “sembra” solo impossibile, perchè risparmiare può non essere doloroso come sembra e gli strumenti per avere qualche euro in più in banca ci sono e molto spesso arrivano dal web.

Una delle voci di spesa più importanti nella vita di tutti i giorni è sicuramente il cibo: nutrirsi è una necessità che non si può evitare, nessuno può scegliere di smettere di mangiare o bere per poter avere qualche euro in più. Per fortuna vengono in nostro aiuto siti come Kimbino, che raccolgono tutti i volantini con le offerte di svariati supermercati e grandi punti vendita per aiutare i risparmiatori a raggiungere loro obiettivo (con un occhio di riguardo anche per il pianeta, visto che si risparmia sulla carta per stampare i flyers).

logo-d.png

Imparare a fare la spesa con maggior attenzione alle offerte che tutti i supermercati propongono periodicamente è importante e con Kimbino è come avere sempre con sé la possibilità di comprare prodotti scontati. 

Regole semplici ma efficaci per tutti

 

Ma entriamo nel merito della questione: come acquistare il più spesso possibile (se non addirittura sempre) prodotti scontati. Questi consigli sono assolutamente immediati, potrete trovarne esempi dimostrati da qualunque flyer consulterete, come ad esempio il nuovo volantino LIDL della prossima settimana oppure il prossimo volantino MD.

- Uno dei primi “vizi” da ridurre (non eliminare, per carità!) è certamente il mangiare fuori. Soprattutto quando si arriva stanchi dal lavoro avere qualcuno che cucina per te può essere una tentazione a cui è difficile resistere. Cucinare a casa però è sicuramente più economico, ma anche più piacevole. Invitare qualche amico, scegliere la propria musica di sottofondo, evitare le folle: tutte possibilità che aiutano a migliorare la percezione del cucinare a casa, nonché il bilancio della fine del mese.

- Una soluzione che aiuta a fare economia è fare la spesa online. Comprare online fa risparmiare denaro ma anche tempo. Anziché passare ore in coda alle casse, fare la spesa dal vostro divano vi aiuta a concentrarvi su quello che veramente vi serve, senza che altri inutili prodotti vi distraggano. Dal momento che sono sempre pagati tramite carta, gli acquisti via web si possono tenere sotto controllo molto più facilmente e questo vi aiuta a capire dove vanno a finire le uscite nel conto alla fine del mese.

- Meno distrazioni e più concentrazione quindi. In queste condizioni è molto più facile pianificare con oculatezza i pasti che prevedete di cucinare facendo la spesa. Che questo processo parta dalla consultazione online dei volantini per arrivare alle ricette o viceversa, pianificare è un metodo molto efficace più comprare a prezzi più economici. Se poi si programma di cucinare in quantità superiori rispetto alle dosi previste per un singolo pasto, si può risparmiare tempo nei giorni successivi, riscaldando le porzioni extra che avete messo da parte.

- Utilissimo è fare attenzione ai prodotti da dispensa. Senza ritrovarsi in casa bancali di pasta, legumi, tonno in scatola, ecc, può tornare utile avere delle scorte per il giorno in cui non avrete voglia di uscire o un amico si fermerà a cena senza preavviso. Se un prodotto a lunga scadenza che vi piace è in offerta perchè non prenderne qualche confezione in più? Su internet poi troverete moltissimo consigli per organizzare la dispensa in modo intelligente, come ad esempio questo articolo di Grazia.

- Spesso si pensa che i prodotti biologici, quelli più attenti al rispetto dell’ambiente siano sempre più cari. Per nostra fortuna non è sempre così, soprattutto se ci si affida a servizi come Kimbino che hanno a cuore il nostro pianeta. La maggior parte di volantini segnala tra le sue promozioni prodotti bio e a km zero, quindi risparmiare e salvaguardare l’ambiente non è solo auspicabile, ma anche semplice.

Le più belle torte di pannolini

Mercoledì, 17 Luglio 2019 07:56

Da qualche anno a questa parte è arrivata anche in Italia l’usanza, carinissima e tenera, di organizzare per le future mamme il baby shower, ovvero la festa per il nascituro, durante la quale si prepara una piccola festa a tema e le si danno i regali pensati per la nascita.

Simbolo del baby shower e immancabile regalo è la torta di pannolini, una sorta di scultura fatta con i pannolini arrotolati che ricorda una grande torta nuziale, ma dedicata al bimbo o alla bimba, con un risvolto molto utile: i pannolini non sono infatti solo di bellezza, ma i genitori li useranno poi una volta nato il pargolo!

Ma come fare la torta di pannolini? E quali sono le più belle? Ecco i nostri consigli.

Le più belle torte di pannolini: come costruire una torta di pannolini per i baby shower e le più belle alle quali ispirarsi

Innanzitutto, realizzare una torta di pannolini è molto semplice: basta arrotolare i pannolini e formare una base circolare accostandoli, da fissare con un nastro o con degli elastici. Sopra la base formiamo quindi uno strato più piccolo e così via, a piramide, fino all’ultimo strato.

tortapannolini1.jpg

Credit: https://www.flickr.com/photos/personalcreations/14888972219

Dopodiché, decoriamo con nastri e accessori (molto carino un peluche in cima) per rendere la torta personale, in base ai gusti della mamma o al nome del nascituro.

tortapannolini2.jpg

Credit: https://www.flickr.com/photos/personalcreations/14888971789

Molto belle sono le torte di pannolini a tema, come questa con gli animali, anche nel caso in cui non ci si voglia vincolare agli stereotipi di genere con i colori o quando, in molti casi, non si sa il sesso del bambino, perché i genitori vogliono mantenere la sorpresa.

tortapannolini3.jpg

Credit: https://www.flickr.com/photos/donabelandewen/62858999

Molto carina è anche questa torta di pannolini un po’ rustica ed ecologica, con i nastri di rafia e la decorazione in cima di carta riciclata.

tortapannolini4.jpg

Credit: https://www.pinterest.com/pin/150448443781145235/

Infine, bellissima e super trendy questa a tema unicorno, da realizzare con una candela intrecciata in cima, con delle ciglia finte e tanti fiori!

IMG_8698-1.jpg

Credit: https://www.bundleofjoy.ae/product/unicorn-theme-diaper-cake/

Accanto alla torta o all’interno della composizione possiamo poi aggiungere prodotti per la cura della pelle del bambino, che sono sempre utilissimi (come ad esempio un olio di mandorle dolci, una crema idratante e una lenitiva).

Un altro consiglio spassionato? Quello di scegliere dei pannolini di qualità, senza rinunciare alla sicurezza solo perché si tratta, apparentemente, di “un regalo e basta”. La torta di pannolini è un regalo utile, che i genitori useranno, e che soprattutto userà il nascituro, a contatto diretto con questi pannolini. E poi non sottovalutiamo un altro aspetto: questa torta è un’occasione perfetta per le mamme e i papà per provare i pannolini, utilizzandoli per la prima volta con il loro piccolo, capendo se sono quelli adatti a lui.

Ecco perché la scelta deve ricadere su pannolini di qualità, come Lillydoo, senza profumazioni né lozioni. E il regalo può farsi ancora più interessante: invece di un solo pacco di pannolini (che finirà in meno di una settimana!) con gli amici ci si può organizzare e regalare ai futuri genitori un abbonamento comodissimo: i pannolini Lillydoo si possono infatti acquistare in abbonamento, ad un prezzo scontato rispetto a quello di listino, con la comodità di ricevere direttamente a casa la fornitura mensile una volta al mese!

E poi sono bellissimi, con fantasie deliziose e proprio belle da vedere. Ed è uscita anche la nuova collezione, con nuove fantasie in edizione limitata: si chiama “The elements collection” ed è ispirata agli elementi della natura, dell’acqua e della terra, con bellissime balene, longolfiere e tende di indiani! In questo modo la torta di pannolini sarà ancora più stilosa.

DSC03308.jpeg

Per provarli, ecco il pacchetto prova contenente una confezione da dieci pannolini e una di salviette all’acqua.

Alimento estremamente proteico, naturale e vegano, è un alleato di chi sceglie di mangiare meno carne o di chi, del tutto, non mangia derivati animali: ma il seitan cos’è? È buono, versatile e nutriente. Ma quali sono le sue proprietà? Come si compone? E con quanta frequenza mangiare il seitan?

Cos’è il seitan e con quale frequenza utilizzarlo: il seitan, le sue proprietà e i consigli su ogni quanto mangiarlo

Il seitan è un ricavato del glutine del grano tenero e dei cereali più comuni, ed è quindi un alimento di origine vegetale. Lo si ottiene dall’estrazione del glutine dalla farina di frumento, che viene impastato e lessato in acqua arricchita con salsa di soia, aromi e alga kombu. Da questo processo si ottiene un panetto dalla consistenza morbida e dal sapore delicato che può essere utilizzato in cucina in varie forme e preparazioni, prendendo anche la forma degli alimenti ai quali siamo abituati, come le salsicce, lo spezzatino, le bistecche… Ed è anche molto comodo, perché si può usare anche in preparazioni veloci, essendo già cotto all’origine.

Questo alimento ha origini orientali (come si può capire anche dagli ingredienti utilizzati nella sua preparazione) ed è utilizzato soprattutto nella cucina giapponese.

Le proprietà benefiche del seitan stanno essenzialmente nelle proteine: ne è infatti ricchissimo ed è per questo che è considerato il sostituto ottimale della carne. Ne contiene circa il 20% del totale del suo peso. Ciò detto, tuttavia, accanto alle proteine contiene pochissimi amminoacidi (soprattutto, è povero in lisina), essendo estratto dal glutine, ed è per questo consigliato abbinarlo comunque, nella stessa giornata, a legumi come ceci o fagioli, che al contrario del seitan contengono molti amminoacidi. In questo modo si otterranno la giusta quantità di proteine e di amminoacidi.

Accanto al beneficio delle proteine, il seitan contiene anche pochi grassi (solo ll’1,5%, al contrario della carne), zero grassi saturi e zero colesterolo. A livello di calorie è molto energetico: ne contiene 130 ogni 100 grammi.

Come ogni alimento, il seitan può essere assunto una o due volte a settimana: la dieta, infatti, deve rimanere varia al di là dei benefici di un alimento. Il seitan è infatti abbastanza benefico, come abbiamo visto, e non ha particolari controindicazioni se non per chi soffre di celiachia o per chi ha una comprovata intolleranza al glutine. In questi casi il seitan è da evitare assolutamente, essendo “glutine pure”, se così vogliamo dire.

Anche in caso di diabete è sconsigliato mangiare il seitan, proprio come nel caso di tutti i cereali raffinati, poiché il seitan possiede un alto indice glicemico e può portare a bruschi aumenti della glicemia nel sangue.

Di nuovo, sempre come per tutti i cereali, il seitan è sconsigliato a chi soffre di colon irritabile e a disturbi del tratto gastroenterico.

In ogni caso si consiglia un consulto del proprio medico curante o del proprio dietologo: in base alla propria anamnesi saprà indicare se è consigliabile o no mangiare il seitan e, nel caso in cui non ci siano controindicazioni, ogni quanto mangiarlo.

Cucinare dolci senza zucchero è più semplice di quanto si pensi. E si possono scegliere due opzioni: utilizzare dei sostituti dello zucchero più leggeri e più benefici (come lo zucchero di cocco o il miele, ad esempio), oppure non utilizzare lo zucchero del tutto, scegliendo di dolcificare con gli zuccheri naturali della frutta o con ingredienti già zuccherini per loro conto.

Ecco quindi una selezione di dolci senza zucchero perfetti per l’estate.

7 ricette di dolci senza zucchero per l’estate: i dessert senza zucchero perfetti per la stagione estiva

La torta senza zucchero della mattina

A questo link trovate la nostra ricetta della torta senza zucchero mattutina, una classica ciambella da inzuppare nel tè o nel latte, con il miele al posto dello zucchero.

67b2107aeb6bf06b107962023fe1fd83_L.jpg

Il gelato fatto in casa senza zucchero

Con zucchero di cocco al posto dello zucchero normale, ecco un dolce per le serate d’estate che non può mai mancare: il gelato (la ricetta è questa). Potete prepararlo con la frutta che preferite, ed è anche senza lattosio, dal momento che al posto del latte si utilizza la bevanda di riso o mandorla e al posto della panna si usa la panna di avena.

76391b0fd3c86f3c398963dd5eae6193_L.jpg

Crumble cake con pesche e cioccolato

In questo caso per la ricetta della crumble cake al posto dello zucchero utilizziamo lo sciroppo d’acero e il fruttosio naturalmente contenuto nelle pesche. È buonissima e bellissima da vedere ed è super estiva, dal momento che le pesche si trovano al mercato proprio in questi mesi!

8e4e30c8fc08507de1b0b5afc7d32a85_L.jpg

Gelato alla banana completamente senza zucchero

La ricetta del gelato alla banana fatto in casa è la più semplice che esista: serve un unico ingrediente, ovvero la banana! Non ci credete? Ecco la ricetta.

d7a332411e14769f300879cf8b1d4da6_L.jpg

Torta di mele senza zucchero

Per preparare una torta di mele senza zucchero prepariamo 500 grammi di mele sbucciate, 125 grammi di farina integrale, 125 grammi di yogurt bianco di soia, 1 uovo, 1 bustina di lievito e un po’ di cannella (a piacere. Tagliamo la mela a pezzi (tenendone metà per la guarnizione) e frulliamola in un mixer insieme al lievito (e alla cannella, se la vogliamo), alla farina, allo yogurt e all’uovo. Frulliamo molto bene ottenendo un composto omogeneo e versiamolo in una teglia coperta da carta forno. Completiamo tagliando la mela rimasta in spicchi sottili e adagiandoli sulla superficie. Inforniamo a 180 gradi e cuociamo per circa 40-45 minuti facendo la prova dello stuzzicadenti.

photo-1562007908-69cf18a6da04.jpeg

Biscotti al limone senza zucchero

Ecco gli ingredienti: 300 grammi di farina integrale, 100 ml di latte di mandorla, 1 bustina di lievito vanigliato, 50 grammi di stevia in polvere, la scorza di un limone biologico, 80 grammi di olio di semi. In una ciotola mescoliamo farina, stevia, lievito e scorza di limone, quindi uniamo l’olio e il latte e lavoriamo con un cucchiaio di legno. Quando il composto comincia a diventare più solido, trasferiamolo su una spianatoia infarinata e continuiamo a lavorare la palla con le mani ottenendo un bel panetto. Prendiamo delle palline di impasto e schiacciamole, ottenendo uno spessore di circa 3 mm, e mettiamo i biscotti su una teglia coperta da carta forno. Cuociamo a 180 gradi per circa 15 minuti.

photo-1526375071773-21da49b037f2.jpeg

Muffin senza zucchero con gocce di cioccolato

Integrali e senza zucchero ma super gustosi: i muffin senza zucchero con gocce di cioccolato sono semplici e buonissimi. In una ciotola mescoliamo 120 grammi di farina integrale con 1 bustina di lievito, e in un’altra uniamo 100 ml di latte di mandorla con 50 grammi di miele e due uova, mescolando molto bene e ottenendo un composto morbido. Uniamo i due composti e continuiamo a mescolare. Aggiungiamo quindi 120 grammi di pezzetti di cioccolato fondente extra infarinata (meglio se senza zucchero del tutto!) e mescoliamo ancora. Foderiamo una teglia per muffin con i pirottini e in ogni pirottino versiamo un po’ di composto (meno della metà della capienza). Mettiamo in forno a 180 gradi per 20 minuti.

photo-1551007796-26dd82e6175d.jpeg

La lettura è sempre positiva, in ogni fase della vita: già dal primo anno di vita dei bimbi possiamo leggere storie e libri, per abituarli al piacere della lettura e soprattutto per fornirgli un bagaglio preziosissimo, perché come sappiamo leggere ai bambini permette loro di imparare moltissime parole in più, oltre che i concetti più disparati, concreti ed emotivi.

Fortunatamente, di libri per bambini ne esistono di meravigliosi, e ce ne sono per ogni fase della loro infanzia. E tra le case editrici che più amiamo c’è da sempre Usborne, che da oltre quarant’anni pubblica libri per l’infanzia divertenti e istruttivi.

Usborne, i bellissimi libri per bambini per il piacere della lettura e per imparare l’inglese: la casa editrice fondata da Peter Usborne, con i suoi libri divertenti ed educativi

Divertimento ed educazione non sono concetti opposti, e lo si vede benissimo sfogliando i libri della casa editrice Usborne: i loro libri per l’infanzia coniugano il piacere della lettura con l’insegnamento dei più svariati concetti, con volumi pensati per i bambini dagli 0 agli oltre 9 anni.

La casa editrice è stata fondata in Gran Bretagna nel 1973 da Peter Usborne: alla nascita del figlio, si è reso conto di voler proporre a lui e a tutti i bambini letture che fossero belle, divertenti e allo stesso tempo adatte a loro ed educative. E da allora la Usborne è tra le più amate ed acclamate case editrici. Non a caso, nel 2015 ha ricevuto il premio “UK Private Business of the Year”, mentre nel 2014 è stata nominata “Independent Publisher of the Year” e “Independent Children’s Publisher of the Year”.

I libri di Edizioni Usborne sono tutti di altissima qualità, colorati come piace ai bambini, illustrati con cura, scritti con attenzione: piacciono moltissimo ai piccoli lettori, e già questo dovrebbe fare capire quanto siano validi i loro libri! Perché non sempre i libri “educativi” sono pensati per i bambini: a volte sono letture pensate dai più grandi per i più piccoli, ma che non hanno davvero a cuore il loro piacere, il loro divertimento. Ed è lì che si rischia di toppare. Ma con Usborne questo non accade mai, proprio mai.

Il catalogo è davvero sconfinato: ci sono i libri sugli animali, quelli “cerca e trova” per i più piccini, i libri con adesivi, i “carezzalibri”, quelli con i vestiti da ritagliare, le storie sulle emozioni, sui dinosauri, sulle fate, sul tempo e le stagioni… Troviamo poi libri per costruire origami, per visitare le stazioni spaziali, per scoprire i segreti del teatro… Credeteci, c’è proprio di tutto.

E poi ci sono i libri per imparare divertendosi, per capire le sottrazioni e le moltiplicazioni in maniera ludica, per scoprire la storia della scienza, per conoscere il corpo umano, la tavola periodica…

Ma Usborne non propone alle famiglie e ai bambini solo libri e storie in italiano. Imparare l’inglese è fondamentale per i nostri bambini. E ci sono molti modi per farlo: parlarlo a casa fin da subito (per i genitori che parlano già la lingua), guardare i cartoni animati in inglese e, soprattutto, leggere!

Per imparare l’inglese, quindi, possiamo fin da subito proporre loro libri in questa lingua. Ma che siano di qualità (cosa non sempre semplice in Italia, dove troviamo spesso cose troppo semplici e didattiche). Usborne in questo senso è davvero perfetta: essendo una casa editrice inglese, propone tutti i titoli anche in questa lingua, con la possibilità, dunque, di leggere ai bambini libri in inglese non “per imparare l’inglese” come lo intendiamo noi italiani, ma in modo da immergersi nella lingua fin da piccoli in maniera naturale e diretta.

Usborne, poi, è una casa editrice un po’ speciale: da sempre, ha scelto di non vendere i diritti dei titoli agli altri paesi, ma è entrata nei mercati direttamente. Ecco perché non troviamo solo i libri in inglese, ma anche in spagnolo, in francese, in tedesco, in portoghese, olandese, cinese….

Per acquistare i libri Usborne possiamo consultare il loro sconfinato catalogo, comprandoli dagli indipendent organizer come Carolina Palombo direttamente online. Sulla sua pagina Facebook e sul suo profilo Instagram troverete anche un sacco di consigli direttamente da lei, mamma ed ex insegnante di inglese, per scegliere i libri Usborne migliori e quelli più adatti al gusto dei nostri bambini.

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

Newsletter