Gli alimenti da essiccare, le preparazioni dal sapore unico

Vi abbiamo parlato dell’essiccatore, dei suoi vantaggi e del tipo di conservazione comoda e utile. Ma quali alimenti essiccare nello specifico? Insomma, quali sono le preparazioni che l’avere un essiccatore in casa permette?

Ecco gli alimenti da essiccare, le preparazioni dal sapore unico: dalle verdure, alla frutta fino alle erbe, le idee da provare con l’essiccatore casalingo

  • Avete mai pensato come sarebbe avere un misto per soffritto già pronto all’uso? Con l’essiccatore basta deidratare la cipolla, lo scalogno, l’aglio e la cipolla, tritare e mischiare per avere sempre a portata di mano un soffritto velocissimo e molto saporito (come sappiamo, l’essiccatura esalta gli aromi).
  • Essiccando un misto di erbe aromatiche (timo, rosmarino, salvia e basilico), dell’aglio e della cipolla, quindi tritando e mescolando ad una manciata di sale potrete avere sempre a disposizione un sale aromatico alle erbe, perfetto per condire tutto ciò che volete insaporire senza eccedere con il sale (poiché le erbe ma soprattutto la cipolla e l’aglio sono già molto saporiti di loro)
  • Anche il dado è realizzabile con l’utilizzo dell’estrattore, e una volta che imparerete a farlo non tornerete più al dado confezionato (deleterio!). Essiccate le verdure e le erbe che preferite (ma anche la carne, per un brodo non vegetale), quindi tritate tutto e aggiungete lo stesso peso di sale.
  • Tritando semplicemente le verdure essiccate che preferite otterrete un trito di verdura perfetto per sughi e condimenti.
  • Scegliete verdure a foglia, quindi tagliatele a pezzettini di circa 5 centimetri e deidratatele: preparerete così delle buonissime chips di verdura da proporre al posto delle patatine in sacchetto. Provate il cavolo, è buonissimo!
  • Se amate i pomodori secchi, correte ad appoggiare i vostri pomodori sui ripiani dell’estrattore: niente di più semplice. Conditeli poi come preferite.
  • Buonissima è anche la frutta secca (e non solo quella tipicamente intesa, come le nocciole o le mandorle). Essiccate i frutti che preferite per ottenere mirtilli secchi, fragole secche, uva secca, prugne secche…
  • Con questa frutta secca, poi, potete realizzare lo zucchero di canna aromatizzato, semplicemente tritandole e aggiungendo (poco) zucchero. La frutta è già molto saporita e zuccherina, quindi sarà molto più sano.
  • Buonissimi essiccati sono lo zenzero (da utilizzare poi per tisane, infusi o semplicemente come stick da masticare) e la scorza di arancia e di limone, da conservare e utilizzare per le torte fatte in casa.
  • Come le chips di verdura, sono buonissime le chips di frutta: tagliate a fette arance, mandarini, limoni, zenzero, mele, pere e chi più ne ha più ne metta, essiccate e portatele al lavoro o a scuola per spezzare la giornata e darvi energia.
  • Separando la purea dal succo della frutta (ad esempio le mele) potete cucinare le vostre girelle di frutta fatte in casa: spalmate la purea su carta forno e mettetela su un vassoio dell’essiccatore, lasciare deidratare ed estraete il vostro “foglio di mela”. Farcitelo con altra frutta essiccata e tritata, quindi chiudete il rotolo e tagliatelo a fettine.
  • Ricetta tradizionale quando si pensa all’essiccatore sono i funghi disidratati: compratene quando sono di stagione, quindi tagliateli a fette, essiccateli e conservateli per tutto l’anno. Avrete sempre finferli, porcini, champignon e chiodini pronti per la pasta, la verdura o la carne.
  • Montate a neve 100 grammi di albume e qualche goccia di limone, quindi verso la fine della montatura aggiungete 150 grammi di zucchero fine. Una volta che il composto è spumoso, fate delle piccole montagnette con una sac-a-poche sui ripiani dell’essiccatore (coperti con carta forno) e accendete a 60°. Osservate le vostre meringhe e una volta secche, voilà, le avrete fatte in casa e crudiste!
  • Quando vi avanza del pane in cassetta, non preoccupatevi: mettetelo nell’essiccatore tagliato a fette e avrete fette biscottate perfette per la colazione (economiche e antispreco).
  • Spesso la pasta fatta in casa, quella fresca, viene sprecata, poiché se non la si mangia subito, ovviamente, scade. Avete mai pensato a conservarla in una maniera diversa dal freezer? Esatto, basta l’essiccatore. Disidratate gli gnocchetti, le tagliatelle o la forma che preferite e le avrete sempre a portata di mano.
  • Se in casa avete anche un estrattore, con i suoi scarti potete ottenere delle perfette barrette energetiche, sane e buone. Tenete da parte 400 grammi di scarti dell’estrattore, quindi prendete 80 grammi di fiocchi d’avena, 25 grammi di semi di girasole, 15 di sesamo e 20 di riso soffiato. Impastate gli scarti con gli altri ingredienti e formate con le mani delle barrette. Inserite i ripiani dell’essiccatore coperti da carta forno nello stesso, quindi lasciatelo acceso a 40 gradi per 24 ore. Dopodiché inserite le barrette e lasciate seccare per 12 ore.
  • Per chi ama la cucina crudista c’è una buona notizia: con l’essiccatore è possibile preparare anche dei cracker crudi. Basta utilizzare 250 grammi di semi di lino (già lasciati in ammollo), qualche manciata di mandorle pelate, 3 cucchiai di salsa tamari, dello zenzero grattugiato e un po’ di peperoncino (se gradito). Per guarnire, poi, tenete a portata di mano dei semi di sesamo, papavero o girasole. Frullate tutto a bassa temperatura, quindi spalmate il composto in uno strato sottile sui ripiani dell’essiccatore coperti da carta forno, formando dei rettangoli (proprio come i cracker). Aggiungete i semi che preferite quindi lasciate essiccare per 24 ore a meno di 40 gradi.
  • Essiccando le erbe e i fiori che preferite, sminuzzandoli potrete preparare in casa infusi e tisane per tutto l’anno.
  • Una tazza di mandorle, una di datteri, un cucchiaio di cacao amaro, la scorza grattugiata di una arancia e spezie: questi gli ingredienti dei biscotti essiccati. Frullate tutti gli ingredienti insieme e quando l’impasto è pronto stendetelo, tagliate i biscotti con le forcine e sistemateli sui piani dell’essiccatore, cucinandoli al massimo a 40 gradi e controllando di tanto in tanto lo stato della preparazione.

 

Ti potrebbe interessare anche

5 cracker da fare con l’essiccatore
Dado vegetale con gli scarti dell'estrattore
Le 10 tisane e tè d’autunno
La guida all’essiccatore, uno strumento incredibile

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

rassegna