Qual è l’età giusta per togliere il pannolino

Togliere il pannolino, a che età? Una domanda che molti genitori si fanno. O perché sono previdenti e cominciano a guardare al futuro già nei primi mesi di vita del bambino, oppure perché quel momento si sta avvicinando (o sembra non avvicinarsi mai, con i bambini un po’ più “pigri”).

Come per tutto, non c’è un momento preciso per lo spannolinamento, essendo ogni bambino, come ogni essere umano, diverso e unico. Ma c’è un periodo di riferimento, anche secondo i pediatri.

Qual è l’età giusta per togliere il pannolino: il periodo in cui i bambini sono pronti allo spannolinamento

Ogni epoca ha la sua regola, e questo vale anche per lo spannolinamento. Un tempo, infatti, il momento del vasino arrivava per i bambini molto prima, intorno all’anno di età, anche se i bambini non erano pronti. Il motivo? Chissà. Forse per la mancanza di pannolini usa e getta, per la scomodità del lavaggio a mano dei pannolini o semplicemente per abitudine consolidata nella società. In ogni caso, è solo dagli anni Sessanta che i pediatri (come riferiscono da Uppa) hanno capito che era sbagliato e spesso pericoloso, e che era meglio rispettare le tappe dei bambini.

I bambini, infatti, hanno i loro tempi, e ognuno arriva a sentirsi pronto per togliere il pannolino in momenti diversi. Ed è proprio l’”essere pronto” che dobbiamo aspettare, senza pressioni sul bambino. Sarà lui a darci i segnali, insomma.

In ogni caso, l’età durante la quale la maggior parte dei bambini si stacca dal pannolino è quella compresa tra i 18 e i 24 mesi di vita, periodo che può dilatarsi fino ai 3-5 anni (anche se raramente e solo in casi particolari).

Ma quali sono i segnali che i bambini ci lanciano in questo senso? A volte sono proprio loro a dire di non volere più il pannolino. Altre volte, più sibillinamente, ci indicano quando il pannolino è sporco o bagnato, oppure entrano in bagno per “fare le loro cose” o osservano noi genitori molto attentamente quando siamo in bagno.

Qualche consiglio per la transizione?

Sfruttare i libri: ce ne sono davvero moltissimi che parlano di spannolinamento, ma non parliamo solo di quelli educativi per i genitori. Parliamo soprattutto di quelli per i bambini, che attraverso immagini e parole semplici comunicano con il loro linguaggio e con empatia, facendo calare i bambini nei panni dei protagonisti che come loro stanno passando dal pannolino al vasino.

Scegliamo poi dei pannolini a mutandina: i bambini sono ormai grandi e i pannolini a mutandina (come quelli di Lillydoo, che oltre alla forma hanno la comodità di arrivare direttamente a casa grazie ad un abbonamento, stoppabile immediatamente nel momento in cui il bambino toglie il pannolino!).

I pannolini a mutandina in relazione allo spannolinamento sono comodi per due motivi. Il primo è il momento del cambio, più semplice quando i pannolini sono più facili da fare indossare. Il secondo è che la sensazione per i bambini è proprio quella di una mutanda, come quella che indosseranno quando toglieranno il pannolino. Una mutanda che permette di essere sfilata come un paio di normali mutande nei momenti in cui provano il vasino!

Ti potrebbe interessare anche

Cambio pannolino: i trucchi che svoltano la vita
Pannolini e fuoriuscite notturne, i consigli e quali scegliere per evitarle
Pannolino al mare, meglio la mutandina!
Come risparmiare durante il primo anno del bambino
6 consigli per evitare le irritazioni da pannolino
Ma i pannolini scadono?
Come ottenere uno sconto per comprare i pannolini Lillydoo
La dispensa del bambino, cosa accumulare e cosa no
Perché le mamme digital scelgono Lillydoo
Quali pannolini scegliere per bambini con pelle sensibile
Come sopravvivere al primo anno del bambino
8 modi per rendere il cambio pannolino più comodo
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg