Pannolini e fuoriuscite notturne, i consigli e quali scegliere per evitarle

Le fuoriuscite notturne di pipì e pupù sono l’incubo delle mamme e dei papà di tutto il mondo. Primo: perché il bambino si sporca tutto. Secondo: perché il lettino si sporca tutto. Terzo: perché noi ci sporchiamo tutti!

Questi inconvenienti, tuttavia, sono evitabili: basta seguire qualche regola base e, soprattutto, scegliere i giusti pannolini (e scegliere la giusta tecnica di chiusura!). Ecco dunque i nostri consigli su pannolini, trucchi e regole.

Pannolini e fuoriuscite notturne, i consigli e quali scegliere per evitarle: quali pannolini scegliere per non trovare i bambini pieni di pipì e pupù

La prima regola per evitare le fuoriuscite di liquidi e solidi dal pannolino è utilizzare i pannolini della giusta taglia, sempre. Se troppo grandi, beh, chiaramente non tengono al meglio, dal momento che gli elastici risultano allentati e non ben tirati; se troppo piccoli, invece, scivolano via e non coprono le zone che dovrebbero coprire.

Un consiglio è quindi quello di affidarsi a servizi di pannolini in abbonamento che ci permettano di ricevere tutti i mesi i pannolini a casa (super comodità) e di avere sempre la taglia giusta. Lillydoo, ad esempio, permette di mandare indietro le scatole di pannolini chiusi quando il bambino cambia taglia, modificandola con un clic e ricevendo così subito la taglia giusta. In questo modo eviteremo lo spreco di dover buttare via o donare i pannolini di taglia troppo piccola, oppure di utilizzarli per non sprecarli, rischiando così le fuoriuscite notturne, oltre che il fastidio dei bambini (che si sentono stringere, irritando anche la pelle).

Se già non conoscete Lillydoo, l’azienda permette di ricevere un pacchetto prova al solo costo delle spese di spedizione: sono pannolini davvero morbidi, oltre che comodi, e noi ci troviamo benissimo. E poi sono di qualità, una caratteristica imprescindibile quando cerchiamo pannolini che evitino le uscite notturne! Meno qualità, infatti, significa più possibilità di inconvenienti.

Altro accorgimento per evitare le perdite, sembra scontato, ma è cambiare sempre il bambino prima di metterlo a letto, anche quando dorme sereno. Per i bambini che sono soliti dormire molte ore, e che quindi si ritrovano con un pannolino bello pieno, è consigliato evitare di farli bere nell’ora precedente alla nanna, cambiando l’ultimo pannolino della sera proprio a ridosso del coricarsi, in modo da arginare il problema.

Una regola è poi mettere il pannolino nella maniera corretta, con gli adesivi laterali ben saldi, oppure con la mutandina ben infilata. Per capire se abbiamo usato la tecnica corretta, bisogna verificare che tra l’elastico e la coscia non ci siano spazi.

Mantenere la zona ben asciutta è poi un’altra regola base. In questo caso, sia per evitare irritazioni e dermatiti, sia per assicurare la tenuta del pannolino. Dopo il cambio pannolino, quindi asciughiamo molto bene la zona intima e le pieghe del sederino con un panno morbido, oppure, in estate, lasciamo asciugare tutto all’aria.

Ti potrebbe interessare anche

Cambio pannolino: i trucchi che svoltano la vita
Pannolino al mare, meglio la mutandina!
Come risparmiare durante il primo anno del bambino
6 consigli per evitare le irritazioni da pannolino
Ma i pannolini scadono?
Come ottenere uno sconto per comprare i pannolini Lillydoo
La dispensa del bambino, cosa accumulare e cosa no
Perché le mamme digital scelgono Lillydoo
Quali pannolini scegliere per bambini con pelle sensibile
Qual è l’età giusta per togliere il pannolino
Come sopravvivere al primo anno del bambino
8 modi per rendere il cambio pannolino più comodo
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg