Ma i pannolini scadono?

Una domanda che molti genitori si fanno, soprattutto se fan dell’accumulo: ma i pannolini scadono? Quanto durano?

In realtà, sulle scatole la data di scadenza dei pannolini (spesso) c’è. Ma come per altri prodotti non cibari, quanto dobbiamo attenerci?

Ma i pannolini scadono? La risposta alla domanda di moltissimi genitori

La domanda: “ma i pannolini hanno una data di scadenza?” sembra strana, ma è tra le più comuni. Già, perché volenti o nolenti sono molti i genitori che si trovano con l’accumulo di pannolini per i bambini in casa. Un po’ per risparmiare, un po’ per comodità (per non trovarsi senza pannolini nei momenti peggiori), un po’ perché, beh, “al massimo li teniamo per un futuro pargolo”.

La risposta alla domanda non la si trova sempre sulle confezioni di tutti i pannolini, perché, come per altri prodotti, solamente la data di produzione deve essere riportata per legge: la data che troviamo stampata riguarda quindi la data di confezionamento, e non quella di scadenza (anche se alcuni marchi riportano anche la scadenza).

Solitamente, si calcola che i pannolini resistano più o meno tre anni dall’apertura della confezione. Di conseguenza, meglio non utilizzare i pannolini che hanno oltre tre anni.


Ma come, non sono eterni? No, soprattutto se profumati o contenenti gel e creme (questi elementi sono infatti molto deperibili e se a contatto con la pelle del bambino potrebbero provocare arrossamenti e irritazioni).

Il rischio, invece, con i pannolini senza profumi e senza lozioni è un altro, ovvero che questi, dopo qualche anno, non assorbano come dovuto. E anche i materiali, in generale, potrebbero perdere le loro caratteristiche, provocando problemi alla pelle del bambino.

Il nostro consiglio, quindi, è quello di non fare mai scorte eccessive di pannolini, per due motivi: per non avere scatoloni sempre in mezzo alle scatole e per assicurare ai nostri bambini i prodotti migliori, che non siano nocivi sulla loro pelle.

E non è vero che non accumulando non possiamo risparmiare. Esistono infatti servizi, come quello offerto da Lillydoo, per sottoscrivere un abbonamento di pannolini, per riceverli a casa ogni mese senza restare mai senza, e regolando la misura in base alla crescita del bambino, evitando così di comprarne in eccesso e facendo sì che non rimangano in dispensa per anni. Se, infatti, il nostro bambino cambia taglia, semplicemente possiamo inviare indietro i pacchi ancora chiusi, cambiare la taglia e ricevere quelli nuovi a casa. Senza il rischio che scadano!

Per provare il servizio di Lillydoo possiamo addirittura chiedere un pacchetto prova al solo costo delle spese di spedizione, ricevendo così un pacco di pannolini super assorbenti della taglia di cui abbiamo bisogno e una confezione di salviette all’acqua!

Ti potrebbe interessare anche

Cambio pannolino: i trucchi che svoltano la vita
Pannolini e fuoriuscite notturne, i consigli e quali scegliere per evitarle
Pannolino al mare, meglio la mutandina!
Come risparmiare durante il primo anno del bambino
6 consigli per evitare le irritazioni da pannolino
Come ottenere uno sconto per comprare i pannolini Lillydoo
La dispensa del bambino, cosa accumulare e cosa no
Perché le mamme digital scelgono Lillydoo
Quali pannolini scegliere per bambini con pelle sensibile
Qual è l’età giusta per togliere il pannolino
Come sopravvivere al primo anno del bambino
8 modi per rendere il cambio pannolino più comodo
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg