I nostri bambini devono fare ancora uno sforzo: perché giocare con la mascherina è ancora importante

Un anno praticamente passato a casa, senza scuola. Il distanziamento. La lontananza dai nonni. Le uscite con gli amici più che dimezzate. Le ore passate all'aria aperta sacrificate...

I nostri bambini hanno passato un anno davvero challenging per loro. E sono stati fortissimi. Di certo le conseguenze le vedremo tra qualche anno, ma per ora prendiamoci un attimo semplicemente per apprezzare la loro resistenza e la loro resilienza.

Che, putroppo, dovranno mettere in pratica ancora per un po'.

I vaccini e il calo (lentissimo!) dei casi ci stanno facendo ben sperare, ma la fine della pandemia da Covid-19 è ancora lontana. E non dobbiamo lasciarci ingannare dalla bella stagione: la nostra guardia deve restare alta, per noi e per gli altri, ed è per questo che è importante continuare ad usare la mascherina. Anche quando ce la dimentichiamo o riteniamo eccessivo usarla. Ad esempio? Durante i giochi tra bambini, anche a casa e non solo a scuola. Ecco perché.

Bambini e mascherine: l'allarme di Fauci

La raccomandazione arriva dagli Stati Uniti, dove i vaccini sono a buon punto, ma è quanto mai valida anche qui da noi: l'immunologo Anthony Fauci, infatti, ha dichiarato durante un'intervista con la CBS che i genitori e gli educatori è bene non abbassino la guardia, perché fino a che il vaccino non avrà raggiunto anche le fasce più giovani il rischio di contagio rimane altissimo.

In altre parole: finché non saranno vaccinati, i bambini potranno comunque venire contagiati, nonostante la nostra impressione che la pandemia stia allentando la sua stretta.

Quando è bene indossare la mascherina

Le parole di Fauci sono importanti e non devono essere ritenute banali o inutili. Guardiamoci in faccia: spesso viene naturale pensare "Ma sì, dai, tanto non succede niente, sono sempre tra di loro". Eppure quando giocano tra loro i bambini sono a rischio: vedono molte persone, si toccano più spesso di noi adulti e si scambiano così germi e batteri senza volerlo.

"Quando i ragazzini vanno fuori, nella comunità, e vengono in contatto con altri bambini provenienti da diversi gruppi familiari vogliamo che continuino ad indossare le mascherine fra di loro": queste le semplici parole di Fauci, che ci ricordano quanto è importante che i bambini continuino ad indossare la mascherina anche quando in situazioni protette, ovvero quando giocano con i loro amici, anche in casa o in giardino e non solo a scuola.

La preoccupazione, infatti, è il rischio di una nuova ondata nonostante i vaccini, come si è già visto precedentemete: "L'appiattimento della curva dei contagi mi preoccupa. Stiamo iniziando a vedere questa tendenza negli USA e in Europa, vedendo lo stesso plateau che ha portato ad una successiva nuova ondata".

Ti potrebbe interessare anche

6 modi per rimanere in contatto con la famiglia quando è lontana
I sintomi del covid nei bambini
"Credevo che...": le considerazioni dopo un anno di pandemia
Genitori: ecco come risolvere l’ansia da DAD
Le frasi per addolcire questo lockdown ai bambini
Come mangiare bene in smartworking
Come festeggiare Halloween a casa
Come tenere i bambini attivi anche in tempo di pandemia e quarantena
Scuola: rispettando le regole il rischio di contagio è pari a zero
Come risolvere i più comuni problemi della didattica a distanza
10 domande da porsi prima di scegliere un salone di bellezza
Come rendere la mascherina più sopportabile per i bambini
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg