Come alleviare il dolore delle contrazioni

Le contrazioni preparatorie (che sono diverse dalle contrazioni di Braxton Hicks) ci dicono, per prima cosa, che il nostro bambino sta per arrivare. Ma ci dicono anche che il nostro corpo è capace di provocarci moltissimo dolore! Durante il travaglio queste contrazioni dell’utero, che fanno decisamente male, si fanno sempre più regolari e intense, fino ad arrivare al momento dell’espulsione del bambino, che viene spinto lungo il canale del parto proprio grazie a queste contrazioni.

Possiamo tuttavia alleviarle in maniera naturale, tenendole sotto controllo e sentendo un pochino meno dolore durante il travaglio, semplicemente sfruttando certe posizioni e certi rimedi naturali che qui vi presentiamo.

Come alleviare il dolore delle contrazioni: i metodi naturali e le posizioni per sentire meno dolore durante il travaglio

Dondolare

La donna in preda alle contrazioni può, per alleviarle, dondolare il bacino in avanti e indietro. In questo modo, cullata dal movimento, sentirà leggermente meno il dolore e favorirà allo stesso tempo l’apertura del bacino.

Camminare

Anche camminare può essere benefico, soprattutto al momento della contrazione vera e propria. Stare in piedi e muoversi, infatti, fa sentire meno il dolore e la forza di gravità aiuta il bambino a scendere lungo il canale vaginale.

A carponi

Questa posizione non solo allevia il mal di schiena del travaglio, ma, come per la camminata, diventa un valido aiuto per far sì che il bambino scenda più facilmente in basso, velocizzando così il parto.

Il bagno o la doccia calda

Sciogliendo i muscoli e le tensioni, l’acqua calda diventa un prezioso alleato per alleviare naturalmente le contrazioni del parto. Molti medici suggeriscono infatti durante il travaglio che la futura mamma faccia una doccia calda (con il getto indirizzato sulla pancia) o un bagno caldo per trovare sollievo e rilassarsi prima della fase di espulsione.

La Gym-Ball

La grande palla che si utilizza in palestra è utile anche ad alleviare il dolore del travaglio. Sedendosi sopra o sdraiandosi e scivolando la partoriente può massaggiare la schiena e la pancia, trovando la propria posizione.

I massaggi

L’ostetrica o i partner possono provare varie tecniche di massaggio che non solo aiutano con i fastidi delle contrazioni preparatorie, ma favoriscono anche dei piccoli spostamenti del bambino che facilitano la sua uscita dal canale vaginale.

Ti potrebbe interessare anche

Quanto tempo ci vuole per rimettersi dopo il parto?
Nascita dolce e dintorni
Nascere ai tempi del covid, il video della SIN per i genitori
Tutto ciò che c’è da sapere sul parto cesareo
Il perfetto kit per il post-parto
La vescica dopo il parto, perché l’incontinenza non è una vergogna
Come evitare la perdita di capelli dopo il parto
Come riconoscere le contrazioni in gravidanza
Le fasi del parto naturale
Parto indotto, un incremento che fa preoccupare
La valigia dell’ospedale per il parto
Leboyer, per un parto che sia il più dolce possibile
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg