Come evitare la perdita di capelli dopo il parto

Se durante la gravidanza i nostri capelli diventano improvvisamente “Wow!” (grazie, estrogeni!), il periodo successivo può essere davvero stressante per la nostra testa, e molte donne trovano di soffrire di una perdita di capelli notevole.

Non è una leggenda metropolitana: durante la gravidanza gli ormoni rallentano la transizione dei capelli dalla fase di crescita a quella di “riposo”, e di conseguenza aumentano i capelli nella fase di crescita. È per questo che pare di avere molti più capelli, molto più volume e molto più vigore. Il problema è che dopo il parto i livelli di ormoni, circa una settimana dopo, cominciano a scendere drasticamente e questo sballa i follicoli, provocando la caduta di quei capelli che si trovavano nella fase di “riposo”.

Successivamente, molte donne notano come ci sia una lenta ricrescita di questi capelli, ma che questi siano più fini e crespi. Che fare, allora, per evitare questo fastidio?

Innanzitutto, non preoccupiamoci troppo: i capelli torneranno al loro stato “regolare” nel giro di 12-15 mesi, senza bisogno di medicinali o interventi. Saperlo è importante, perché riduce lo stress e di conseguenza la transizione sarà più veloce e leggera.

Secondo: possiamo in qualche modo arginare gli effetti di questi sbalzi di ormoni, in maniera naturale, piacevole e per nulla stressante, in modo da aiutare i nostri capelli a tornare quelli di prima.

Come evitare la perdita di capelli dopo il parto: i consigli per dei capelli più forti nei mesi dopo il parto, quando sono più fini e fragili

Aumentiamo la vitamina B

La vitamina B è importantissima in molte fasi della vita, e non a caso è consigliato integrarla nei momenti più “down”, come la convalescenza. In particolare, la B7 è importante per i nostri capelli: sia chiama anche biotina ed è conosciuta proprio per aiutare le neomamme a contrastare la perdita di capelli dopo la gravidanza, facendo anche sì che i capelli non diventino troppo fini. Dove di trova? Negli spinaci, nell’avocado e nel salmone selvaggio.

Mangiamo davvero sano

Sì, mangiamo tantissima frutta e verdura fresche. Non farà bene all’organismo solo in generale, ma aiuterà anche la nostra cute e i nostri capelli, dal momento che la frutta fresca e la verdura fresca contengono flavonoidi, che promuovono la crescita dei capelli.

Evitiamo phon e piastra

È difficile, in termini di tempo, non asciugare i capelli, ma se riusciamo a farli asciugare naturalmente all’aria ci ringrazieranno. Il calore eccessivo è infatti nemico dei capelli, soprattutto nei momenti in cui sono più fragili e vulnerabili. Se proprio non possiamo farne a meno, manteniamo una temperatura più bassa.

Evitiamo i prodotti per capelli troppo pesanti

E con “pesanti” intendiamo quelli troppo “nutrienti”. Nei mesi successivi al parto i capelli sono più fini, quindi è meglio puntare sulla leggerezza, con shampoo naturali che rispettino il capello e lo lascino più leggero e libero.

No ai pettini troppo aggressivi

Che usiamo il pettine, la spazzola o le dita, in questo periodo è meglio porre più attenzione sul gesto del pettinarsi. I capelli, infatti, sono più fini e tendono a spezzarsi più facilmente, soprattutto attraverso la manipolazione meccanica, ovvero quando li pettiniamo. In particolare, quando abbiamo i capelli bagnati, dobbiamo stare molto attente, usando o le dita o una spazzola delicata, districandoli lentamente e con delicatezza estrema. Evitiamo, per lo stesso motivo, anche le code troppo strette, la lacca (dal momento che poi dobbiamo pettinarla via e il rischio che si spezzino è molto alto) e i cerchietti troppo costringenti.

Ti potrebbe interessare anche

La vescica dopo il parto, perché l’incontinenza non è una vergogna
I benefici dell’olio di cocco per la crescita dei capelli
Le fasi del parto naturale
Maschera per capelli secchi, sfibrati e rovinati da piastra e colore
Gli alimenti che fanno bene ai capelli e alla cute
Parto indotto, un incremento che fa preoccupare
La valigia dell’ospedale per il parto
Sì, anche i maschi possono portare i capelli lunghi
Leboyer, per un parto che sia il più dolce possibile
“My body did not fail me”, un bellissimo progetto sul parto cesareo
Contrazioni preparatorie: come sono e quando recarsi in ospedale
8 semplici e bellissime pettinature per bambine
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg