La changing station, lo spazio per il cambio bebè

Non chiamiamola semplicemente “fasciatoio”: la zona dedicata al cambio pannolino è per noi qualcosa di molto più figo, molto più complesso, molto più comodo. E per questo è più carino chiamarla con il nome anglosassone, e cioè la “changing station”, la stazione del cambio. Perché questa è proprio una postazione perfetta, se ben organizzata, nella quale abbiamo tutto l’occorrente non solo per il cambio pannolino ma anche per i massaggi, le coccole, la pulizia del nostro bimbo e tutto ciò di cui abbiamo bisogno durante la giornata.

E se i pannolini sono anche belli da vedere, tutto è più semplice: noi utilizzando i pannolini Lillydoo non solo abbiamo la certezza di non finirli mai (perché arrivano direttamente a casa grazie all’abbonamento!), ma amiamo metterli in mostra in cestini e scaffali, perché sono proprio fighissimi, con fantasie delicate e un po’ nordiche. (Se volete provarli, basta ordinare il pacchetto prova).

Ma come organizzare questa changing station? Ecco i nostri consigli per renderla davvero comoda, utile e completa, per rendere il momento del cambio pannolino qualcosa di non così tragico come certi film o pubblicità vogliono farci vedere, ma qualcosa di coccoloso e tenero, dove passeremo moltissimi momenti quotidiani con il nostro bimbo.

La changing station, lo spazio per il cambio bebè: come organizzare la changing station per cambiare il pannolino e lavare il nostro bimbo con tutto l’occorrente

Il luogo ideale nel quale posizionare la nostra changing station è certamente il bagno, perché siamo vicini al lavandino, alla doccia o alla vasca, ed è quindi perfetto per non fare troppi spostamenti quando dobbiamo lavare il nostro bebè. Tuttavia, se manca lo spazio, va benissimo anche in camera o in cameretta, oppure nello studio. Basta che siamo comodi noi!

Tra gli essenziali da avere nella nostra changing station, oltre ad una base morbida e lavabile sulla quale appoggeremo il nostro bambino, c’è il nappy organizer, ossia l’organizzatore di pannolini. Ce ne sono di tutti i tipi. Possiamo scegliere ad esempio quello da tenere accanto alla changing station, come un carrellino nel quale appoggiare i pannolini e tutte le creme e gli accessori che ci serviranno.

4fb358b005a7865a2b0b29421099153a.jpg

Oppure di questo genere, da appendere al muro o accanto alla changing station, che è molto comodo perché permette di dividere i pannolini da giorno e da notte oppure di dividere i componenti dei pannolini lavabili (se utilizziamo questi).

image.png

Altro genere sono i nappy organizer che possiamo appendere alla porta, molto molto comodi e pratici.

f0f12c32cbaa915c93b185e24af3f270.jpg

Infine, ecco i nappy organizer da cassetto, se la nostra changing station presenta una cassettiera: possiamo comprarli con i divisori oppure creare noi la divisione sistemando nel cassetto più contenitori di differenti dimensioni.

4398596bfa951a192ae22d1c092cbb41.jpg


Per quanto riguarda la changing station vera e propria, anche qui abbiamo una vasta varietà di scelta. Per il bagno ce ne sono di questo tipo, da creare con le nostre mani e da fissare molto bene al muro e ottime soprattutto nei primi tempi, quando i nostri bimbi, ahinoi, si sporcano moltissimo con la pupù liquida, ritrovandosela su tutta la schiena.

eb7d19a9d166350b3718ae3c1398add6.jpg

Il carrellino da spostare è molto comodo: possiamo trasportarlo nelle varie stanze in base alla necessità.

0273b714767bbb3150e20b544011f6c2.jpg

Ci sono poi le changing station che possiamo trovare nei negozi di design, da appendere al muro (a scomparsa, e quindi molto comode)…

45950a19f1547145a2e67f3d009cfa5a.jpg

Oppure quelle che possiamo costruire utilizzando moduli spostabili e intercambiabili, in modo da sfruttare tutto lo spazio della stanza in cui andremo a collocare la nostra changing station.

87e2cd596679f2320ad5f2e3c33bd8b1.jpg

Per arrivare a opzioni super smart, come l’armadio trasformato in changing station, con all’interno tutto ciò di cui abbiamo bisogno, dai cassetti al fasciatoio, dal nappy organizer alla zona nella quale riporre i vestitini e le creme.

2d37891aeb093e2f98ec745c09a1fa62.jpg

E quindi arriviamo all’ultimo elemento che non può cambiare nella nostra changing station: oltre al fasciatoio vero e proprio (il mobile) e ai nappy organizer nei quali organizzare i pannolini, non possono di certo mancare le creme per il cambio del pannolino, che dobbiamo scegliere con cura perché la pelle e il sederino dei nostri bambini sono davvero, davvero delicati.

Come sempre è bene affidarsi a creme naturali e di fiducia, sicure e leggere. Andranno organizzate anche queste in maniera smart, semplice e comoda, e le nostre scelte solitamente ricadono sugli organizer da parete (che possiamo appendere anche sul lato della nostra changing station o sulla porta).

I prodotti che sentiamo di consigliarvi sono certamente l’olio di mandorle bio, la crema protettiva emolliente e la crema idratante di Lillydoo, senza profumi e PEG e quindi super naturali e delicati sulla pelle del bambino!

Linea skincare (1).jpeg

Ti potrebbe interessare anche

Consigli salvatempo per genitori
Lillydoo, quando un abbonamento ti facilita la vita
Quali pannolini scegliere contro la dermatite da pannolino
Le più belle torte di pannolini
Perché scegliere pannolini senza profumazione e senza lozioni
I trucchi per affrontare l’emergenza del cambio pannolino fuori casa
Igiene intima del bebè, 5 cose da non fare
Pannolini e comodità, un connubio possibile grazie a Lillydoo!
La borsa del cambio per il passeggino
Il cambio pannolino in piedi secondo Maria Montessori
I pannolini Lillydoo, belli, comodi e delicati
#squatforchange, l’hashtag per sensibilizzare su un argomento che ci sta a cuore
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg