La borsa del cambio per il passeggino

La borsa del cambio per il passeggino deve essere fatta a regola d’arte. Perché? Non per sfizio, o per estetica, ma semplicemente perché deve semplificare la vita di noi genitori. Pannolini, creme, acqua, salviettine… Serve davvero moltissimo, ma basta essere un pochino smart per organizzarla al meglio ed avere così sempre a portata di mano tutto ciò di cui abbiamo bisogno per uscire in tutta tranquillità con i nostri pargoli.

Ma cosa serve, esattamente? Ogni genitore ha le sue priorità e le sue abitudini, ma certamente ci sono alcuni oggetti e accessori che non possono mancare. Ed è per questo che abbiamo creato per voi la guida definitiva alla borsa del cambio per il passeggino!

La borsa del cambio per il passeggino: gli essenziali per la borsa del passeggino e come organizzare tutto per semplificarci la vita quando usciamo con i bimbi

Naturalmente si parte dai pannolini, che (usa e getta o lavabili) non dovrebbero mai mancare nella borsa del cambio che appendiamo al passeggino, così come un telo (meglio se impermeabile, in modo da lavarlo in maniera super semplice) sul quale appoggiare il bambino durante il cambio ovunque siamo. Ma c’è un accessorio ancor più utile che non molti conoscono: la wet bag.

La wet bag è un accessorio da infilare nella borsa del cambio pannolino che è davvero molto comodo perché permette di non impazzire quando ci troviamo a dover cambiare il pannolino al bambino in una situazione non esattamente comoda. La wet bag è perfetta soprattutto nel caso in cui utilizziamo i pannolini lavabili, ma è incredibilmente utile anche nel caso di quelli usa e getta. Si presenta così (e possiamo acquistarla qui):

71roj3B4rEL._SL1024_.jpg

Si tratta di una borsa prodotta in un materiale impermeabile (come ad esempio il poliuretano), richiudibile ed ermetica, perfetta per riporre i pannolini sporchi. Nel caso in cui utilizziamo i pannolini lavabili questa è necessaria per non sporcare il resto del contenuto della borsa e per riportare a casa i pannolini bagnati o umidi, ma diventa molto comoda anche nel caso in cui ci troviamo in un luogo (come ad esempio durante le passeggiate in montagna o in altri luoghi meno cittadini) nel quale fatichiamo a trovare un cestino per gettare i pannolini usa e getta. Sono utili però anche per riporre le salviette e gli indumenti umidi e sporchi, in modo da non contaminare il resto ed evitando spiacevoli odori (grazie alle chiusure ermetiche).

Ce ne sono di molte tipologie, e possiamo sceglierle dei nostri colori preferiti, in modo da essere un pochino fashion, oltre che pragmatici!

Nella borsa del cambio per il passeggino non dovrebbero poi mai mancare le salviette umidificate, meglio se morbide, necessarie per pulire al volo i casini che i culetti dei nostri bimbi producono nel giro di pochissime ore! Possiamo comprarne (con ingredienti naturali!) oppure, semplicemente, utilizzare dell’acqua fresca bagnando delle salviette in cotone al momento.

Infiliamo poi nella borsa del cambio un gel per lavarci le mani in caso di emergenza (meglio se realizzato con oli essenziali, meno chimico e meno aggressivo sulla pelle dei bimbi, dal momento che le nostre mani li toccheranno durante il cambio) e un paio di baby-body di scorta: come certamente saprete (per esperienza!) i bimbi nei primi mesi di vita si sporcano davvero moltissimo e a volte cambiare il pannolino non basta.

E quali creme sono indispensabili nella borsa del cambio per il passeggino? Certamente la pasta emolliente per il sederino, da spalmare dopo aver lavato il culetto con acqua fresca per evitare arrossamenti.

E poi, meno scontata, la crema solare: che sia estate o inverno, quando il sole spunta fuori può diventare pericoloso e avere un tubetto di crema, che abbia una protezione 50+ pensata apposta per le pelli dei nostri bimbi piccoli.

Infine, del talco per i giorni in cui i bimbi sembrano sudare più del solito, anche in questo caso per evitare arrossamenti. Noi consigliamo del talco che non sia in polvere (perché è piuttosto pericoloso): meglio in crema.

Sara Polotti

Ti potrebbe interessare anche

Le più belle torte di pannolini
Coperte e foulard per coprire il passeggino, un errore pericolosissimo
Perché scegliere pannolini senza profumazione e senza lozioni
I trucchi per affrontare l’emergenza del cambio pannolino fuori casa
La changing station, lo spazio per il cambio bebè
Pannolini e comodità, un connubio possibile grazie a Lillydoo!
Il cambio pannolino in piedi secondo Maria Montessori
I pannolini Lillydoo, belli, comodi e delicati
I pannolini ecologici, cosa sono e dove comprarli
I pannolini lavabili Culla di Teby
tRiciclo, Bimbi a Basso Impatto
La borsa del cambio per i papà
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

Newsletter