Cetrioli, alghe wakame e sesamo: questi i tre ingredienti principali della ricetta del sunomono, l'insalata fresca giapponese da abbinare al riso bianco oppure da proporre come contorno sfizioso.

Si prepara molto velocemente, è sano e fresco ed è davvero delizioso: un piatto della cucina orientale da scoprire e da riproporre a casa per gustare in maniera diversa i cetrioli.

Sunomono, la ricetta dell'insalata giapponese di cetrioli: come prepararla

 

Non sono per forza libri sulla maternità, ma libri che in generale potrebbero piacere a mamme amanti della lettura. I generi? Un po' di tutto: romanzi sentimentali, gialli, thriller, classici, young adult, autobiografie, true crime, graphic novel... Questa lista può diventare una fonte d'ispirazione, spuntando i titoli già letti e annotando i libri da leggere, quelli che ingrandiranno ancora un po' la classica pila sul comodino!

Perché confermate che anche voi avete una pila di libri sul comò, vero?

I 50 libri da leggere nella vita, per mamme che amano i romanzi: i migliori titoli di romanzi appassionanti

Classici:

Romanzi sociali

Autobiografie e biografie:

Romanzi sentimentali

Romanzi contemporanei

Gialli e thriller

True crime

Fantasy

Graphic Novel

 

Ps. I link sono affiliati! 

In estate i frutti rossi e i frutti di bosco abbondano, ed è giusto fare grandi scorpacciate! Un po' meno acquistare questa frutta in autunno e inverno, quando è fuori stagione. Perché? Perché comprare frutta e verdura fuori stagione inquina moltissimo: per averla, infatti, le aziende sono costrette o a sprecare moltissima energia in serre riscaldate, oppure a importare i prodotti da lontano, con conseguente utiizzo di combustibili fossili durante il trasporto.

Mangiare frutti rossi e di bosco tutto l'anno però è possibile: basta conservarli nella giusta maniera.

Un esempio? La marmellata di more fatta in casa è un'ottima modalità di conservazione, per consumare questi piccoli frutti di bosco a colazione o a merenda (o sulla cheesecake!) anche quando non sono di stagione.

C'è però un accorgimento importante: per conservare la marmellata fatta in casa è necessario sterilizzare BENISSIMO i barattoli in cui la si verserà, come specificato dal Ministero della Salute nel dossier dedicato alle conserve alimentari casalinghe.

La ricetta della marmellata di more: come si prepara la conserva di more fatta in casa

 

Un po' tutti abbiamo quell'amico che, in adolescenza, era il più scapestrato di tutti. Quell'amica che, dato che i suoi genitori non le permettevano di avere il cellulare, usava quello delle altre sfruttando ancor di più la segetezza. O quell'amica che, in barba ai numerosissimi divieti che le imponevano mamma e papà, scavalcava la finestra, faceva serata con gli altri, si ubriacava e tornava al mattino di nascosto da tutti.

O, forse, quell'amica o quell'amico siamo addirittura noi.

La sostanza non cambia: queste persone sono il perfetto esempio che si porta quando si prova a scardinare l'efficacia della severità. Chissà perché - si dice - gli adolescenti più ribelli erano quelli che in casa avevano più divieti e restrizioni. Quelli con i genitori più rigidi.

Un cliché? Uno stereotipo? Una convinzione senza basi? In realtà no. In realtà - rullo di tamburi - in moltissimi casi è così.

È vero: la rigidità educativa e l'eccessiva severità portano - spesso - alla ribellione. E quelli che sembravano gesti fatti per instillare serietà, responsabilità ed educazione - e soprattutto per tenere i propri figli al sicuro - si rivelano, al contrario, armi a favore dell'irrequietezza.

Quando le restrizioni sono troppe?

I genitori restrittivi sono quelli che impongono moltissimi divieti. Quellli che osservano sempre da vicino i figli (chiamati recentemente genitori elicottero), quelli che preferiscono la vecchia tecnologia a quella nuova, queli che vietano programmi ritenuti sconvenienti e app - giustamente - viste come pericolose. Tutte scelte encomiabili e responsabili, sia chiaro.

Il problema arriva quando queste restrizioni diventano eccessive. Quando diventano la regola. E soprattutto, quando sono fini a se stesse. Imporre le regole senza spiegare il perché, oppure mettere paletti senza lasciare che i figli si responsabilizzino, infatti, limita moltissimo la possibilità di crescita e di comprensione dell'ambiente circostante.

E, non ultimo, chiude le porte del dialogo.

Regole VS Dialogo

Il dialogo, infatti, è importantissimo durante la crescita. Così come lo sono gli errori e le esperienze dirette. Negarne alcune significa renderle tabù, appoggiando su esse un velo di fascino pericoloso. Un fascino pericoloso che si associa, d'altra parte, anche all'ignoranza: ignorare qualcosa, non conoscerlo e non farne esperienza significa poi affrontare il mondo senza i giusti strumenti.

Allo stesso tempo, non parlare di certi argomenti o calare una serranda su altri può portare a una pericolosa chiusura. Se i ragazzi non si sentono compresi, saranno meno propensi a parlare con i genitori, creando così rischiose zone d'ombra.

Il parere degli esperti

Anche la dottoressa Emily Edlynn, psicologa clinica, in un'intervista alla rivista Parents ha spiegato che sono diverse le ricerche che mostrano come il dialogo e l'apertura, a differenza delle rigide restrizioni, siano alla base della crescita armoniosa di bambini sani ed equilibrati. Non solo: l'esperta mette in guardia dal fascino dei divieti. Quando a qualcuno viene detto di non fare qualcosa, infatti, questo divieto incrementa il desiderio di fare quella cosa. Perché? Perché si percepisce la regola come un tentativo di limitazione alla propria libertà.

Infine, importante è considerare il bisogno di indipendenza per gli adolescenti, che non è solo un capriccio, ma un passaggio fondante per la crescita. Se le regole sono troppo ferree, spiega Edlynn, la restrizione limita l'esperienza di indipendenza, e questo in età adulta porta potenzialmente a comportamenti dannosi, come l'abuso di sostanze o la difficoltà a fare i conti con le questioni mentali.

In estate rinfrescarsi con il ghiacciolo non è solo gustoso, ma anche importante: permette di idratarsi, anche nel caso di persone (grandi o piccole) che solitamente fanno fatica a bere.

Meno benefica è però la scelta di mangiare i ghiaccioli industriali, zeppi di zucchero e di coloranti. Una scelta comoda, è vero, ma solo perché si crede che fare in casa i ghiaccioli sia difficile o faticoso. Niente di più sbagliato!

Questa ricetta dei ghiaccioli al mango homemade, per esempio, è di una facilità disarmante. Ed è senza zucchero aggiunto! Il mango, infatti, è un frutto già molto dolce e zuccherino di suo e non è necessario dunque aggiungere altro saccarosio.

Ecco la ricetta dei ghiaccioli al mango.

Ghiaccioli al mango fatti in casa: la ricetta

 

Dopo la lunga lista di libri per bambini da leggere almeno una volta nella vita, ecco una selezione dei romanzi e dei libri per ragazzi, ragazze e adolescenti che vale la pena leggere

Si tratta di libri diversi, sfaccettati, di differenti generi, pensati per soddisfare tutti i gusti. Libri che parlano di amicizia tra ragazze, tra ragazzi, di storie d'amore, di storie fantasy, di immaginari distopici, di fatti storici...

Tutto naturalmente varia a seconda delle abitudini di lettura: ci sono ragazzi che leggono da sempre e che sono già pronti per letture impegnate, o al contrario adolescenti più grandi che si approcciano per la prima volta alla lettura, preferendo titoli più leggeri. In ogni caso, questi sono i più belli, i più coinvolgenti, i più educativi. Ma anche quelli più leggeri che fanno davvero appassionare alla lettura. Senza storcere il naso!

Gli imperdibili, insomma. E non secondo una classifica! L'ordine è puramente casuale.

I migliori 50 libri per ragazzi e adolescenti

  1. Il giovane Holden
    di J.D. Salinger
  2. Jack Frusciante è uscito dal gruppo
    di Enrico Brizzi
  3. Noi siamo infinito
    di Stephen Chbosky
  4. The hate u give
    di Angie Thomas
  5. Il signore delle mosche
    di William Golding
  6. Twilight
    di Stephenie Meyer
  7. Harry Potter
    di J.K. Rowling
  8. Heartstopper
    di Alice Osman
  9. Mio fratello si chiama Jessica
    di John Boyne
  10. Colpa delle stelle
    John Green
  11. Anna
    di Niccolò Ammaniti
  12. Hunger Games
    di Suzanne Collins
  13. Il buio oltre la siepe
    di Harper Lee
  14. L'amico ritrovato
    di Fred Uhlman
  15. Diario
    di Anne Frank
  16. Il mistero del treno azzurro
    di Agatha Christie
  17. Due di Due
    di Andrea De Carlo
  18. La canzone di Achille
    di Madeline Miller
  19. Cercando Alaska
    di John Green
  20. Divergent
    di Veronica Roth
  21. Cronache del mondo emerso
    di Licia Troisi
  22. La compagnia degli addii
    di Axl Cendres
  23. I manuali di sopravvivenza
    di Sarah Spinazzola
  24. Tredici
    di Jay Asher
  25. Sex Education. Il viaggio
    di Katy Birchall
  26. Il codice delle ragazze
    di Alessandra Spada
  27. Io, bullo
    di Giusi Parisi
  28. L'imprevedibile caso del bambino alla finestra
    di Lisa Thompson
  29. La stanza 13
    di Robert Swindells
  30. Cento passi per volare
    di Giuseppe Festa
  31. Qualcuno con cui correre
    di David Grossman
  32. I casi di Theodore Boone
    di John Grisham
  33. Arsenio Lupin
    di Maurice LeBlance
  34. Il signore degli anelli
    di J.R.R. Tolkien
  35. Il ciclo di Shannara
    di Terry Brooks
  36. Eragon
    di Christopher Paolini
  37. Figli di sangue e ossa
    di Tomi Adeyemi
  38. Tuo, Simon
    di Becki Albertalli
  39. Barba. Storia di come sono nato due volte
    di Alec Trenta
  40. Stargirl
    di Jerry Spinelli
  41. Quattro amiche e un paio di jeans
    di Ann Brashares
  42. Questo libro non parla di sesso
    di Erika Moen
  43. Obbligo o verità?
    di Annika Thor
  44. Oliver Twist
    di Charles Dickens
  45. Goodbye, Berlin
    di Wolfgang Herrndorf
  46. Non dirmi che hai paura?
    di Giuseppe Catozzella
  47. Stanotte guardiamo le stelle
    di Alì Eshani
  48. Un ragazzo normale
    di Lorenzo Marone
  49. Melody
    di Sharon M. Draper
  50. Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo
    di Rick Riordan

I classici sono classici, e non hanno età. Anche i libri "per bambini".

Sì, è vero: sono considerati letteratura per l'infanzia. Ma di infantile hanno ben poco!

Li hai mai letti? E i tuoi figli e le tue figlie li hanno mai letti o ascoltati? Ecco una lista dei 50 migliori libri per bambini da leggere almeno una volta nella vita, i più belli, i più educativi, i più sorprendenti e i più divertenti.

Non è una classifica, ma un elenco un po' disordinato di titoli della letteratura per l'infanzia che noi abbiamo adorato particolarmente, e che i bambini e le bambine di tutto il mondo apprezzano sempre moltissimo.

Che tra questi ci sia il prossimo libro preferito dei vostri figli?

I 50 libri per bambini da leggere almeno una volta nella vita: li hai letti tutti?

  1. Il piccolo principe
    di Antoine de Saint Exupery
  2. Harry Potter
    di J.K.Rowling
  3. Favole al telefono
    di Gianni Rodari
  4. Il GGG
    di Roald Dahl
  5. Le fatiche di Valentina
    di Angelo Petrosino
  6. Il giardino segreto
    di Frances Hodgson Burnett
  7. Piccolo blu e piccolo giallo
    di Leo Lionni
  8. Buongiorno postino
    di Michael Escoffier e Matthieu Maudet
  9. Matilda
    di Roald Dahl
  10. Ascolta il mio cuore
    di Bianca Pitzorno
  11. Anna dai capelli rossi
    di L.M. Montgomery
  12. Il Grinch
    di Dr Seuss
  13. Pippi Calzelunghe
    di Astrid Lindberg
  14. Diario di una schiappa
    di Jeff Kinney
  15. Le streghe 
    di Roald Dahl
  16. Le avventure di Pinocchio
    di Carlo Collodi
  17. Alice nel Paese delle Meraviglie
    di Lewis Carroll
  18. Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare
    di Luis Sepulveda
  19. Piccole donne
    di Louisa May Alcott
  20. Il meraviglioso Mago di Oz
    di L.F. Baum
  21. Il giro del mondo in 80 giorni
    di Jules Verne
  22. La piccola principessa
    di Frances Hodgson Burnett
  23. Le avventure di Tom Sawyer
    di Mark Twain
  24. Il giornalino di Giamburrasca
    di Vamba
  25. Neandertal Boy
    di Luciano Malmusi
  26. La nonna sul melo
    di Mira Lobe
  27. Peter Pan
    di J.M. Barrie
  28. Il barone rampante
    di Italo Calvino
  29. L'isola del tesoro
    di R.L. Stevenson
  30. Piccoli brividi
    di R.L. Stine
  31. Il rubino di fumo
    di Philip Pullman
  32. Wonder
    R.J. Palacio
  33. La fabbrica di cioccolato
    di Roald Dahl
  34. L'occhio del lupo
    di Daniel Pennac
  35. Mio fratello rincorre i dinosauri
    di Giacomo Mazzariol
  36. I ragazzi della via Pál
    di Ferenc Molnàr
  37. L'amico ritrovato
    di Fred Uhlman
  38. Il ibro della giungla
    di Richard Kipling
  39. Quando Hitler rubò il coniglio rosa
    di Judith Kerr
  40. Nel mare ci sono i coccodrilli
    di Fabio Geda
  41. Il piccolo Nicolas
    di René Goscinny
  42. Calvin e Hobbes
    di Bill Waterson
  43. Nonna gangster
    di David Walliams
  44. Diario
    di Anne Frank
  45. La storia di Peter Coniglio
    di Beatrix Potter
  46. Il mondo di Boscodirovo
    di Jill Barklem
  47. La bussola d'oro
    di Philip Pullman
  48. La saga di Berlin
    di Fabio Geda e Marco Magnone
  49. La tela di Carlotta
    di E.B. White
  50. Le storie di Richard Scarry

Ps. I link sono affiliati!

Nei giorni scorsi vi abbiamo proposto la ricetta dello yogurt fatto in casa senza yogurtiera. Con piccoli accorgimenti, è possibile preparar in casa senza alcuno strumento specifico anche quello vegetale!

Se preferisci evitare derivati animali (per intolleranze, etica o ambiente) e se ti piace lo yogurt, quindi, la buona notizia è che puoi preparare lo yogurt vegetale fatto in casa, sfruttando i batteri di un vasetto di yogurt che ti permetteranno di fare fermentare potenzialmente all'inifinito il latte vegetale, avendo così ogni giorno e ogni settimana a disposizione il tuo yogurt casalingo. Tieni sempre da parte 125 grammi del tuo yogurt, e riutilizzalo così senza acquistarne nuovi barattoli!

Yogurt vegetale fatto in casa: la ricetta senza yogurtiera

 

Per prima cosa, sai cos'è lo yogurt? Lo yogurt è un alimento derivato del latte (o delle bevande vegetali) che viene prodotto grazie alla fermentazione operata da batteri come lo Streptococco e il Lactobacillo.

Molte persone sono convinte che sia difficilissimo da fare, che servano attrezzature apposite e che non valga la pena farlo in casa. Ma visti i rincari sulle materie prime, e vista quanta soddisfazione dà questa preparazione, fare in casa lo yogurt è una scelta davvero ottima.

Prima di tutto, si prepara in men che non si dica. E poi si risparmia. E infine si può preparare di qualunque gusto, scegliendo per esempio la frutta fresca di stagione.

Ecco dunque come preparare in casa lo yogurt anche se non si ha a disposizione una yogurtiera, per averne sempre a disposizione.

pexels-photo-373882.jpeg

Come fare lo yogurt in casa, senza yogurtiera: la ricetta

 

Il benessere: aspetto fondamentale della vita, finalmente valorizzato. Ma non scontato. Perché anche il benessere ha bisogno di essere allenato. E soprattutto, va perseguito con impegno.

Finalmente, la nostra società ha capito che andare in terapia non è qualcosa di vergognoso, non è sinonimo di debolezza e, anzi, è necessario per l'armonia psicofisica e per il benessere delle relazioni. Anche familiari, e non solo di coppia. Perché andare dallo psicologo o dalla psicologa non è un atto puramente personale: è una scelta altruista, che ricade sul benessere delle persone attorno a noi.

C'è un bellissimo meme che gira in questi giorni: "Chissà come saremmo (noi millennial) se i nostri genitori fossero andati in terapia...". Già: chissà! I nostri figli, invece, hanno la fortuna di crescere con mamme e con papà che in molti casi hanno scelto la via della terapia per stare meglio, e per fare stare meglio (di conseguenza) i loro bambini.

Ora anche lo Stato italiano l'ha capito e da fine luglio 2022 è possibile richiedere il Bonus Psicologo, una misura che ci piace per due motivi: normalizza la terapia, mettendola sullo stesso piano di ogni altro servizio sanitario nazionale (o quantomeno ci prova). E rende più accessibile andare dallo psicologo, un servizio prima d'ora parecchio proibitivo.

Ma come si fa a richiedere il Bonus Psicologo?

Il Bonus Psicologo 2022 sarà richiedibile da oggi, lunedì 25 luglio, fino al prossimo 24 ottobre 2022. La richiesta andrà fatta sul sito dell'INPS, per ottenere fino a 600 euro spendibili in terapie psicologiche.

SPID alla mano, carta d'identità (o carta nazionale dei servizi) pronta: sul sito dell'INPS è presente una sezione "Contributo sessioni psicoterapia", a cui si arriva attraverso il percordo Prestazioni e Servizi, Servizi, Punto d'accesso alle prestazioni non pensionistiche. 

Chi non potesse fare la richiesta telematicamente, potrebbe contattare il call center da rete fissa, digitando il numero 803164. Da mobile, il numero da chiamare è lo 06164164.

Chi può fare richiesta

La richiesta del Bonus Psicologo 2022 non è aperta a tutti, ma solo ai cittadini residenti in Itaila che non abbiano un ISEE superiore ai 50mila euro. A seconda dell'ISEE varierà anche l'importo del contributo, che potrà essere di 50 euro a seduta fino a un massimo di 600 euro a persona, nel caso di ISEE inferiore a 15mila euro. Per le persone con ISEE fino a 30mila euro, invece, il bonus sarà al massimo 400 euro, mentre fino a 50mila sarà di 200 euro. 

Al termine della presentazione delle domande, ovvero il 24 ottobre, le regioni elaboreranno le graduatorie degi aventi diritto.

Secondo Il Sole24Ore, le risorse rischiano però di non essere abbastanza per tutti: l'Italia, per questo bonus, ha stanziato 10milioni di euro, con una platea stimata di 16mila persone. Nel caso i fondi non coprissero tutte le richieste, a partità di diritto i soldi verranno erogati in base all'ordine di arrivo delle richieste.

Le alternative: andare dallo psicologo gratuitamente

Per chi non riuscisse a fare domanda o avesse bisogno nel breve periodo, ricordiamo che esistono anche sportelli gratuiti e servizi in tutta Italia per poter accedere alla terapia psicologica senza dover sborsare un capitale.

Presso i consultori territoriali, ad esempio, è sempre presente una figura professionale dedicata alle terapie psicologiche ed è possibile fare richiesta sempre e comunque. I tempi, in qualche occasione, sono più lunghi rispetto alle attese presso i professionisti privati, ma per molte persone si tratta comunque di un servizio prezioso.

Sara

sara.png

Cecilia

Untitled_design-3.jpg