Il parto in casa

Argomento sempre discussissimo e che scatena le polemiche di esperti e non.

“Il parto in casaaaa? Ma sei pazzaaaa? Non è sicuro!”

Questa, di solito, è la reazione di tante mamme e donne a cui presento l’opzione di dare alla luce il proprio bimbo al di fuori delle mura ospedaliere.

Dunque, sfatiamo un mito: il parto in casa è sicuro tanto quanto quello in ospedale nel momento in cui la gravidanza e il travaglio si mantengono fisiologici.

Questo non lo dico io, ma lo dice l’OMS.

Poi è indubbio che il parto spaventi gran parte della popolazione, tante future mamme hanno paura del dolore, di metterci troppo tempo, che il piccolo soffra, di perdere il controllo etc, etc…

A volte bisogna sapersi fidare del proprio corpo, delle proprie capacità ed affidarsi alla natura… se non ci siamo estinti (e per millenni le donne hanno partorito dappertutto: giungla, capanne, igloo, in casa, in campagna, in acqua) forse il parto extra-ospedaliero non è poi così assurdo. Basti pensare che in Inghilterra e in Olanda c’è il 15% di parti in casa (e non rientrane nelle specie protette né gli inglesi, né gli olandesi!)

Siamo nel 2014 e, ad oggi, è inaccettabile che si rischino delle complicanze gravi visto che spessissimo si può intervenire e salvare la situazione. D’accordissimo.

La verità sta nel mezzo, come sempre.

Il travaglio e il parto in casa sono una risorsa perché (non dovendo sottostare ai rigidi protocolli ospedalieri) i tempi di quella coppia mamma-bambino possono esprimersi in tanti modi e le ostetriche che assistono in casa lo sanno, non hanno mai visto un travaglio uguale all’altro perché ogni utero ha un ritmo e un tempo adatto al bimbo che sta ospitando.

Troppo spesso in ospedale si assiste a travagli accelerati con ossitocina sintetica perché “la dilatazione non è perfettamente come ci si aspetta” o peggio ancora “tra non molto finisco il turno, acceleriamo un po’ i tempi”… il rischio è che si interferisca con il naturale percorso di quel travaglio.

Esistono anche ospedali in cui non si è così quadrati e dove si lascia lo spazio necessario alle contrazioni e alla coppia mamma-bambino di fare un percorso armonico, in equilibrio.

Ci sono dei requisiti per poter partorire in casa?

Certo:

  • Gravidanza a termine tra le 37 settimane + 1 giorno e 41settimane + 6giorni
  • Devono esserci 2 ostetriche
  • La gravidanza deve essere a basso rischio ostetrico
  • Feto singolo in presentazione cefalica
  • Peso previsto tra 10° e 90° percentile
  • Assenza di patologie fetali e materne note
  • Placenta normo inserta
  • Insorgenza di travaglio spontaneo
  • Liquido amniotico limpido alla rottura delle membrane
  • Rottura delle membrane non superiore alle 24 ore
  • Tampone vagino-rettale negativo
  • Domicilio della donna non distante più di 20 minuti dal centro ospedaliero di riferimento

Non condanniamo chi ha scelto di partorire in casa additandola come “una pazza”, è una scelta consapevole, personale e come tale va rispettata, magari non verrà condivisa, ma merita di essere accolta.  

Ostetrica Silvia Bianchi

 

Mamma Pret a Porter non è una testata medica e le informazioni fornite hanno scopo puramente informativo e sono di natura generale, esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico o di un pediatra (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, fisioterapisti, ecc.) abilitati a norma di legge. Le nozioni sulle posologie, le procedure mediche e le descrizione dei prodotti presenti in questo sito hanno un fine illustrativo e non devono essere considerate come consiglio medico o legale.

Ti potrebbe interessare anche

Nascere ai tempi del covid, il video della SIN per i genitori
Tutto ciò che c’è da sapere sul parto cesareo
Il perfetto kit per il post-parto
La vescica dopo il parto, perché l’incontinenza non è una vergogna
Come evitare la perdita di capelli dopo il parto
Le fasi del parto naturale
Parto indotto, un incremento che fa preoccupare
La valigia dell’ospedale per il parto
Leboyer, per un parto che sia il più dolce possibile
“My body did not fail me”, un bellissimo progetto sul parto cesareo
Contrazioni preparatorie: come sono e quando recarsi in ospedale
Gravidanze vicine? Il rischio è il parto prematuro
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg