Maternità e burnout, quando lo stress è troppo?

Si parla spesso di burnout, ovvero di “surriscaldamento” e di stress estremo, accostandolo al lavoro e alla carriera. Ed è vero: nella maggior parte dei casi il burnout è causato da situazioni di eccessiva ansia professionale. Ma questo non significa che questo stress enorme e debilitante non riguardi anche altri aspetti e momenti della vita. Come la maternità. Che è di per sé stressante, e che a volte ci mette a durissima prova.

Il problema è che quando il burnout colpisce lo fa in maniera subdola, anche quando si tratta di maternità, e ci lascia spompati, depressi, senza forza e senza voglia di prendere in mano la situazione. Ma come riconoscere se siamo davvero preda del burnout o se si tratta “solo” di un periodo particolarmente stressante?

Maternità e burnout, quando lo stress è troppo: come riconoscere i segnali di burnout, perché anche le mamme ne soffrono

Innanzitutto, il burnout si differenzia dal semplice stress perché ci lascia completamente in balia degli eventi. Ovvero: quando siamo stressati sentiamo di essere stressati, e in qualche modo cerchiamo di alleviare lo stress mettendo in ordine le giornate e la vita e soprattutto cercando, appena possibile, una valvola di sfogo e un momento di relax. Quel relax, insomma, lo agogniamo, lo vogliamo.

Quando una mamma si trova in fase di burnout il problema è che non se ne rende quasi conto, lasciando che lo stress prenda il sopravvento e mettendo il pilota automatico: ci si alza, si fa il proprio dovere, si torna a dormire. Senza pensare davvero.

Ma quali sono i segni che dovrebbero farci preoccupare?

Primo: il non sentire motivazione per nulla. Tutto ci scorre accanto e addosso, e non sentiamo la spinta verso niente. Nemmeno verso la cura di noi stesse.


Secondo: sentiamo un peso sulle spalle, fortissimo ma indecifrabile, come qualcosa che ci àncora a terra e non ci fa agire.

Terzo: proviamo negatività costante, ci sentiamo frustrate, ci sentiamo deboli e incapaci di cambiare le cose.

Quarto: non sentiamo la felicità, quella vera, appagante e dolcissima che dovremmo invece provare per la nostra vita.

Perché tutto questo? Cosa causa il burnout? Non c’è una risposta univoca, ma l’importante è avere bene a mente una cosa: non è colpa di nessuno. Non è colpa di chi sta soffrendo. Perché il burnout è la conseguenza di una serie di situazioni interne ed esterne che si sovrappongono, affollando la mente e la quotidianità e facendo “surriscaldare” (da qui la parola “burnout”) la persona. In questo caso la mamma.

Spesso, in maternità, questo avviene perché la mamma inconsciamente si annulla, mettendo davanti a sé i bisogni di tutti gli altri e accantonando i suoi, collassando poi per la stanchezza. Si mettono anche davanti le aspettative della società e della famiglia, a volte, e questo è altrettanto stressante. Il tutto condito dal classico stress dell’essere genitore, che è per sua natura un ruolo estenuante.

Importante è dunque riconoscere i segnali, parlarne, dirsi che non è colpa propria. Un consiglio è sempre quello di rivolgersi ad un professionista, come uno psicoterapeuta di fiducia, che saprà indicare il percorso più adatto per tornare a stare meglio davvero, ricominciando a focalizzarsi di nuovo su se stesse (perché questo è il primo e fondamentale passo!), per stare meglio con noi stesse e con tutta la famiglia.

Ti potrebbe interessare anche

Mamme stressate, la routine mattutina può aiutarci a stare meglio
Bambini e tic, cosa fare
C’è una differenza tra maternity blues e depressione post parto
Lo stress causa i capelli bianchi, e non è solo una credenza
Quanti mesi servono per adattarsi alla maternità
Le donne in età fertile hanno meno possibilità di venire assunte
Le cose che ogni papà dovrebbe sapere prima di avere un bambino
Come prevenire ed evitare le crisi dei bambini piccoli
Essere più di una mamma
Siamo genitori, e non dormiamo da mesi!
Anche le mamme hanno bisogno del co-sleeping
Perché essere una mamma felice è più importante di essere una mamma a tempo pieno
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg