Come ridurre lo stress quando si cerca un bambino

Quando si cerca un bambino, lo stress è il nemico numero uno. Si crea infatti un circolo vizioso: stressandosi si riducono le possibilità di concepimento, e meno il bambino arriva, più lo stress si alza. È un cane che si morde la coda.

Lo stress, tuttavia, non è legato solo al pensiero dei bimbi che non arrivano. La vita odierna delle future mamme e dei futuri papà è zeppa di impegni, frenesia e ansia, e lo stress che si accumula va a sommarsi alle preoccupazioni che già frullano in testa quando si cerca un bambino.

Ecco perché dobbiamo concentrarci su abitudini importanti che permettono di rallentare, apprezzare le giornate, allontanare le preoccupazioni e creare un ambiente adatto alla ricerca di una gravidanza.

Come ridurre lo stress quando si cerca un bambino: le abitudini che aumentano le possibilità di rimanere incinte grazie all’abbassamento dell’ansia e dello stress

Parlare con il partner o la partner

Quando si è alla ricerca di un bambino sembra che tutta la responsabilità sia sulle spalle della mamma che andrà ad accogliere nel suo corpo il feto. Ma parlare e condividere i dubbi, le paure, le speranze e i sogni fa benissimo, e in questo modo ci si sentirà entrambi più coinvolti.

Prendersi cura di sé

Ormai si conosce l’importanza del self-care e sembra ridondante e inutile dirlo, ma chi davvero si prende del tempo per sé senza storie? Quasi nessuno. Soprattutto le future mamme. Che tuttavia dovrebbero, per stare bene fisicamente e mentalmente, rilassarsi e rallentare, creando una routine quotidiana (anche di soli venti minuti) solo per sé, per fare ciò che si ama. Un bagno, una routine con le creme, dello yoga, un libro…

bagno-caldo.jpg

Prendersi i propri spazi e allontanare gli invadenti

Una domanda che fa impazzire le coppie in attesa è: “Allora, quando arriva?!”. Ci sono persone che più di altre sono invadenti e quando si cerca un bambino non bisogna sentirsi in colpa nell’allontanarle per un attimo, per il proprio benessere psicologico e per non cadere nella spirale del “Non arriva più”, che potrebbe effettivamente influire negativamente sul concepimento.

Trovare chi è nella stessa situazione

Ci sono gruppi di supporto nei consultori, gruppi su facebook, gruppi di amiche… Non importa dove e come, ma basta trovarli. Perché a volte tenere tutto dentro ingigantisce i problemi e li rende insopportabili, mentre parlarne aiuta a superarli e a renderli meno spaventosi. Se però non vogliamo parlarne con amici o parenti, possiamo trovare, appunto, un gruppo di persone che sono nella nostra stessa situazione, facendo cadere i nostri muri e ascoltando e facendoci ascoltare da chi sta perfettamente capendo cosa stiamo passando.

computer-letto.jpg

Ti potrebbe interessare anche

Gravidanza stressata? Il pericolo sono parti prematuri e invecchiamento precoce
Stress nei bambini, come riconoscerlo
Maternità e burnout, quando lo stress è troppo?
Mamme stressate, la routine mattutina può aiutarci a stare meglio
Bambini e tic, cosa fare
Lo stress causa i capelli bianchi, e non è solo una credenza
Cerchi un bambino? Comincia ad amare il tuo corpo
Come prevenire ed evitare le crisi dei bambini piccoli
La mente di una mamma? Non si ferma mai
Consigli per rendere il Natale più piacevole e di qualità
Curando le amicizie curiamo noi stessi
Prendersi cura di sé fa bene anche alla genitorialità
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg