Cos’è il Pokè hawaiano e come prepararlo

Quando una moda culinaria è sana, allora noi non ci vergogniamo a buttarci a capofitto. Soprattutto quando si tratta di piatti che coniugano benessere, sapore e apertura al mondo, proprio come l’ultima tendenza che sta spopolando: il pokè, che arriva dalle Hawaii e che potremmo già eleggere a “nuovo sushi”.


Già, perché anche il pokè hawaiano prevede il pesce crudo come ingrediente principale, coniugandolo con sapori e consistenze diverse per creare un piatto povero ma delizioso.

Cos’è il Pokè hawaiano e come prepararlo: il poker hawaiano è la nuova tendenza culinaria che arriva dal Pacifico

Pokè (che si legge “Poh-kay”) significa letteralmente “a tocchetti”, e in effetti questa parola racchiude la caratteristica principale del piatto, e cioè il pesce crudo tagliato a tocchetti. Come dicevamo, nasce alle Hawaii come piatto dei pescatori, e quindi “povero”, dal momento che proprio loro lo inventarono, tagliando a pezzetti il pesce crudo appena pescato accompagnandolo con gli ingredienti che passava il convento.

Oggi il Pokè, dopo essere salpato dalle Hawaii e arrivato sulla West Coast statunitense diventando una star, è qualcosa di più sofisticato ma che in ogni caso mantiene questa filosofia di base: pesce crudo come ingrediente principale (rigorosamente a tocchetti, a differenza delle strisce del sushi o del ceviche, il “sushi peruviano” condito con limone, peperoncino e cipolla) e vari ingredienti a condirlo e a renderlo più saporito.

Tra questi ingredienti di contorno troviamo soprattutto quelli di influenza asiatica, come la salsa di soia, l’olio di sesamo e le alghe, che arricchiscono il piatto insieme al peperoncino, alle verdure di stagione, alle spezie (soprattutto quelle del Pacifico), alle cipolle, ai pomodori, ai peperoni, all’avocado e via dicendo.

Caloricamente? Beh, il pokè è un alleato della dieta, poiché le calorie sono molto poche. Ma, soprattutto, è molto equilibrato a livello di nutrienti, poiché contiene proteine, carboidrati e grassi buoni.

Il pokè è molto bello da vedere: è servito in ciotole, e in effetti può chiamarsi anche “poke bowl”, e possiamo definirlo un’insalata con cubetti di pesce crudo e verdure miste, condita con olio di sesamo e salsa di soia. Ma come prepararlo a casa?

Le regole da seguire sono molto semplici, ed è anche per questo che ci piace: perché prepararlo con le nostre mani è davvero veloce.

Per prima cosa scegliamo una bella ciotola che possa contenere una porzione di Pokè (anche l’occhio vuole la sua parte!). Scegliamo quindi la base, ovvero un cereale o un’insalata, come il riso per sushi (e in questo caso, poi, il nostro pokè ricorderà una sorta di chirashi), un mix di riso integrale, farro e orzo oppure dell’insalata misticanza.

Il secondo passaggio è la scelta delle proteine, ovvero del pesce crudo (o del tofu, nel caso siamo vegetariani) da tagliare a cubetti. Solitamente troviamo il tonno, il salmone o i gamberi.

Accanto alle proteine scegliamo quindi il contorno: edamame, avocado, frutta secca, frutta (l’ananas ci sta benissimo!), carote tagliate fini, ravanelli, cipolle rosse, cavolo viola, erba cipollina… Non c’è una regola, ma a noi piace - naturalmente - seguire la stagionalità degli ingredienti, il più possibile vegetariani.

È ora, quindi, di condire con la marinatura che preferiamo. La base originale sono salsa di soia e olio di sesamo, a cui possiamo aggiungere latte di cocco, yogurt, olio di oliva, semi…

Ti potrebbe interessare anche

Il sushi ai bambini, meglio più avanti
Topinambur al prezzemolo
Pollo alla zucca
Le tipologie di olio d'oliva e come degustarli
Dove mangiare il Pokè a Milano
10 vellutate d’autunno
5 additivi alimentari da evitare
I benefici dell’uovo
Perché smettere di bere bibite gassate
15 modi per utilizzare le foglie di menta
#myhealthychallenge, ossia da dove comincio per mangiare sano?
La crema Budwig, colazione benefica perfetta

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter