Essere vegetariani è più conveniente: gli onnivori spendono di più

Fino a qualche anno fa, essere vegetariani non era semplice. Era una scelta di nicchia, e trovare prodotti o menu alternativi era difficile. E soprattutto costoso. Pensiamo al tofu, al seitan, ai menu vegani o vegetariani dei ristoranti, agli hamburger di soia... Tutto costava molto di più, rispetto ai prodotti considerati "normali". Oggi non è più così ed essere vegetariani scegliendo un'alimentazione naturale è addirittura più conveniente rispetto all'essere onnivori! In questo articolo vi spieghiamo in dettaglio perché è più conveniente economicamente essere vegetariani (o vegani), quante sono le persone che hanno scelto questa alimentazione e i benefici di questa scelta sul pianeta.

I vegetariani in Italia

Se i costi della dieta veg si sono abbassati, è anche grazie al numero sempre maggiore di persone che scelgono una dieta vegetariana (senza carne e pesce) o vegana (senza i derivati animali, e quindi anche uova, latticini o miele, ad esempio). In Italia le persone vegetariane sono sempre in aumento. Secondo il Rapporto Italia 2021 di Eurispes a non mangiare carne è l'8,2% degli italiani (tra vegetariani e vegani), e i numeri sono in costante crescita (nel 2019 erano il 7,3% della popolazione). Per il 23,1% di loro, la scelta si inserisce in una filosofia di vita più ampia, che può essere salutista o rispettosa.

Essere vegetariani salverà il mondo?

La risposta è , anche se non è così semplice come sembra. In altre parole: diventare vegani o vegetariani in massa è una delle soluzioni per salvare la Terra dalla distruzione (dal momento che si eliminerebbero gli allevamenti intensivi, estremamente inquinanti), ma se lo facessimo tutti insieme diventerebbe un problema. Per capire i risvolti, vi consiglio la puntata Essere vegani salverà il mondo? del podcast Cose molto umane prodotto da Gianpiero Kesten, in cui parla dei dati e delle soluzioni, dimostrando (da onnivoro!) perché effettivamente la dieta vegetariana sia la scelta ideale in termini di salute e benessere del pianeta.

pexels-photo-3629537.jpeg

Quanto costa essere vegetariani?

Ma torniamo all'argomento dell'articolo: oltre ad essere benefico per la persona e per il pianeta, essere vegetariani è addirittura più economico? Sì, e a dimostrarlo è una recente ricerca condotta dalla Oxford University. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista The Lancet, e li trovate qui riassunti.

Il presupposto da cui i ricercatori e ricercatrici sono partiti è la convinzione che, pur essendo la dieta vegetariana ideale per salvaguardare la salute e la Terra (oltre al benessere degli animali), essa sia considerata più costosa. Una convinzione pericolosa che frenerebbe molte persone dall'adottare questo tipo di alimentazione. Ma è davvero così, quindi?

Ciò che è emerso è che in realtà essere vegetariani oggigiorno conviene anche alle tasche. Analizzando 460 prodotti provenienti da 150 paesi nel mondo e comparandoli, stimando così il costo delle diete "tradizionali" e di quelle più salutari (e quindi anche flexitariane, pescatariane e vegane, oltre a quelle vegetariane), gli studiosi sono arrivati alla conclusione che una dieta vegana o vegetariana costa circa un terzo in meno rispetto ad una dieta che comprenda latticini e carne. I flexatariani (coloro che mangiano prevalentemente alimenti vegetali inserendo sporadicamente della carne) risparmiano il 14%.

pexels-photo-4117587.jpeg

Essere pescatariani (ovvero eliminare la carne ma non il pesce) costa invece un attimo di più rispetto alla dieta onnivora (in quanto il pesce ha un costo generamente più elevato).

In altre parole: se una persona onnivora in Italia spende circa 45 euro a settimana, i vegetariani e le vegetariane ne spendono 30 (così come le persone vegane). In un anno? Si possono risparmiare fino a 800 euro. OTTOCENTO!

E anche se la ricerca ha preso in considerazione gli alimenti base (frutta, verdura, latticini) e non quelli lavorati (come i pasti pronti), la differenza rispetto a qualche anno fa la si vede anche semplicemente al supermercato. Se prima un hamburger di soia costava molto più rispetto a quelli di carne, ora il prezzo nella maggior parte dei casi è esattamente identico.

Ti potrebbe interessare anche

Cotoletta vegetariana, preparala con i fagioli
Come far sì che i bambini costruiscano un rapporto positivo con il cibo
Come i social media influenzano la nostra dieta
5 idee di insalata di pesce azzurro
7 ricette di tofu in inverno
Idee di condimenti per la pasta con le verdure
Cos’è il seitan e con quale frequenza utilizzarlo
Nu3, lo shop online per chi ama il naturale
8 ricette di seitan invernali
I cibi che aumentano il senso di fame
Educare i bambini all’alimentazione naturale si può
Gli alimenti che fanno bene ai capelli e alla cute
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg