Quali pannolini scegliere contro la dermatite da pannolino

La dermatite da pannolino è un’infiammazione della pelle molto comune nei bambini piccoli, dai primi mesi fino al momento dello spannolinamento. Si manifesta con zone arrossate da eritemi, localizzate proprio nella zona del pannolino, sull’inguine e sul sederino, con conseguente golfiore della cute.

È una forma di dermatite transitoria, che non ha nulla a che fare con la dermatite atopica, ed è dovuta proprio al contatto con il pannolino e allo sfregamento.

Ecco perché è semplice da trattare e da contrastare: basta scegliere pannolini che non causino questa dermatite, che siano delicati, traspiranti e sicuri. Ma quali?

Quali pannolini scegliere contro la dermatite da pannolino: la dermatite da pannolino può essere contrastata scegliendo pannolini sicuri

Per pannolino sicuro si intende solo una cosa: un pannolino che sia traspirante, delicato e che non abbia al suo interno profumi e lozioni. Già, perché spesso sono proprio i profumi e le lozioni a causare la dermatite da pannolino, oltre al contatto con le feci e con le urine (e per questo è sempre consigliato cambiare spesso il pannolino).

La causa più frequente della dermatite da pannolino è infatti l’infezione da candida, un fungo che prolifica moltissimo negli ambienti caldi e umidi. Il pannolino diviene ambiente di questo tipo proprio nel momento in cui non lo si cambia abbastanza spesso e nel momento in cui è troppo poco traspirante, anche a causa delle lozioni che lo compongono. Alcuni bambini, poi, non tollerano i pannolini di stoffa lavabili, oppure quelli di determinate marche (anche le più famose), che contenendo profumi (sintetici o naturali) intaccano la pelle dei bambini, molto più sensibile della nostra.

Pannolini senza lozioni e senza profumazioni sono dunque la scelta migliore. A volte si faticano a trovare. Tuttavia ne esistono di bellissimi e sicuri, come i pannolini Lillydoo. L’azienda tedesca Lillydoo produce infatti pannolini e prodotti per il cambio di altissima qualità. I pannolini, in particolare, sono privi di profumi e lozioni irritanti, non contengono parabeni ed emulsionanti PEG e sono certificati OEKO-TEX®, STANDARD 100 e “vegan e cruelty free”da PETA.

Sceglierli significa quindi dare ai bambini un prodotto sicuro e naturale, adatto alla loro pelle sensibile e delicatissima, evitando così una causa di dermatite da pannolino.

Altre buone regole per curare ed evitare la dermatite da pannolino sono poi le seguenti: basta detergere le zone infiammate con acqua tiepida e asciugarle molto bene con salviette in cotone non ruvide, per evitare taglietti. Asciugare le zone intime all’aria è altrettanto consigliato. In secondo luogo, è bene evitare di stringere i pannolini con troppa forza, per far sì che la traspirazione non sia ostacolata.

Per evitare la dermatite da pannolino, dicevamo, è bene tuttavia anche cambiare spesso il pannolino. Una scocciatura, per molti genitori, che si ritrovano spesso senza scorte a dover uscire all’ultimo minuto con i bimbi infilati nei loro pannolini sporchi. Con Lillydoo, tuttavia, anche questo fastidio si annulla, perché grazie all’abbonamento senza vincoli (che è possibile provare con il pacchetto prova) è possibile ricevere a casa le scorte con cadenza mensile, a seconda della taglia e dell’età del piccolo. Una comodità che diviene anche sicurezza contro la dermatite!

Ti potrebbe interessare anche

Lillydoo, quando un abbonamento ti facilita la vita
Le più belle torte di pannolini
Perché scegliere pannolini senza profumazione e senza lozioni
I trucchi per affrontare l’emergenza del cambio pannolino fuori casa
Igiene intima del bebè, 5 cose da non fare
La changing station, lo spazio per il cambio bebè
Pannolini e comodità, un connubio possibile grazie a Lillydoo!
La borsa del cambio per il passeggino
Il cambio pannolino in piedi secondo Maria Montessori
I pannolini Lillydoo, belli, comodi e delicati
Arrossamento all’inguine nei bambini, perché e come fare
I pannolini ecologici, cosa sono e dove comprarli
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg