Passeggini per bambini: guida all'acquisto

Nei primi mesi di gravidanza, tra i tanti acquisti da programmare per i futuri genitori, il passeggino è sicuramente quello più importante. Una spesa non da poco che richiede, quindi, una attenta valutazione. Sul mercato esistono tantissime tipologie di passeggini e non è semplice fare la scelta giusta. Tanti sono i fattori da tenere in considerazione: budget a disposizione, qualità, tipologia di utilizzo prevista, spostamenti in auto più o meno frequenti, luogo in cui si vive e stile di vita. In generale, il nostro consiglio è di comprare un passeggino leggero per non rendere troppo complicati gli spostamenti di ogni giorno e i viaggi in auto. In questa breve guida, vi presenteremo le principali tipologie di passeggini per bambini presenti sul mercato e le diverse caratteristiche.

Tipologie di passeggini

Come abbiamo precedentemente accennato, prima di scegliere il passeggino ideale per le proprie esigenze e modalità d'uso, è importante conoscere cosa offre il mercato. Possiamo individuare queste principali tipologie di passeggini:

  • passeggino standard: si riferisce ai modelli più leggeri, pratici e maneggevoli.
  • passeggino tre ruote: questa tipologia di passeggino sportivo è l'ideale per chi prevede di portare in giro il proprio piccolo su terreni più difficili come quelli di campagna o nei parchi urbani.
  • passeggini quattro ruote: il quattro ruote è il classico passeggino citycar, presente in tantissimi modelli anche modulari a seconda delle diverse necessità.
  • passeggino duo: un sistema combinato composto da un telaio su cui si montano la navicella e l’ovetto (seggiolino auto) o in alternativa l’ovetto e il passeggino.
  • passeggino trio: funzionale e pronto a ogni situazione, il trio è un sistema modulare composto da un telaio sul quale si possono montare la navicella, il passeggino e l’ovetto.
  • passeggino gemellare: questo passeggino è studiato per quelle coppie che hanno la fortuna di vivere la meravigliosa avventura della nascita di due gemelli, o che hanno avuto due figli nel giro di un breve periodo. Questo passeggino presenta due sedute, affiancate o affacciate ed è disponibile anche nelle versioni modulabili duo e trio.

Come scegliere i passeggini per bambini

Un passeggino di qualità accompagnerà il vostro bambino per almeno tre anni. Ecco perché è fondamentale scegliere un passeggino di marca e valutare tutte le caratteristiche imprescindibili che deve avere il modello che andrete ad acquistare.

Partiamo dall'angolo massimo reclinabile. Se si decide di utilizzare il passeggino fin dai primissimi giorni di vita, quando è ancora troppo presto per acquistare un trio, è fondamentale optare per un modello di passeggino con lo schienale rigido completamente reclinabile. Il poggiapiedi che andrà a posizionarsi sotto le ginocchia del bimbo quando sarà cresciuto, deve avere la possibilità di essere rialzato nella parte terminale della seduta. Questo è un aspetto molto importante per il riposo del bambino; infatti, un un poggiapiedi rialzabile fornirà al piccolo uno spazio adeguato e confortevole per la nanna. Passati i primi sei mesi di vita del bambino, si può optare anche per passeggini con schienali reclinabili in diverse posizioni, che non necessariamente devono appiattirsi totalmente. Un sedile rialzabile fino a 90 gradi in posizione verticale, è l'ideale per i bimbi più grandi che solitamente tendono a non appoggiarsi allo schienale.

Due fattori molto importanti da tenere in considerazione quando si deve acquistare il passeggino sono la tipologia di utilizzo che si farà e il luogo in cui si vive. In città, dove è frequente trovarsi di fronte a passaggi obbligatori su stretti marciapiedi, salire sui mezzi pubblici o caricare il passeggino in auto o in ascensore, il peso e le dimensioni sono fondamentali. Ideale è scegliere, quindi, un passeggino leggero e maneggevole che possa essere chiuso con una sola mano e che resti in piedi da solo una volta chiuso. A tal riguardo, esistono due sistemi di chiusura:

  • a libro: il passeggino si chiude con una sola mano, resta in equilibrio ma ha un peso complessivo maggiore.
  • a ombrello: il passeggino è più leggero ma il genitore dovrà tenerlo in una mano per far sì che non si perda l'equilibrio.

Esistono passeggini più grandi di quelli tradizionali, che prevedono tre o quattro ruote. Sono passeggini molto comodi per il bambino, con una seduta molto ampia e hanno ruote grandi e ammortizzate. Solitamente, c'è la possibilità di regolare e orientare la seduta in due modi: nel senso di marcia o contro. Sistema di blocco anteriore della ruota e freno al manubrio fanno sì che questi passeggini siano maneggevoli e pratici da trasportare nonostante le dimensioni e il peso maggiore. L'ingombro è, però, un fattore che potrebbe creare problemi. Infatti, anche smontati questi passeggini sono piuttosto ingombranti. Sono sconsigliati, quindi, per chi non ha un auto con bagagliaio molto grande o deve far entrare il passeggino in ascensore o addirittura per le scale.

Esistono, quindi, pro e contro per ogni tipologia di passeggino. In sintesi, ricapitoliamo quali sono, per capire qual è il passeggino perfetto per voi!

Passeggino leggero

pro:

  • ideale per brevi spostamenti in città,
  • non avrete problemi a passare sui marciapiedi o salire sui mezzi pubblici
  • si adagia facilmente nel bagagliaio di qualunque auto

contro:

  -  scomodo per passeggiate lunghe su terreni sconnessi

  -  poco adatto a nanne molto lunghe perché lo schienale non è reclinabile al 100%

Passeggino a tre ruote

pro:

  • perfetto su qualunque terreno
  • ideale per i genitori che amano lo sport e la vita all'aria aperta
  • adatto alle lunghe nanne grazie alla seduta spaziosa

contro:

  • non adatto ai mezzi pubblici, all'ascensore e alle scale a causa delle dimensioni ingombranti
  • non adatto ad auto con bagagliaio poco capiente
  • pesante e caldo nel periodo estivo

Passeggino a quattro ruote

pro:

  • pratico anche nei contesti urbani
  • più semplice nella fase d'apertura e chiusura se paragonato al tre ruote
  • molto spazioso e comodo per le nanne di lunga durata

contro:

  • non è facile da manovrare sui terreni sconnessi
  • richiedei bagagliai molto ampi
  • non è adatto per chi deve salire le scale

Passeggino trio

pro:

  • una volta acquistato dura per anni
  • è disponibile sia a tre che a quattro ruote
  • le marche più importanti offrono numerosi accessori compresi o da acquistare a parte

contro:

  • la carrozzina viene sfruttata per un tempo molto limitato
  • i costi sono elevati
  • il peso

Trio: cos'è, come è composto e quale scegliere

Nonostante l'ingombro e il peso, molte mamme hanno scelto il trio in questi anni per i numerosi accessori, per la durata nel  tempo e per il suo stile fashion e le tante opzioni di design offerte dal mercato.

Il trio è un sistema componibile compost da 3 strumenti differenti da accoppiare ad un unico telaio.

Da cosa è composto un trio?

  • Telaio
  • Carrozzina neonato o navicella
  • Ovetto per l'auto
  • Passeggino

Come dicevano, uno dei plus del trio è dato dai numerosi accessori (non sempre inclusi) come ad esempio telo pioggia e borsa passeggino.

Il cuore del passeggino trio è il telaio. Questa componente sorregge i vari accessori e le ruote.

Quindi, è al telaio che si agganciano tutte le diverse componenti del trio e gli accessori come la borsa passeggino o lo scomparto portaoggetti.

La navicella, che viene anche chiamata carrozzina è il primo strumento che viene utilizzato sul trio quando il bambino è nei primi mesi di vita.

Un'ottima scelta è quella di acquistare dei trio con navicella già predisposta al trasporto in auto. La navicella è una culletta da passeggio che garantisce il massimo confort durante la nanna ed è in grado di garantire protezione dall'aria e dal freddo quando si è in giro a passeggiare.

La navicella che fa parte dei trio prevede un utilizzo nel periodo che va da 0 a 5 mesi. Questo dipende dal modello di trio e dalla rapidità crescita del bebè.

L'ovetto per auto viene utilizzato per gli spostamenti e può essere estratto comodamente dall'auto senza dover disturbare inutilmente il bambino. Adatto solo per i bambini che hanno un peso compreso tra 0 e 13 Kg.

Quando il bambino inizia a crescere, si utilizza il passeggino del trio. La seduta e la conformazione del passeggino trio sono studiate per permettere al bambino di scoprire e osservare il mondo circostante. I passeggini trio si differenziano, tra le altre cose, per la posizione fissa (fronte mamma o fronte strada) o per la posizione variabile. Il vantaggio della maggior parte dei trio presenti sul mercato è che il genitore può scegliere come orientarlo.

Dopo aver letto la nostra guida, avrete sicuramente le idee più chiare sull'acquisto più importante da fare in vista dell'arrivo di un bebè nella vostra vita!

Ti potrebbe interessare anche

Cosa portare in vacanza con i bambini
La dispensa del bambino, cosa accumulare e cosa no
Dimmi dove ti stendi e ti dirò chi sei
Come creare il corredino del bambino
Thule, per non rinunciare alle passioni outdoor
I migliori passeggini gemellari
Genitori in azione, un evento imperdibile per i genitori
Il mercatino solidale di La Soffitta di Gi e OBM Onlus Buzzi
Quando raccogliere soldi diventa un gioco da mamme
Il topponcino Montessori
eMyBaby, l’applicazione perfetta per monitorare il tuo bambino
Come rendere il momento del bagnetto divertente con 10 giochi

Sara

sara.png

Cecilia

Untitled_design-3.jpg