Mascherine antivirus riutilizzabili e mascherine chirurgiche: chi dovrebbe usarla, come usarla e come sterilizzarla?

Le mascherine antivirus riutilizzabili sono una delle migliori soluzioni in un periodo in cui il Coronavirus è diffuso in tutto il mondo. Scegliere di acquistare una mascherina antivirus non è semplice.
 
In commercio ci sono tante alternative diverse e non tutte sono utili al nostro scopo. Ad esempio, ci sono le mascherine chirurgiche che non garantiscono una protezione ottimale. Pertanto, è preferibile affidarsi ad altre opzioni sicuramente più appropriate.
 
All’interno di questa guida scoprirai tutte le informazioni adeguate ad effettuare la scelta corretta della mascherina antivirus, in quali circostanza dovrebbero essere usate e come prendersene cura in maniera corretta per evitare il suo futuro inutilizzo.

Mascherine antivirus riutilizzabili e mascherine chirurgiche

Delle molte misure preventive che puoi prendere per proteggerti dal nuovo coronavirus, indossare una maschera è una delle più diffuse. Le migliori precauzioni per il pubblico sono i metodi standard e quotidiani per evitare tutti i germi: lavarsi frequentemente le mani, cercare di non toccarsi il viso ed evitare il contatto ravvicinato con i malati.
 
Gli esperti ritengono che un animale infetto possa aver prima trasmesso il virus all'uomo in un mercato che vendeva pesci vivi, animali e uccelli a Wuhan. Il mercato è stato successivamente chiuso e disinfettato, rendendo quasi impossibile indagare quale animale potrebbe essere stata l'origine esatta del contagio.
 
Come si diffonde il virus? Le persone infette dal Covid-19 producono minuscole goccioline respiratorie quando respirano, parlano, tossiscono o starnutiscono, permettendo al virus di viaggiare nell'aria.
 
La maggior parte delle goccioline respiratorie cadono a terra in pochi metri. Le persone che sono in stretto contatto con le persone infette, in particolare i familiari e gli operatori sanitari, possono essere contagiate dal virus in questo modo.
 
Gli scienziati non sanno per quanto tempo il nuovo coronavirus può vivere sulle superfici e le ricerche preliminari suggeriscono che gli ambienti caldi e umidi potrebbero non rallentare la diffusione del patogeno. Tuttavia, sembrerebbe clima caldo tende a inibire l'influenza e ad avere coronavirus più lievi.

Mascherine chirurgiche

Le maschere chirurgiche, nel frattempo, sono progettate per impedire alle goccioline di passare dalla bocca di una persona a superfici o persone vicine. Quindi sono principalmente intesi come una barriera fisica per impedire agli operatori sanitari o ai malati di diffondere i propri germi e trasmetterli per via orale ai pazienti.
 
Le mascherine chirurgiche vengono utilizzate principalmente dai medici con l’obiettivo di filtrare l’aria che si espira. In sostanza, si evita che le particelle e i batteri si diffondano intorno a noi.
 
Una maschera chirurgica è un dispositivo monouso che crea una barriera fisica tra la bocca e il naso di chi lo indossa e potenziali contaminanti nell'ambiente immediato.
 
Se indossata correttamente, una maschera chirurgica serve a bloccare goccioline o schizzi di particelle di grandi dimensioni che possono contenere germi (virus e batteri), impedendogli di raggiungere la bocca e il naso. Le maschere chirurgiche possono anche aiutare a ridurre l'esposizione della saliva e delle secrezioni respiratorie ad altri.
 
Le maschere chirurgiche non devono essere utilizzate più di una volta. Se la maschera è danneggiata o sporca o se respirare attraverso diventa difficile, è necessario rimuovere la maschera, scartarla in modo sicuro e sostituirla con una nuova. Per scartare in modo sicuro la tua maschera, mettila in un sacchetto di plastica e gettala nella spazzatura.

Mascherine riutilizzabili – N95

Un respiratore N95 è un dispositivo di protezione delle vie respiratorie progettato per ottenere una perfetta aderenza del viso e una filtrazione molto efficiente delle particelle sospese nell'aria. Si noti che i bordi del respiratore sono progettati per formare un sigillo attorno al naso e alla bocca.
 
I respiratori N95 filtrano la maggior parte delle particelle sospese nell'aria circostante, impedendo a chi lo indossa di respirare particelle fino a 0,3 micron di diametro. Questi tipi di maschere vengono spesso utilizzati quando la qualità dell'aria è scarsa a causa del fumo o dell'inquinamento e sono progettati per adattarsi perfettamente al viso.
 
Se indossati correttamente, i respiratori N95 bloccano almeno il 95% delle piccole particelle sospese nell'aria. Quindi i respiratori possono filtrare alcune goccioline che trasportano il coronavirus. Il coronavirus stesso misura tra 0,05 e 0,2 micron di diametro.
 
Le persone con patologie croniche respiratorie, cardiache o di altro tipo che rendono difficile la respirazione devono consultare il proprio medico prima di utilizzare un respiratore N95 perché il respiratore N95 può rendere più difficile la respirazione di chi lo indossa. Alcuni modelli dispongono di valvole che possono facilitare l'espirazione e ridurre l'accumulo di calore.

Quando utilizzare mascherine antivirus?

È lo stesso Stato in sintonia con il Ministero della Salute e l’Istituto Superiore della Sanità a indicare quali sono le occasioni in cui la mascherina dovrebbe essere adoperata. Le mascherine sono utili se si ha già un’infezione respiratoria e si vuole ridurre al minimo il rischio di diffusione nei confronti degli altri. Quindi, l’utilizzo delle mascherine è consigliato per chi sospetta di avere il Coronavirus e per chi sta curando una persona potenzialmente infetta.
 
Se non sono presenti queste due condizioni, l’utilizzo di una mascherina antivirus a scopo preventivo è sconsigliato. Infatti, le mascherine potrebbero non essere indicate per le persone con patologie respiratorie oppure possono essere uno dei veicoli migliori per la diffusione del virus.
 
La cosa migliore che puoi fare per evitare di essere infettato è seguire le stesse linee guida generali che gli esperti raccomandano durante la stagione influenzale, perché il coronavirus si diffonde più o meno allo stesso modo. Lavati spesso le mani durante il giorno. Evita di toccarti il viso e mantieni una distanza di almeno un metro da chiunque tossica o starnutisca.

enbio1.jpg

Mancanza di mascherine per il Coronavirus

Con l'ascesa e la diffusione della nuova situazione epidemica di coronavirus (COVID-19), tutte le maschere sono esaurite o sono davvero difficili da trovare. Potresti chiederti se puoi disinfettare e riutilizzare le maschere monouso. Come disinfettare la maschera senza distruggere la sua funzione protettiva?

Allo stato attuale, si ritiene che sia la maschera N95 sia la maschera chirurgica medica possano proteggere efficacemente l'utente dal nuovo coronavirus se utilizzate correttamente. Strutturalmente, lo strato filtrante di queste maschere (N95 e maschera chirurgica medica) è realizzato in materiale di fibra non tessuta.
 
La premessa di utilizzare nuovamente la maschera dopo la disinfezione è che la maschera sterilizzata non possa influenzare la libera circolazione dell'aria né distruggere il meccanismo di filtraggio della maschera. Quindi, che tipo di disinfezione può soddisfare questi due punti?


Sono stati confrontati cinque metodi di disinfezione: 1) disinfezione a calore secco del forno, 2) disinfezione con alcol, 3) disinfezione a vapore umido a vapore, 4) temperatura e disinfezione ad alta pressione e 5) disinfezione a ultravioletti.
 
1. È stato riscontrato che la disinfezione a calore secco (riscaldamento a 70 ° C per 30 minuti) ha avuto il minimo effetto sul danneggiamento del meccanismo di filtraggio e l'effetto di filtraggio poteva essere mantenuto al di sopra del 95%.
2. Il metodo di disinfezione che interessa l’utilizzo dell’alcol sulla maschera distruggerà l'assorbimento elettrostatico della maschera, causando un'efficienza di filtraggio della maschera inferiore al 95%.
3. Altri metodi come il metodo del calore umido a vapore e i metodi di sterilizzazione ad alta temperatura ad alta pressione hanno reso l'efficienza di filtraggio della maschera inferiore al 95%. Inoltre, il metodo ad alta temperatura e alta pressione rende la maschera gravemente deformata.
4. Il nuovo coronavirus è sensibile ai raggi ultravioletti e la disinfezione a raggi ultravioletti non influisce sull'efficienza di filtrazione dei respiratori. Tuttavia, l'effetto di inattivazione dei virus nelle fibre della maschera, che non può essere osservato direttamente, non è noto. Pertanto, non è raccomandato.

enbio2.jpg

Il nuovo coronavirus è sensibile al calore. È possibile eliminare efficacemente il nuovo coronavirus dalle superfici con temperatura a 56 gradi Celsius. Pertanto, la singola sterilizzazione a calore secco (riscaldamento a 70 gradi Celsius per 30 minuti) può inattivare efficacemente il virus senza influire sulla funzione protettiva della maschera.

Conclusioni

Tutto ciò che hai appena letto dovrebbe essere recepito dalla popolazione, in quanto rappresentanti di una società che sta combattendo contro il Coronavirus.
 
Pertanto, dovremmo trattare le maschere in modo corretto per non causare più problemi che altro. Le mascherine, infatti, dovrebbero essere sterilizzate al meglio perché potrebbero rivelarsi una “bomba batteriologica” in quanto uno dei maggiori strumenti di veicolazione di batteri.  

Ti potrebbe interessare anche

3 modi per tranquillizzare i bambini preoccupati per il Coronavirus
Come evitare di appannare gli occhiali con la mascherina
La festa della mamma durante il Covid
Nascere ai tempi del covid, il video della SIN per i genitori
Mascherina fai da te, con ciò che hai in casa e senza cuciture
Il corso preparto online della Clinica Mangiagalli
Isolamento, perché non si parla degli effetti sui bambini?
Come lavorare con i bambini a casa
Libri da leggere durante l’isolamento da coronavirus
Coronavirus, su Castoro TV altri programmi educativi per combattere la noia!
Coronavirus, gravidanza e bambini, il Policlinico di Milano ci aiuta a fare chiarezza
Colorare Milano per combattere noia e coronavirus!
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg