La valigia dell'ospedale della mamma naturale

A partire dalla trentesima settimana è consigliabile tenersi pronte per il grande evento della nascita preparando una valigia con tutto l'occorrente per la neomamma e il piccolo. Ogni ospedale fornirà una lista con l'occorrente che potete integrare con le indicazioni che vi indichiamo in questo articolo.

Ecco come preparare la valigia dell'ospedale della mamma naturale: i rimedi naturali e tutto l'occorrente per portarsi una borsa completa, naturale e organizzata in ospedale

 

Per la mamma:

 ciabatte

 2 camicie da notte che si possano facilmente aprire davanti con i bottoncini

 vestaglia

 2 reggiseni per l’allattamento (senza ferretto)

 qualche coppetta assorbilatte (si trovano nelle farmacie, nei negozi di puericoltura, ci sono anche ecologiche!)

 beauty con spazzolino, dentifricio, crema viso, crema/olio corpo (da mettere bene sulla pancia) e burro di cacao, perché spesso il caldo secco dell’ospedale screpola le labbra

 assorbenti igienici del post-parto 100% cotone (farmacie e negozi di puericoltura)

 slip intimi che potrete utilizzare nel caso non tolleraste quelli usa e getta (considerate che si macchieranno e molto probabilmente dovrete buttarli)

Rescue Remedy in spray per il travaglio (Fiori di Bach)

 Arnica xmk per il travaglio

il kit di aromaterapia per il travaglio (oli essenziali)

 cartellina con gli esami eseguiti durante la gravidanza, tessera sanitaria e carta d’identità

 caramelline e qualcosa da mangiare e da bere (ottima la frutta secca e disidratata e le bacche di goji)

 telefono cellulare... e caricabatteria!


Per il bimbo:

 fasciatoio portatile o traversine per cambiarlo sul letto

 salviette bio per i primi cambi di meconio se non potete recarvi in bagno a lavarlo

 tutine per il rientro a casa o se richieste per l’ospedale (prendetele della taglia un mese; se fossero grandi, le utilizzerete in seguito, ma almeno non rischiate di trovarvi un bambino di 4 kg che dentro una zero mesi non ci sta proprio!)

 pannolini, se non ve li fornisce l’ospedale o se li volete biodegradabili

 fascia lunga per iniziare da subito la marsupioterapia e poter dormire tranquille con lui addosso (alcune ostetriche consigliano di non utilizzare la fascia nei primi 10 giorni di vita per far si che il bimbo non dorma troppo e si attacchi bene al seno; seguite sempre i consigli della vostra ostetrica ovviamente)

 olio di mandorle dolci bio, oppure olio di cocco oppure burro di karitè puro al 100%, ovviamente senza profumo. Sono i tre prodotti ideali per idratare la sua pelle.

 

Tratto dal libro di Giulia Mandrino e Monica Contiero, Mamme pret a porter, Gravidanza, edito da Mental Fitness Publishing

Ti potrebbe interessare anche

Leboyer, per un parto che sia il più dolce possibile
“My body did not fail me”, un bellissimo progetto sul parto cesareo
Contrazioni preparatorie: come sono e quando recarsi in ospedale
Gravidanze vicine? Il rischio è il parto prematuro
La gravidanza e la nascita nelle tradizioni nel mondo
Parto in arrivo, appunti di viaggio per donne in camicia da notte anche di giorno
Nascita, le tradizioni intorno al mondo
Agopuntura per i prodromi e il travaglio
Reparti maternità: quando il parto vaginale viene spacciato per parto naturale
Qual è il momento giusto per andare in ospedale
Cosa sono il secondamento e la placenta
Cosa significa partorire in casa maternità

Schermata 2018 06 26 alle 18.36.25

 

 

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter