Cosa significa partorire in casa maternità

Durante la gravidanza uno dei pensieri più importanti e costanti riguarda la scelta della struttura nella quale partorire. Affrontare il parto deve essere quanto di più naturale e confortevole possibile, quindi ogni donna deve avere il diritto di scegliere la modalità che sente più adatta a lei. Ospedali, cliniche private, in casa (a domicilio, quindi). Ma c'è un'altra opzione, forse meno conosciuta: la casa maternità. Di cosa si tratta? Ve lo spieghiamo subito.

Cosa significa partorire in casa maternità: la via di mezzo ideale tra l'ospedale e il parto domestico, per un parto naturale e confortevole

La premessa sempre necessaria quando si parla di scelta del luogo del parto è una: che ci siano le condizioni affinché la mamma possa scegliere senza per questo mettere in pericolo se stessa o il suo bambino. Di conseguenza significa che la gravidanza deve essere il più possibile fisiologica e che il momento del parto sia precedentemente ritenuto sicuro.

Detto questo, se la mamma e il bambino stanno più che bene, nulla vieta una scelta differente da quella dell'ospedale: molte gestanti ritengono infatti che la nostra società e la nostra epoca abbiano trasformato l'assistenza ospedaliera durante il parto in qualcosa di troppo medico e "commerciale". Una nuova vita che nasce è quanto di più naturale e magnifico esista, quindi se le condizioni lo permettono una scelta più accogliente e aperta è davvero consigliata.

Se tuttavia non siete del tutto convinte del parto in casa con un'ostetrica che vi segue direttamente nella vostra abitazione (per mille motivi, tra i quali, magari, la lontananza dall'ospedale più vicino) sappiate che esiste un'altra opzione: la casa maternità.

Le case maternità sono strutture non ospedaliere che solitamente vengono gestite da ostetriche che spesso si avvalgono della collaborazione di un ginecologo. Un ambiente e un personale assolutamente simili a quelli delle cliniche e degli ospedali, che tuttavia sono molto più demedicalizzati, con l'obiettivo di assicurare e favorire un parto naturale che abbia come caratteristica principale il rispetto della mamma e del bambino.

Spesso molte di queste strutture propongono alle mamme metodologie di parto differenti e più naturali: il parto in acqua, certamente, ma anche il Lotus Birth. Quest'ultima è una tipologia di parto davvero accogliente e delicata per il bambino, che non viene staccato dal cordone ombelicale prima che questo si stacchi naturalmente da solo. Il collegamento bimbo-placenta resta  attivo quindi per qualche giorno, assicurandogli ulteriore nutrimento oltre a quello delle poppate.

Il bello è che rispetto al parto in casa nella struttura saranno presenti altre mamme: in questo modo viene valorizzata la dimensione sociale del parto e della nuova vita, oltre che incoraggiato il confronto tra le donne.

Di certo però qualche differenza rispetto al parto in ospedale c'è. Innanzitutto il prezzo: sicuramente è più alto (varia da clinica a clinica), anche se probabilmente un pochino più economico di quello del parto in casa, che mediamente può costare duemila euro.

Come per il parto in casa, comunque, i requisiti sono sempre gli stessi, e hanno in mente il benessere e la sicurezza: non tutte le donne possono infatti usufruire dei servizi della casa maternità, ma solo quelle che sono state ritenute a basso rischio.

Tuttavia questo basso rischio non basta: la casa maternità deve infatti obbligatoriamente non distare più di trenta minuti dall'ospedale più vicino, perché nel caso di necessità o urgenza deve essere assicurato un tempo breve per raggiungerlo in automobile o ambulanza.

Per maggiori informazioni sulle case maternità (e sul parto in casa) potete visitare il sito: http://www.nascereacasa.it/

 

Mamma Pret a Porter non è una testata medica e le informazioni fornite hanno scopo puramente informativo e sono di natura generale, esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico o di un pediatra (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, fisioterapisti, ecc.) abilitati a norma di legge. Le nozioni sulle posologie, le procedure mediche e le descrizione dei prodotti presenti in questo sito hanno un fine illustrativo e non devono essere considerate come consiglio medico o legale.

Ti potrebbe interessare anche

Le fasi del parto naturale
Parto indotto, un incremento che fa preoccupare
La valigia dell’ospedale per il parto
Leboyer, per un parto che sia il più dolce possibile
“My body did not fail me”, un bellissimo progetto sul parto cesareo
Contrazioni preparatorie: come sono e quando recarsi in ospedale
Gravidanze vicine? Il rischio è il parto prematuro
La gravidanza e la nascita nelle tradizioni nel mondo
Parto in arrivo, appunti di viaggio per donne in camicia da notte anche di giorno
Nascita, le tradizioni intorno al mondo
Agopuntura per i prodromi e il travaglio
Reparti maternità: quando il parto vaginale viene spacciato per parto naturale

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

Newsletter