Ikigai, ovvero trovare una ragione per vivere secondo la cultura giapponese

Chi legge libri giapponesi, che siano saggi o romanzi, sa che questi sono impregnati di una piacevolissima quiete e di un senso di calma inconfondibili. E anche quando si parla di tragedie, tristezza o sentimenti negativi esiste sempre un atteggiamento positivo in fondo al nero e tutto viene comunque vissuto con la calma quieta che pervade tutta l’atmosfera giapponese.

Recentemente abbiamo conosciuto un concetto che ci conferma tutto questo e che fa parte degli atteggiamenti che da millenni i giapponesi adottano nei confronti della vita. Si chiama Ikigai ed è un validissimo aiuto per focalizzare la propria vita e renderla più piena.

Ikigai, ovvero trovare una ragione per vivere secondo la cultura giapponese: come trovare uno scopo di vita ogni mattina può cambiare la vita, prendendo spunto dal popolo nipponico

Proprio come l’Hygge e il Lagom, che però vengono dalla cultura nordica, l’Ikigai è una filosofia di vita che possiamo seguire per migliorare il nostro vivere e per trovare una felicità semplice e duratura. Viene dal Giappone e ha una tradizione millenaria proprio come il suo popolo.

Esiste anche un libro, scritto da Bettina Lemke ed edito in Italia da Giunti, “Ikigai, il metodo giapponese - Trovare il senso della vita per essere felici” (che potete trovare qui). Ma per capire subito di cosa stiamo parlando proviamo a sintetizzare un po’ i concetti di questo Ikigai.

L’Ikigai può essere tradotto letteralmente (anche se non c’è un significato univoco e perfetto) come “ragione di vivere”, “ragion d’essere”. Viene da Iki, cioè “vita”, e Gai, “scopo”. Insomma, l’Ikigai è qualcosa per il quale viviamo, il nostro scopo, e può essere una persona (non a caso questa parola viene riferita spesso al proprio innamorato, in Giappone), un sentimento, un lavoro, una passione. E con questo termine i giapponesi riescono a racchiudere moltissimi significati, dalla ragione per cui ci alziamo dal letto alla mattina fino a ciò che vogliamo realizzare nella vita (quindi lo scopo), dalle nostre passioni a ciò che facciamo per il mondo nel nostro piccolo.

Questo qualcosa per il quale ci alziamo la mattina è diverso per ognuno di noi. Quando abbiamo ben focalizzato il nostro Ikigai è più semplice alzarsi dal letto ma soprattutto si affronta la quotidianità con uno spirito positivo e in maniera natura si tenta ogni giorno di rendere la propria esistenza significativa, per noi stessi e per gli altri.

L’utilità dell’Ikigai è semplice: la felicità è un sentimento umano, una condizione, un sentire che tuttavia non è permanente o eterno ma solitamente va e viene a seconda del periodo nel quale ci troviamo. Tenendo sempre presente il nostro Ikigai, invece, questa felicità sarà permanentemente presente, sarà sempre lì di fronte a noi a prescindere dalle difficoltà e ci aiuterà a superare tutto in maniera più positiva, ma soprattutto propositiva.

Come trovare, dunque, l’Ikigai? Innanzitutto, dobbiamo pensare con intensità a ciò che amiamo veramente nella nostra vita, più di tutto. Incrociamo poi questa passione con la nostra bravura, con il contributo che questa passione dà agli altri e con i valori che ci accompagnano nella vita, quelli ai quali ci ispiriamo e che cerchiamo di seguire sempre. E anche con la possibilità di essere pagati per questa passione. Solo in questo modo l’Ikigai sarà davvero una vocazione, una passione, una missione e una professione.

C’è poi l’intenzione. Perché il nostro Ikigai deve essere inseguito intenzionalmente, volontariamente, con convinzione. Bisogna applicarsi e non lasciare che ci scorra addosso. Dobbiamo impegnarci. Solo così saremo completi e soddisfatti. E non solo dal risultato, ma anche dalla strada che intraprendiamo per cercare di arrivare a quel risultato. Perché la felicità non è data dal mero raggiungimento dell’obiettivo ma soprattutto da ciò che il nostro Ikigai ci dà ogni giorno, lungo il percorso che intraprendiamo e che è la nostra vita.

Ti potrebbe interessare anche

L’abbigliamento scandi per bambini
Persone tossiche, quali sono e perché sbarazzarsene
L’hygge in famiglia
Costruire una casa nella quale i bambini stiano bene è molto semplice
Come trascorrere un Natale Hygge
Il Glogg
Come rendere la nostra casa un posto felice
7 giorni di Hygge: la sfida che spopola sul web
Essere Hygge al lavoro e in ufficio
L’Hygge in autunno, ovvero come abbracciare la cultura danese in questa stagione coccolosa
Le regole per una vita Hygge!
Il Lagom, un nuovo concetto svedese per la felicità

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter