Gli effetti della meditazione sul bambino

Spesso lasciare fuori dalla porta di casa problemi e stress è impossibile. I nostri bambini però assorbono tutto: a casa e a scuola se gli adulti portano con sé i loro problemi i ragazzi lo percepiscono e reagiscono con la stessa aggressività che ricevono (anche involontariamente). Non solo: la nostra è una società che fa pressioni, focalizzata sui problemi, e di conseguenza i bambini faticano a crescere sereni.

Una soluzione davvero efficace a questa situazione è la meditazione, un potente strumento per staccarsi dal mondo e vivere al meglio la propria interiorità, scansando stress e problemi e ridimensionandoli.

Gli effetti della meditazione sul bambino: perché a casa e a scuola sarebbero davvero utili momenti di meditazione

Anche secondo molti neuroscienziati e psicoterapeuti la meditazione è ormai assodato avere benefici enormi sulla mente e sul corpo. Impararla da bambini (come tutto, del resto) è quindi fondamentale.
Vi abbiamo già parlato delle scuole inglesi e del college di Dubai che hanno ormai adottato la meditazione come materia scolastica, magari associata allo yoga, e che ne stanno traendo effetti davvero positivi.
Ecco quindi i benefici reali che i bambini possono acquisire da questa pratica di riflessione e pausa.

Meditare significa prendersi del tempo dal mondo e concentrarsi sul proprio corpo e sulla propria mente. Quando i bambini si apprestano alla pratica, entrano nella loro interiorità dove possono essere se stessi e capire chi sono realmente, ciò che sentono davvero dentro indipendentemente dagli stimoli e dalle imposizioni esterni.

Calma, serenità, allontanamento dallo stress arrivano subito dopo. Grazie alla meditazione molti problemi dei bambini di oggi trovano una soluzione: l'iperattività, i comportamenti aggressivi e la mancanza di concentrazione, attraverso pochi minuti di meditazione al giorno, subiscono un decisivo calo e le prestazioni scolastiche, di conseguenza, migliorano.

Ma come iniziare? In questo articolo trovate 4 semplici tecniche di meditazione per i bambini

Imparare a gestire le proprie emozioni e sensazioni porta poi ad un aumento qualità come la capacità di ottenere emozioni stabili, la compassione verso l'altro, l'empatia, la sensibilità, oltre a ridurre le sensazioni di paura e di ansia e ad aumentare la tolleranza del bambino nei confronti delle emozioni negative, ora viste nella giusta prospettiva. Nel concreto, meno bullismo e meno iperattività.
Anche il corpo può beneficiare di miglioramenti enormi! Si riduce il rischio di malattie coronariche come l'ictus, si ispessisce la corteccia cerebrale e al contempo si riduce l'invecchiamento di quella frontale e si rafforza il sistema immunitario.

Riassumendo, insegnare la meditazione fin da bambini e magari portarla nelle scuole (ambiente davvero adatto a questo tipo di pratiche e perfetto per sperimentarne concretamente i benefici) può avere solo effetti positivi:

- Miglioramento dello stato di salute fisica
- Riduzione dello stress
- Gestione delle emozioni
- Miglioramento delle prestazioni scolastiche
- Consapevolezza di se stessi
- Empatia
- Riduzione di problemi quali l'iperattività e il bullismo
- Miglioramento del comportamento

Sara Polotti

Ti potrebbe interessare anche

I laboratori per bambini e famiglie al Museo Teatrale alla Scala
Ritorno a scuola, 6 consigli per risparmiare tempo
Economia domestica a scuola, per promuovere parità e competenze
Come farsi raccontare dai figli com’è andata la giornata
Come parlare ai bambini della violenza sessuale
La scuola digitale di MyEdu al Salone della Sostenibilità
Yoga Nidra, lo yoga del sonno per il rilassamento e il benessere
I pericoli dell'insegnamento precoce
I disegni di Halloween da colorare per bambini
Inizia la scuola, i nostri bambini crescono
Cos’è il Triathlon del Benessere
La scuola più ecosostenibile del mondo
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg