L’esperimento dell’oceano in bottiglia

(Leap Frog)

Gli esperimenti che coniugano scienza, arte e divertimento ci piacciono sempre tantissimo. Ricordate, ad esempio, la lava lamp, il tornado in barattolo o i cristalli di neve?

Stavolta quello che vi proponiamo è un esperimento perfetto da provare in settembre, alla fine dell’estate, perché permette di ricreare un mare in bottiglia, in miniatura, affascinante e divertente. Tutto ciò che serve è la voglia di sperimentare e qualche ingrediente semplicissimo da trovare.

L’esperimento dell’oceano in bottiglia: come ricreare il mare in un contenitore per studiare le sfumature del blu e appassionarsi all’acqua

Il principio di realizzazione di questo oceano in bottiglia si fonda sul semplice fatto che acqua e olio non si mescolano: avendo pesi specifici diversi, l’uno galleggia sull’altra e si creano così effetti strabilianti. In primis possiamo quindi spiegare questo fatto scientifico ai bambini, che vedranno concretamente come accade.

Ecco gli ingredienti e gli strumenti di cui avremo bisogno per realizzare l’oceano in bottiglia:

- Una bottiglia di plastica di almeno 1 litro di capienza (perfette sono quelle del collutorio con la chiusura sicura per i bambini: ci sarà meno rischio che la aprano una volta pronto l’esperimento)

- Un imbuto

- Acqua

- Olio di semi

- Colorante alimentare blu

Procedimento:

- Riempiamo di acqua del rubinetto la nostra bottiglia, riempiendola per circa 1/3. Aggiungiamo quindi qualche goccia di colorante alimentare blu.

- Agitiamo molto bene la bottiglia, in modo che il colorante si disciolga alla perfezione, aggiungendone se necessario per raggiungere il colore desiderato. Questa è un’operazione che piace moltissimo ai bambini!

- Infine, lasciando che i bambini si aiutino con l’imbuto per non schizzare e non sbrodolare (un’azione che li aiuta anche a sviluppare una buona coordinazione occhio-mano, come tutti i travasi!), riempiamo il resto della bottiglia con l’olio vegetale.

- Chiudiamo molto bene il tappo, quindi capovolgiamo a testa in giù la bottiglia e guardiamo il nostro oceano che prende forma! Si creeranno bolle, onde e movimenti super affascinanti, e il giallo dell’olio e l’azzurro del colorante si mischieranno creando un colore che ricorda moltissimo l’oceano in un giorno di sole abbagliante.

oceano1.jpg

(Happy Hooligans)

E se vogliamo completare il nostro oceano, possiamo tranquillamente aggiungere, inserendoli prima dell’acqua e dell’olio, delle conchiglie e dei pesciolini giocattolo.

oceano2.jpg

(Little bins for little hands)

E, dopo aver terminato l'esperimento e avere ammirato per un po' le fantastiche onde e i meravigliosi effetti, perché non rimanere per un attimo nel mood-oceano per imparare qualcosa di più? Prendiamo un bel libro (come ad esempio i "Gamberetti dispettosi" di Anna Vivarelli, "Animali dell'oceano" di Anton Poitier e Sophia Touliatou, "Il mio albo della natura - le creature dell'oceano" di Olivia Cosneau o "Gli animali degli oceani") e ascoltiamo tutto ciò che di interessante gli oceani hanno da offrirci!

 

Ti potrebbe interessare anche

Le lanterne di palle di neve svedesi
Parlare con le amiche fa scientificamente bene
Giochi di famiglia per favorire il legame e scacciare i cattivi pensieri
Tuo figlio resta sempre con te: a dirlo è la scienza
Halloween al museo
Lo slime che vien dal mare
Giocare alle misure e alle frazioni con Maria Montessori
8 lavoretti in spiaggia
Gli esperimenti scientifici da fare in estate
Gli sport estivi per bambini: la vela
VisitElba: il nostro weekend sull’Isola d’Elba tra benessere e attività per la famiglia
Il gioco della lotta è un gioco sano che fa molto bene!

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter