A Torino nasce la scuola innovativa senza voti né compiti

La scuola senza zaino esiste già, ed è un bel passo avanti. Immaginatevi quindi se a questa assenza di zaino si aggiungessero l’assenza di voti e quella di compiti. Un’utopia? Un sogno irrealizzabile? Una pazzia? Lo vedremo: perché a Torino sta nascendo La Scuola Possibile, e sarà una rivoluzione.

A Torino nasce la scuola innovativa senza voti né compiti: la rivoluzione scolastica parte da un’iniziativa privata, e si chiamerà “La Scuola Possibile”

L’idea è stata di Laura Milani, ceo e direttore dello Iaad, l’Istituto di arti applicate e design di Torino. Nella stessa città ha deciso di fondare La Scuola Possibile, un istituto elementare privato che ha suscitato l’interesse di varie aziende, che stanno sostenendo l’idea: Lavazza, Fondazione Pistoletto, Robe di Kappa, Aurora… E così, Laura Milani, il suo ex professore di matematica Mauro Gianesini e tutte queste realtà a settembre apriranno i battenti della nuova scuola.

La sede si troverà all’interno del Basic Village in via Foggia, e i bambini spenderanno al suo interno 9 ore, dalle 8 alle 17. Tempi lunghi, certo, ma l’innovazione sta in altro. Innanzitutto nelle ore di lezione, che saranno divise in tre moduli da 80 minuti, e poi nelle lezioni stesse, che saranno suddivise tra cinque aree: alfabetizzazione, immagine, scienza, suono e movimento (il tutto condito dall’inglese: varie attività saranno infatti svolte nella seconda lingua, le cui ore aumenteranno di anno in anno). Tra le ore di lezione, molto tempo per giocare e per mangiare.

Come le Scuole senza Zaino, anche La Scuola Possibile adotterà poi la filosofia del non portare la cartella a scuola. I materiali didattici saranno infatti tutti a disposizione negli spazi della scuola. Non solo: nella Scuola Possibile non ci sono compiti (esatto, avete sentito bene), e di conseguenza i bimbi non avranno bisogno di portare libri e quaderni a casa per completare gli esercizi!

Il perché della scelta? Laura Milani l’ha spiegato a Repubblica: “Oggi i compiti non sono per i bambini, sono per le famiglie che devono assistere i propri figli nello svolgimento di lavori su cui i piccoli non possono essere autonomi. Una scuola come la nostra sceglie di responsabilizzare i bambini e renderli indipendenti, credendo nella loro intelligenza e nei loro talenti. Il tempo libero, i weekend e le vacanze sono da rispettare e impiegare in altre attività che fanno parte della scuola della vita”.

Lo stesso sentimento di rivoluzione lo si sente quando parliamo dei voti: alla Scuola Possibile, infatti, non ci sarà più la classica valutazione. Piuttosto, per gli insegnanti “gli esami si trasformeranno in progetti”, progetti volti a misurare il grado di comprensione attiva che coinvolgono tanto i bambini quanto gli insegnanti.

Ma, alla fine, questa scuola così innovativa sarà per tutti? O meglio: chi se la potrà permettere? In effetti i costi sono abbastanza alti, se si pensa che all’anno di media si spenderanno tra i 7 e gli 8 mila euro. Tuttavia dall’istituto rassicurano: ci saranno anche borse di studio.

E, sperando che l’idea sia buona e che il progetto funzioni, i fondatori hanno già puntato gli occhi a tra qualche anno, quando, oltre alla scuola elementare, potranno finalmente creare anche una scuola media fondata sugli stessi principi.

La redazione

Ti potrebbe interessare anche

MyEdu al Salone del Libro, un’esperienza didattica unica!
La scuola digitale di MyEdu al Salone della Sostenibilità
I pericoli dell'insegnamento precoce
Inizia la scuola, i nostri bambini crescono
La scuola più ecosostenibile del mondo
L’empatia, una materia da insegnare a scuola
La Bønsmoen Primary School in Norvegia, colorata e funzionale
Il regalo per la promozione è uno strumento giusto o sbagliato?
Le cose che i nostri figli non impareranno dalla scuola, ma dalla vita
7 libri per imparare ad apprezzare la matematica
La didattica esperienziale
Aiutare un figlio dislessico, i primi passi

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter