Come capire se il nostro bambino è disidratato

Che parlino o che non parlino, con i bambini piccoli spesso ci troviamo a fare diagnosi basandoci solo su ciò che vedono i nostri occhi, dal momento che la maggior parte delle volte non esprimono ciò che sentono. Possiamo, ad esempio, intuire un mal di gola quando sono inappetenti e non vogliono ingoiare nulla, ma è solo una delle moltissime situazioni in cui possiamo trovarci.

Anche la disidratazione nei bambini è qualcosa a cui dobbiamo prestare attenzione, soprattutto in primavera e in estate. I bimbi, infatti, a volte non dicono che hanno sete, o che si sentono affaticati, ma le conseguenze dell’idratare poco il proprio corpo sono davvero pesanti.

Ecco quindi gli aspetti a cui dobbiamo prestare attenzione per evitare che i nostri bimbi piccoli si ritrovino disidratati, tanto nelle giornate più calde quanto tutto il resto dell’anno.

Come capire se il nostro bambino è disidratato: i segnali a cui prestare attenzione per evitare che i bambini si disidratino

Innanzitutto, chiariamo che la disidratazione è qualcosa di importante, da non prendere alla leggera. Quando ci disidratiamo, il nostro corpo si ritrova a non avere l’acqua necessaria alle funzioni vitali, e questo è davvero pericoloso.

I segni da leggere sono quindi importantissimi perché ci permettono, semplicemente osservando i nostri bambini, di evitare che arrivino al punto di disidratarsi, soprattutto in estate (a causa del sudore), ma anche in caso di febbre e influenza, diarrea, vomito e malattie croniche come il diabete (in questo caso, attenzione alla sete eccessiva: è proprio segno di diabete). E durante l’esercizio fisico e il gioco più energico.

 

Ecco dunque i segnali:

  • Le labbra secche e tagliate
  • La pipì scura ed esigua
  • Borse nere sotto gli occhi o occhi che paiono incavati
  • Pelle secca
  • Leggeri buchi che affiorano sulla testa (nei lattanti)
  • Poca energia
  • Respiro affannoso
  • Assenza di lacrime nel momento in cui piangono

 

Nel momento in cui ci accorgiamo della disidratazione, evitiamo di dare troppi liquidi tutti insieme. Diamo ai bambini, invece, acqua a dosi calibrate, piano piano, fino a che l’urina non torna chiara.

Offriamo anche della frutta fresca: in questo modo, i bambini reintegreranno anche i sali minerali e le vitamine.

E se la causa della disidratazione è il vomito? In questo caso, la situazione è un cane che si morde la coda, poiché i bambini non riescono a tenere giù l’acqua, vomitandola immediatamente e causando così la disidratazione. In questo caso, cerchiamo di dare l’acqua a piccolissimi sorsi (in modo da non causare il vomito) durante la giornata.

 

Mamma Pret a Porter non è una testata medica e le informazioni fornite hanno scopo puramente informativo e sono di natura generale, esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico o di un pediatra (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, fisioterapisti, ecc.) abilitati a norma di legge. Le nozioni sulle posologie, le procedure mediche e le descrizione dei prodotti presenti in questo sito hanno un fine illustrativo e non devono essere considerate come consiglio medico o legale.

Ti potrebbe interessare anche

Le più belle piscine da giardino per bambini
L’acqua: alleata anche in menopausa
Perché non dobbiamo dare acqua ai bambini sotto i sei mesi
Il lavoretto dello stagno con la sabbia
Acqua detox cetriolo, limone e menta
10 ricette di acque aromatizzate
10 giochi d'acqua da fare in estate con i bambini:
10 idee di water station per bambini
Idee di gioco da realizzare nelle feste di compleanno estive
Il parto in acqua: cos'è, quando è possibile farlo e quali sono i benefici
10 idee per aiutare i bambini a bere più acqua
Come scegliere l'acqua più adatta a noi
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg