I benefici dell’olio di cocco per la crescita dei capelli

L’olio di cocco è conosciuto per moltissime proprietà, tra cui il nutrimento dei capelli. Ma non solo perché li idrata e li rende più lucenti e nutriti: le sue proprietà antimicotiche e antibatteriche sono utili contro la forfora e contro il prurito alla cute (anche in caso di dermatite cutanea e di cute sensibile).

Contiene anche molte vitamine, come la E e la K, e sali minerali come il ferro, e per questo funziona davvero molto bene sui capelli! Ed è un ottimo strumento per farli crescere più velocemente, oltre che più sani.

I benefici dell’olio di cocco per la crescita dei capelli: perché l’olio di cocco è perfetto per curare i capelli

L’olio di cocco è composto principalmente da acidi grassi saturi (come l’acido ialuronico) e acidi monoinsaturi. I primi entrano all’interno delle fibre del capello, rendendolo più resistente (e quindi meno propenso a spezzarsi). I secondi contribuiscono invece a nutrire tutta la massa dei capelli, nutrendo i follicoli.

Ma non solo: questo olio, quando utilizzato sui capelli, aiuta la circolazione nella cute, assicurando ad ogni follicolo la giusta quantità di ossigeno e di nutrienti. Anche per questo, dunque, aiuta la crescita dei capelli, insieme al fatto di rinnovare le cellule morte della cute e dei capelli.

Come dicevamo, poi, l’olio di cocco contiene vitamina K e vitamina E: la vitamina K è un nutriente essenziale per i capelli, per la loro forza e per il loro volume, mentre la vitamina E aggiunge vitalità ai capelli, rinnovando e rinforzando le fibre danneggiate.

Applicarlo regolarmente, dunque, aiuta a far sì che i capelli crescano più velocemente, che crescano più resistenti e spessi, idratati e meno tendenti a spezzarsi (e quindi ad avere doppie punte). Lo si utilizza soprattutto nel caso di capelli molto secchi, rovinati e provati da colore e calore, come da ogni trattamento aggressivo, ed elimina anche l’effetto crespo.

La migliore scelta, quando usiamo l’olio di cocco, è prenderlo grezzo e puro, meglio se biologico e spremuto a freddo. Lo si mantiene a più di venti gradi, quindi in estate non ci sono problemi, mentre in inverno bisognerà scaldarlo un po’ prima dell’utilizzo, dato che già a attorno ai 15-20 gradi solidifica.

E come e quando lo si utilizza? L’olio di cocco viene utilizzato come impacco o maschera, prima dello shampoo. Lo si applica sui capelli già bagnati, spalmandolo e pettinandolo con un pettine a denti larghi.

Non c’è una regola per il tempo di posa, ma se i capelli sono molto secchi e rovinati il consiglio è quello di fare un paio di impacchi a settimana e di tenerlo in posa un paio d’ore.

Il bello è che per un trattamento intensivo possiamo lasciarlo in posa anche tutta la notte, oppure tenerlo durante tutta la giornata al mare, anche per proteggere i capelli da sale e sole (o per mantenere il trattamento alla cheratina, che teme l’acqua di mare e il cloro, in caso di piscina).

Dopodiché lo si sciacqua normalmente, procedendo al normale shampoo, risciacquando con molta cura, dato che l’olio di cocco è comunque un olio, e quindi oleoso.

Qui trovate un olio di cocco molto buono, spremuto a freddo, organico e biologico. Idem questo: entrambi sono in barattoli di vetro, per essere green, oltre che splendenti!

Ti potrebbe interessare anche

Come evitare la perdita di capelli dopo il parto
Un bagno all’olio di cocco
Gli usi dell’olio di cocco
Maschera per capelli secchi, sfibrati e rovinati da piastra e colore
Gli alimenti che fanno bene ai capelli e alla cute
Pane alla zucca e cocco
Cheesecake al melograno e cocco
Sì, anche i maschi possono portare i capelli lunghi
Acqua aromatizzata al cocco, menta e limone
8 semplici e bellissime pettinature per bambine
Crostata senza farina con crema al limone
10 usi cosmetici straordinari dell’olio di cocco
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg