Le attività Montessori da fare al mare

Tempo di vacanze, tempo di mare. Ma chi l'ha detto che proprio il mare e il sole e le conchiglie e l'oceano non possano essere occasione per imparare qualcosa? Anche se il sole è alto non è necessario mettere la didattica in ferie, soprattutto quando questa può essere tanto divertente quanto educativa!

Ecco le attività Montessori da fare al mare: 9 proposte ispirate all'oceano e alle conchiglie per imparare e concentrarsi come insegna Maria Montessori

  • Quando mamma e papà mangiano le ostriche, non buttate i gusci! I gusci possono diventare infatti i piccoli contenitori nei quali suddividere le conchiglie trovate al mare per forma o colore, in un esercizio di classificazione che diventa anche occasione di allenare la presa: lasciate prendere e spostare le conchiglie con una bella pinza!

(foto 1 http://inspiredmontessori.blogspot.it/search/label/Ocean%20life)

  • Disegnando all'interno delle conchiglie delle piccole stelline colorate potrete realizzare un naturale e divertente memory (i colori delle stelle saranno in coppia, e i bambini dovranno scoprirle, memorizzarle e indovinarle proprio come nel classico memory). Un esercizio perfetto per la memoria, la concentrazione e la presa (le conchiglie da girare per le manine del bambino sono una sfida!).

(foto 2 http://playinghouseinmaryland.blogspot.it/search/label/Beach)

  • Per i più piccoli a volte basta proprio questo esercizio di presa, per allenare la coordinazione occhio mano e la precisione: utilizzate le piccole palline colorate piene di punte di gomma (ricordano moltissimo i ricci di mare, no?), una pinza larga (cambiando la dimensione di volta in volta, andando sempre più verso le pinzette) e un vassoietto per muffin, dicendo ai bimbi di riempire ogni buco con un riccio.

(foto 3 http://playinghouseinmaryland.blogspot.it/2011/05/tot-trays-beach-theme.html)

  • E per stimolare la manualità fine un'altra attività super estiva divertirà i bambini: procuratevi una base tonda in polistirolo e tanti ombrellini da cocktail! Aprirli e infilarli nel polistirolo li impegnerà davvero moltissimo, e il risultato sarà super colorato.

(foto 4 http://countingcoconuts.blogspot.it/2010/08/beach-themed-activities.html)

  • Tra i tesori che i bimbi trovano in spiaggia ci sono i pezzetti di vetro colorato che gli anni, la sabbia e l'acqua del mare hanno reso satinati e smussati (non tagliano più, quindi sono innocui). Con un vassoio per posate potrete quindi ideare un'attività di classificazione per colore.

(foto 5 http://countingcoconuts.blogspot.it/2010/08/beach-themed-activities.html)

  • Le conchiglie collezionate in estate diventano pretesto per imparare le grandezze. Iniziate con una classificazione semplice per “grande” e “piccolo”, per poi passare all'ordinazione dal più piccolo al più grosso e viceversa.

(foto 6 http://www.montessorinature.com/15-montessori-activities-for-preschoolers/)

  • In spiaggia, sulla spiaggia con un bastoncino, possiamo allenare la scrittura delle lettere dell'alfabeto. Prima con le dita, quindi con un bastoncino: i bambini impareranno pian piano l'alfabeto prendendo confidenza con la presa specifica della scrittura, divertendosi e sperimentando materiali e pattern curiosi.

(https://www.buzzfeed.com/mikespohr/guenstige-aktivitaeten-die-ihre-kinder?utm_term=.hdAK0A7O1x#.syoRo2wXVZ)

Ti potrebbe interessare anche

I capricci di fine estate esistono, ecco come affrontare il problema
Cose da fare prima che cominci la scuola
Pannolino al mare, meglio la mutandina!
Come portare il mare in casa
Cosa portare in vacanza con i bambini
Come mantenere le routine anche in viaggio
I 10 libri per bambini da leggere quest'estate
Allattare in estate, gli accessori top
Estate green: i consigli per viverla rispettando l’ambiente
Piccole abitudini per genitori sereni
“Toccare la bellezza”, una mostra per riscoprire il tatto
Come sopravvivere al primo anno del bambino
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg