I benefici (scientifici) del “quiet time” pomeridiano

Diciamolo: è benefico anche per noi. Nel senso che durante il pisolino pomeridiano dei nostri figli riusciamo a prenderci un po’ di tempo per noi. C’è chi fa qualche faccenda, chi guarda la tv, chi sonnecchia, chi si fa una bella doccia… Ognuno ha il suo rituale. E quando i bambini sembrano non voler più dormire il pomeriggio? Il consiglio è quello di introdurre il “quiet time”, ovvero un momento di tranquillità pomeridiana che diventerà benefico tanto quanto il classico riposino.

I benefici (scientifici) del “quiet time” pomeridiano: come introdurre un momento di tranquillità pomeridiana con i bambini e perché

Il riposino del pomeriggio non è solo benefico per i genitori, anzi. Lo è anche per i bambini! Che spesso se saltano il riposino impazziscono letteralmente. A dirlo è addirittura la scienza, che ci consiglia quindi di farlo sempre, se i bambini lo richiedono! Ma quando non vogliono più coricarsi nel pomeriggio?

Sembra che ad un certo punto, infatti, i bambini ritrovino l’energia e che non abbiano più bisogno di sonnecchiare nelle ore pomeridiane. In realtà, il bisogno di riposare resta, anche se cambia un pochino.

Ecco perché possiamo cominciare a pensare ad una modifica delle abitudini: al posto del pisolino, cerchiamo di introdurre i bambini al “quiet time”, ovvero ad un momento di tranquillità pomeridiana che può durare da qualche minuto a una mezz’oretta, durante il quale bambini e genitori cercano un angolino solitario per impegnarsi in una attività tranquilla e quieta.

Potrebbe essere leggere un libro, fare le coccole ad un peluche, giocare ad un gioco “silenzioso” e tranquillo… I bambini troveranno da soli l’attività che preferiscono. L’importante, è che sia davvero silenziosa e quieta. Idem noi adulti: possiamo leggere una rivista, un libro, farci un tè, riposare sul divano…

Possiamo farlo ognuno nella propria stanza, oppure (con i più piccoli, quando non vogliono proprio dormire), nella stessa, ma ognuno in maniera indipendente.

In questa maniera, si ristabiliranno le energie perse fino a quel momento durante la giornata (anche se in maniera diversa rispetto alla classica dormita), e si introdurranno i bambini al tema della solitudine e dell’indipendenza, situazioni in cui crescendo si troveranno spesso nella vita, e che dovranno saper sfruttare e godere. Questo avrà effetti positivi anche sulla capacità di problem solving, dal momento che con il passare del tempo essendo questo “quiet time” un momento di tranquillità per tutti i bambini tenderanno a non disturbare gli altri se non in caso di estremo bisogno, arrangiandosi da soli.

Tra gli altri benefici troviamo anche lo sviluppo della creatività (dal momento che da soli i bambini si devono impegnare a cercare un’attività da svolgere in solitudine e che sia tranquilla), dal momento che la noia porta ad essere molto più creativi rispetto a quando siamo iper stimolati. Lo prova, ad esempio, questo studio, durante il quale ai bambini fu chiesto di creare qualcosa con la pasta modellabile. I bambini senza istruzioni crearono sculture e opere molto più elaborate rispetto ai bambini ai quali erano state date alcune istruzioni.

Importante è anche il risvolto personale, nel senso che un momento di solitudine fa molto bene a tutti, e permette, anche ai bambini, di porre il focus su se stessi, guardandosi dentro.

Ti potrebbe interessare anche

Tv e tablet prima di dormire disturbano il sonno di alcuni bambini
Le tate di notte, che permettono ai genitori di dormire sonni ristoratori
Neonato che non dorme? Ecco qualche consiglio
10 attività per rendere il momento della nanna più rilassato
Saltare il pisolino, perché i bambini impazziscono
8 routine della buonanotte
Addormentare i bambini abbracciandoli non è un vizio
Le frasi per bambini che hanno paura del buio
Come vestire il bambino per la nanna
I tipi di sacchi nanna
Anche le mamme hanno bisogno del co-sleeping
Come rendere piacevole l’ora della nanna
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg