L’udito dei bambini è a rischio

Cuffiette, cuffie, tivù a volume altissimo (anche se non ce ne accorgiamo), tablet davanti alla faccia, musica sempre nelle orecchie. Ma queste povere orecchie soffrono. Soprattutto quelle dei bambini.

A dirlo è l’Organizzazione Mondiale della Sanità, e il pericolo è (purtroppo) davvero reale.

L’udito dei bambini è a rischio: l’allarme lanciato dall’OMS parla di un miliardo di ragazzi che rischiano il loro udito

Ne hanno parlato nel 2013, poi nel 2015, e anche nel 2016 (quando a riportare lo studio fu il quotidiano Francesoir). L’udito è a rischio, soprattutto quello dei ragazzi. Perché ormai non ci facciamo più caso, ma le cuffiette infilate nelle orecchie o le cuffie calate sulla testa sono davvero pericolose, nonostante sia ormai un’abitudine indossarle ed utilizzarle.

L’OMS parla di 1.1 miliardi di giovani: è il numero di ragazzi che probabilmente entro dieci anni scoprirà di avere problemi all’udito. Il numero non è indovinato a caso, ma si basa su dati reali e statistiche ferree.

Tra i ragazzi tra i 13 e i 17 anni, infatti, l’80% ascolta quotidianamente musica con lo smartphone, attraverso cuffie o cuffiette infilate nelle orecchie. Queste cuffie sono più pericolose della musica ascoltata in diffusione. Aumentano infatti i decibel, facendo raggiungere il picco di 89 decibel (quando normalmente non si dovrebbero superare i 55 di giorno e i 45 di notte).

Il 21% di questi ragazzi li usa per quattro ore al giorno. L’8% addirittura per più di quattro. E il 90% dei giovani sotto ai 24 anni (il 90%!) ascolta musica in cuffia per almeno un’ora al giorno. Fregandosene, probabilmente, del livello rosso che lo smartphone segnala quando si alza troppo il volume.

Parliamo quindi di ragazzi adolescenti o più grandi, ma l’attenzione va posta anche sui bambini più piccoli, a partire dai 3 anni. È infatti questa l’età nella quale iniziamo a fargli ascoltare musica in cuffia o a mostrargli programmi e video infilandogli le cuffiette.

I numeri sono quindi alti, e di tutti questi ragazzi il 25% è a rischio udito. La prevenzione può fare molto, ma in questo caso molti di loro hanno raggiunto un livello difficilmente recuperabile, e di conseguenza nel giro di un decennio si accorgeranno degli effetti irreparabili e irreversibili che questa cattiva abitudine ha prodotto nelle loro orecchie.

Quali sono, quindi, le misure preventive? Semplicissime, ma spesso difficili da seguire a causa del vizio, dell’abitudine ormai consolidata. L’unico modo è infatti quello di ridurre al minimo i momenti durante i quali i nostri ragazzi (e anche noi) ascoltano la musica in cuffia. Meno ore, ma anche meno decibel: bisogna fare attenzione a tenere il volume ad un livello sempre accettabile. Quindi occhio agli avvisi degli smartphone, ma occhio anche al buonsenso: meglio sempre insegnare a tenere il volume al minimo, riabituando le orecchie a sentire anche a volumi minori.

Come ha spiegato Antonio Cesarani, direttore dell'Unità operativa complessa di audiologia della Fondazione Irccs Cà Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano, a Repubblica, basterebbe quindi abbassare il volume dello smartphone e limitare l’uso delle cuffie a (massimo!) due ore al giorno. Attenzione anche in discoteca e nei luoghi rumorosi: ogni 90 minuti sarebbe sempre meglio uscire per almeno un quarto d’ora.

In questo senso la Commissione Europea ha anche abbassato i limiti dei volumi degli mp3. Dai 120 decibel a cui si poteva arrivare, oggi il limite è fissato a 80, in modo da limitare il rischio di eccedere.

Detto questo: evitiamo di abituare sin da piccoli i nostri bambini all'utilizzo delle cuffie e ai volumi troppo alti. Troppo presto si ritroverebbero parte di questa statistica. E lì sì che il loro udito sarebbe a rischio senza che ce ne accorgiamo!

Ti potrebbe interessare anche

Fluoro sì, fluoro no?
La Vitamina B12
La sindrome del Cri du chat (grido del gatto), una malattia rara da conoscere
“Like a virgin”, per ritrovare le nottate di un tempo!
Meglio i microbi degli antibiotici
Massa magra, massa grassa e percentuale d’acqua: perché è importante conoscere i valori
Lo svezzamento non può partire prima dei sei mesi
Come si depura l’organismo quando si smette di fumare
Lo smog uccide i bambini: l’allarme dell’OMS
Il sangue dal naso, tutto ciò che dobbiamo sapere sull’epistassi
Perché il biologico deve essere la norma, e non l’eccezione
I consigli per mantenere una schiena sana nei bambini

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter