La maternità nel mondo: essere mamma in India

Come sarà diventare mamma e crescere un bambino nella terra delle spezie, degli elefanti, del caldo e dei tessuti coloratissimi? Sicuramente è un mondo totalmente differente rispetto a ciò che siamo abituati in Occidente. Ed è per questo che è davvero interessante curiosare tra le abitudini e le caratteristiche del diventare mamma in India!

La maternità nel mondo: essere mamma in India, dove il co-sleeping è una pratica naturale e assolutamente normale

La prima curiosità riguarda un fatto pre-natale. Un fatto strano, un'abitudine che in realtà è legge, una strana, stranissima legge: in India è contro le regole (non solo “umane” ma anche burocratiche) sapere il sesso del bambino prima della nascita. Il motivo? Parecchio pauroso e inquietante: qui la società preferisce di gran lunga i bambini maschi, e il governo vuole mettere ai ripari le bimbe femmine: si ha paura che, scoprendo il sesso femminile, molti genitori decidano di interrompete volontariamente la gravidanza.

E l'allattamento? Qui, come in molte culture orientali, è normalissimo e accettato, e allattare in pubblico è incredibilmente normale; tuttavia da molti anni le donne passano per un motivo “sociale” al latte artificiale: è un po' uno status symbol. Utilizzare il latte in polvere significa mostrare agli altri di poterselo permettere, e di potersi permettere una tata.

Ma se l'allattamento è un fatto normale e naturale, il popolo indiano ha ancora difficoltà ad esprimersi sul sesso, sull'anatomia e sui fatti più naturali del corpo umano femminile e della maternità. Ci sono corsi preparto, ma da pochissimo, e soprattutto è solo un fatto recente la presenza dei mariti a questi corsi.

Il fatto che questi corsi siano un qualcosa di assolutamente innovativo per un paese come l'India lo conferma il fatto che, nonostante la loro presenza ai corsi, i maschi si ritrovino ancora molto imbarazzati di fronte ai termini medici anatomici. Il sesso è ancora un tabù, non si studia nemmeno educazione sessuale nelle scuole, e negli ospedali “normali” (quelli non “di classe”) la presenza degli uomini in sala parto non è permessa (non solo per un fatto di regole, ma soprattutto per la tendenza a sentirsi ancora a disagio).

Una volta a casa, il bello dell'India è che il bambino dorme con i genitori regolarmente, a prescindere dalla classe sociale (nel senso: avere una casa grande non significa obbligatoriamente fare dormire il bambino nella sua stanza, nonostante la possibilità). Questo co-sleeping (con i genitori o con la tata di famiglia) dura fino ai sei o ai sette anni! Già: o con i genitori o con la tata. Perché in India è normale, quando si hanno le possibilità economiche, assumere una tata a tempo pieno.

I genitori, infatti, che abbiano entrambi o meno un lavoro, affidano i figli alle tate a tempo pieno; queste tate vivono insieme a loro (con la loro famiglia in una parte dedicata della casa dei datori di lavoro, per essere sempre raggiungibili ma non sempre occupate quando non ce n'è bisogno) e si occupano di tutto ciò che riguarda i bambini. Addirittura, è raro uscire e vedere bambini (che non siano molto poveri) con i loro genitori: solitamente l'uscita è solo con la tata, o, com'è chiamata qui, la ayah.

E, se non ci si può permettere la tata, saranno i nonni, i parenti e i vicini ad occuparsi dei bambini quando i genitori vogliono o devono uscire (non solo per piacere e tempo libero, ma anche per le commissioni).

In tutto questo, la parte più difficile dell'essere mamma e accudire un figlio in India è la paura delle infezioni. Se nei paesi Occidentali (ma anche in molte zone Orientali) cadere, sbucciarsi e prendere qualche botta è solo parte del processo di crescita e di formazione del sistema immunitario, in India sbucciarsi un ginocchio o graffiarsi (o, addirittura, bere una goccia d'acqua del rubinetto o quando si fa il bagnetto) significa venire a contatto con moltissimi germi e batteri pericolosi che possono causare importanti infezioni, infezioni che gli ospedali faticano a curare per il loro stesso stato di sporcizia. Ecco perché le mamme sono iper apprensive: devono esserlo per forza!

Ti potrebbe interessare anche

Pakora indiani di verdure
Samosa di verdure
In te riconosco la dea
Bevanda fresca alla menta

banner 300x250chebuoni

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter