Mal di pancia, mal di testa, mal di... Come riconoscere quando è reale dolore e quando è altro?

Il mal di pancia è qualcosa di tipico, nei bambini. Si parte dalle colichette nei primi mesi di vita ai veri e propri mal di pancino che i nostri figli ci comunicano quando sanno parlare. 

In alcuni casi, tuttavia, i mal di pancia, i mal di testa e i disagi fisici in generale sono sintomo di altro. In altre parole: i bambini, dicendoci che provano quel dolore, stanno tentando di comunicarci altro. Ma come fare a sapere quando il mal di pancia è reale o quando il dolore non è fisico ma solo un "capriccio"?

Non sono capricci

La prima regola è evitare di classificare i dolori fisici "non reali" come "capricci". I dolori possono indicare qualcos'altro, ma esistono, i bambini li provano. E se anche il mal di pancia si rivelerà solo paura o stress, il bambino in quel momento lo percepisce. 

Anche se non lo percepisse, non si tratterebbe comunque di capriccio. I capricci sono lamentele fini a se stesse, che spesso i bambini utilizzano per testare i limiti. In questo caso, invece, esprimere dolore dove non c'è vuol dire provare a comunicare che qualcosa d'altro non sta andando come dovrebbe. Che, in altre parole, il bambino sta provando un disagio di qualche tipo.

Come capire se il dolore è vero

L'altro aspetto importante è cercare di capire se il dolore sia vero: i genitori, strada facendo, capiranno quando il bambino ha davvero mal di pancia o mal di testa o quando si tratta di altro, facendo caso anche agli altri sintomi: ci sono diarrea, febbre, situazioni precise che fanno ricondurre il problema a qualcosa di fisico? Oppure il mal di pancia, ad esempio, si presenta sempre in concomitanza con certi eventi, come ad esempio una verifica o la visita dei nonni?

Importante, quindi, è rivlgersi al pediatra, anche quando si è in dubbio, cercando di capire piano piano a cosa ci si trova di fronte.

La comunicazione attraverso il fisico

I bambini, soprattutto, prima di una certa età (8 anni) non hanno gli strumenti adatti per comunicare le proprie sensazioni. A volte, quindi, possono confondere l'ansia (che prende la bocca dello stomaco) con il mal di pancia, lo stress con il mal di testa... Dialogare, quindi, è necessario: chiediamo al bambino dove sente il dolore, facendocelo indicare con le dita; lasciamo che ce lo descriva nel dettaglio, anche con analogie; cerchiamo di capire se possa essere un dolore fisico oppure uno stato ansioso.

Evitare gli analgesici e i farmaci

In ogni caso, è sempre da evitare l'utilizzo di antidolorifici e analgesici, soprattutto quando non sappiamo a che problema ci troviamo di fronte: se non si trattasse di vero dolore, sarebbero controproducenti perché è sempre sbagliato abusare dei farmaci; se invece il problema fosse fisico, nasconderebbero un sintomo importante per la diagnosi.

Proviamo, quindi, a parlare subito al medico curante del problema, andando in pronto soccorso se il bambino non riuscisse più a sopportare il dolore. 

 

Mamma Pret a Porter non è una testata medica e le informazioni fornite hanno scopo puramente informativo e sono di natura generale, esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico o di un pediatra (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, fisioterapisti, ecc.) abilitati a norma di legge. Le nozioni sulle posologie, le procedure mediche e le descrizione dei prodotti presenti in questo sito hanno un fine illustrativo e non devono essere considerate come consiglio medico o legale.

Ti potrebbe interessare anche

Se non dorme tutta la notte, non è perché sei “una cattiva madre”
Il lato positivo dei capricci
Perché i bambini piagnucolano, secondo la scienza
Come prevenire ed evitare le crisi dei bambini piccoli
Il pianto di un bambino? Ha già l’intonazione che avrà da adulto
Cosa accade nel cervello di una mamma quando un bambino piange?
7 cose da dire ai nostri bimbi al posto di “non piangere”
Cristalfarma, l’azienda fitoterapica di cui ci fidiamo
Contro il pianto del bambino è efficace l’agopuntura
Che cosa fare contro la stipsi dei bambini
5 frasi da evitare per farsi ascoltare dai bambini
Come gestire il distacco dalla mamma
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg