Consigli anti ragadi

L'allattamento al seno è...gioia, ma a volte anche dolori! Accanto all'emozione di nutrire il proprio bambino grazie alle portentose risorse del proprio corpo anche dopo la nascita, può capitare di sperimentare difficoltà: questo è normale, la mamma e il bambino infatti possono aver bisogno di tempo e pazienza per conoscersi ed imparare. Inoltre, diverse sono le mamme che dai primi giorni sperimentano le famose ragadi al seno, dei tagli più o meno profondi che interessano il capezzolo e che possono sanguinare e fare anche molto male. Ma che cosa causa le ragadi? E' possibile prevenirle? E come curarle? Vi sentirete forse un po' "perse" nello scoprire che...la stragrande maggioranza delle creme e cremine vendute per il seno non serve proprio a niente! Potrebbero aiutare, come ultima spiaggia, solo la lanolina pura (davvero difficile da trovare) o fitostimoline in caso di ragadi molto profonde ed estese. L'unica cosa in grado di prevenire e curare le ragadi è un CORRETTO ATTACCO AL SENO da parte del bambino. Come fare? Come capirlo? Come evitare di sbagliare? Se mentre si allatta si avverte dolore, o se sono già presenti ragadi, è fondamentale farsi aiutare da un'ostetrica per capire come correggere e riposizionare il bebè: anche solo mezzo centimetro, all'inizio, può fare la differenza! E come crema portentosa, possiamo usare il nostro latte, un meraviglioso cicatrizzante naturale da spalmare sui capezzoli a fine poppata e far asciugare all'aria. Avere accanto a sè un'ostetrica è importante per essere aiutate e sostenute nel vostro allattamento, fin dai primissimi momenti dopo la nascita. Chi ben comincia, è a metà dell'opera!

dott.ssa Eleonora Bernardini - ostetrica

contatti: 349 8773727 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Mamma Pret a Porter non è una testata medica e le informazioni fornite hanno scopo puramente informativo e sono di natura generale, esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico o di un pediatra (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, fisioterapisti, ecc.) abilitati a norma di legge. Le nozioni sulle posologie, le procedure mediche e le descrizione dei prodotti presenti in questo sito hanno un fine illustrativo e non devono essere considerate come consiglio medico o legale.

Ti potrebbe interessare anche

8 consigli per i papà che vogliono sentirsi più vicini ai loro figli quando la mamma allatta
Allattamento al seno: la guida OMS-Unicef che salva la vita ai bambini
Il breast crawl, per iniziare l’allattamento al seno
Tutto quello che ti serve per allattare al seno in serenità
The Australian Breastfeeding Project
Quando i bambini non vogliono più il seno
L’allattamento programmato non è così salutare
#IPumpedHere, ovvero i posti più disgustosi dove ci troviamo a tirare il latte
Mimi Stevenson, mamma sopravvissuta e paladina dell’allattamento
Come curarsi durante l’allattamento?
Carlos Gonzales, il pediatra che ci dice davvero cosa serve ai bambini
E voi, la fareste la balia?

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter