Come passare il tempo nel letto quando la gravidanza è a rischio

Lo sanno bene le mamme che ci sono passate e quelle che lo stanno provando in questo momento: quando una gravidanza è a rischio, oltre al pensiero ricorrente alla salute del bambino, il fastidio è altissimo. Perché gravidanza a rischio spesso significa dover passare mesi e mesi a letto o sul divano, in riposo forzato. E stare ferme a casa porta a pensare continuamente alla salute del proprio bimbo nella pancia. Insomma: un circolo vizioso che è difficile spezzare.

Ecco dunque qualche attività sicura, semplice e rilassante per impegnare le giornate, senza perdere la testa ma sfruttando le ore libere per qualcosa di costruttivo, coinvolgente e piacevole.

Come passare il tempo nel letto quando la gravidanza è a rischio: come riempire le giornate di riposo forzato durante la gravidanza

Riorganizzare le fotografie

Che siano quelle sul cellulare o quelle che abbiamo stampato (o che vogliamo stampare), l’organizzazione delle fotografie prende sempre moltissimo tempo e non si trovano mai i momenti adatti, così che le foto si accumulano e rimangono in disordine. In queste settimane di risposo possiamo dunque approfittarne, per metterle a posto e per re-immergerci nei ricordi.

Tenere un diario

Tenere un diario è sempre terapeutico, in ogni momento della vita, ma in particolare modo durante la gravidanza. E non sarà solo terapeutico, ma potrà diventare qualcosa da lasciare poi al nascituro, come un libro sulla sua vita nel grembo.

Giocare con i figli

Se non siamo alla prima gravidanza, in casa con noi probabilmente per molte ore al giorno ci saranno i nostri bambini. Se solitamente il tempo per stare con loro scarseggia, ora ce n’è molto di più. Approfittiamone per disegnare con loro, per giocare a dei giochi in scatola adatti alla loro età, a giocare con le bambole, con le costruzioni (magari costruendo giocattoli per il nascituro)…

Leggere

Eh sì, la semplicità: leggiamo, leggiamo, leggiamo. Ma non solo i saggi sulla gravidanza o sulla maternità. Lasciamoci coinvolgere da romanzi lunghi e appassionanti, da storie thriller che lasciano con il fiato sospeso, da storie di amicizia che fanno riflettere… Scegliamo, quindi, il nostro genere preferito e divoriamo libri su libri. E scegliamo anche la modalità preferita, la lettura tradizionale o quella attraverso gli audiolibri, magari durante un bel bagno caldo.

Rimettersi in pari con le serie tv

Le serie tv sono la nuova letteratura, perciò, proprio come per i libri, possiamo lasciarci coinvolgere dalle serie più belle e coinvolgenti.

Invitare gli amici

Non possiamo uscire? Beh, non è che la nostra vita sociale deve per forza rimetterci. Basta cambiare il luogo di incontro, ospitando gli amici da noi. Lasciando, ovviamente, che ci aiutino con la cena e le faccende di riordino, dal momento che noi siamo in riposo forzato!

Riposare davvero

Non c’è niente di male, e, anzi, dobbiamo approfittarne, dal momento che dopo pochissimo tempo la nostra vita si stravolgerà e il tempo per il relax scomparirà immediatamente. Il riposo forzato spesso viene vissuto solo come un peso, e stare sul divano o nel letto fa stancare più di prima. Ma a volte basta solo pensarci più a fondo, intendendo quei momenti come vero riposo, e allora il nostro corpo e la nostra mente staranno davvero meglio. Facciamo un bel bagno caldo, organizziamo una SPA a casa con maschere e massaggi (i partner in questo possono aiutare!), lasciamoci coccolare una volta a settimana da del confort food…

Ti potrebbe interessare anche

Coronavirus, gravidanza e bambini, il Policlinico di Milano ci aiuta a fare chiarezza
Il perfetto kit per il post-parto
I problemi della pelle più frequenti in gravidanza
Come abbassare il colesterolo in gravidanza
5 modi per connettere con il proprio bambino prima del parto
Come combattere l’ansia in gravidanza dopo un aborto spontaneo
La vescica dopo il parto, perché l’incontinenza non è una vergogna
Olio emudermico, idratazione e sostegno in preparazione al parto
Papà, anche il vostro consumo di alcool influenza la salute del bambino
Il tè in gravidanza, quanto berne e quale preferire
Come riconoscere le contrazioni in gravidanza
Come scegliere lo yogurt migliore per il bambino e la mamma
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg