I dolori al seno in gravidanza

I dolori al seno in gravidanza sono un fastidio abbastanza comune. Variano solitamente in base alle settimane di gestazione, e nella maggior parte dei casi non sono nulla di preoccupante.



Ma vediamo insieme quali sono i dolori più comuni e quali sono le strategie migliori per alleviarli per vivere ancora più serenamente la gestazione.

I dolori al seno in gravidanza: come variano i dolori al seno in gravidanza e come fare per alleviarli in maniera naturale

Il momento della gravidanza in cui il seno è più dolorante è sicuramente durante il primo trimestre: già dai primi giorni di gestazione le donne notano un aumento del seno, della circonferenza del capezzolo (che può anche cambiare leggermente colore) e un dolore nuovo, abbastanza fastidioso. Nulla di preoccupante: il seno si sta già infatti preparando all’arrivo di un bambino.

I primi tre mesi di gravidanza, dunque, sono caratterizzati da un aumento del volume delle mammelle e da una tensione fastidiosa: questo è dovuto ai cambiamenti dei dotti galattofori e dei lobuli, e soprattutto agli ormoni in circolo. Gli estrogeni, la prolattina e il progesterone.

Durante i successivi tre mesi (il secondo trimestre di gestazione) il seno potrebbe quindi assestarsi, tornando a fare male durante il terzo trimestre, periodo durante il quale il seno si prepara definitivamente all’allattamento, con le ghiandole mammarie che aumentano di volume e con il colostro che comincia ad arrivare. Ecco perché è possibile, anche, che si verifichino delle perdite bianche: si tratta del colostro (che diventerà poi latte con l’arrivo e la suzione del bambino).

Se le secrezioni invece non sono bianche e lattiginose, ma striate di sangue, allora è necessario recarsi dal medico o dal ginecologo, che saprà individuare il problema e risolverlo.

Per quanto riguarda le strategie per alleviare questi dolori al seno in gravidanza, la migliore sono di certo le spugnature (e non i massaggi alle mammelle come molte credono: questi, infatti, potrebbero aumentare la produzione di prolattina, situazione che a sua volta intensifica l’aumento del dolore in un circolo vizioso).

Le spugnature al seno sono semplicissime da fare e sono molto efficaci: si tratta di utilizzare semplicemente un panno umido (come un asciugamano) o una spugna naturale, imbevuti di acqua tiepida o fredda. Dopo averlo strizzato, passiamolo delicatamente sul seno, ripetutamente.

Anche il reggiseno può fare molto: evitando quelli con i ferretti e quelli troppo strutturati e preferendo quelli comodi ed elasticizzati possiamo infatti alleviare immediatamente il dolore.

Per quanto riguarda l’alimentazione, ridurre il sale è indicato per alleviare il dolore: la ritenzione idrica è infatti un nemico, in quanto potrebbe aumentare la sensazione di fastidio al seno in una situazione così delicata. Via libera, dunque, anche all’acqua: idratarsi molto (con liquidi o con la frutta di stagione) è fondamentale. Ma non con il caffè: la caffeina, infatti, è controindicata in caso di dolore.

Infine, l’attività fisica aiuta molto. Quando la gravidanza è fisiologica e il ginecologo ci ha autorizzato a proseguire le nostre attività sportive, approfittiamone: il corpo ne beneficia in toto, e le endorfine che rilascia aiutano contro il dolore.

Quando il dolore non passa nemmeno in questo modo, è consigliata una visita dal proprio medico curante o dal ginecologo: dopo un esame specifico saprà dire se i dolori sono fisiologici o dovuti ad altro e, soprattutto, potrà prescriverci antinfiammatori specifici in linea con la nostra gravidanza.

Ti potrebbe interessare anche

Cos’è la leucorrea gravidica
Come cambia il seno in gravidanza
Cosa fare in caso di perdite bianche in gravidanza
L’Omega 3 diminuisce il rischio di parto prematuro
Le fasi del parto naturale
Cerchi un bambino? Comincia ad amare il tuo corpo
Qualche trucchetto per le mamme in attesa
La diastasi addominale dopo il parto
3 consigli per tornare ad avere una pelle tonica dopo la gravidanza
6 cocktail analcolici per mamme in attesa!
Il “prima e dopo” gravidanza di Katherine Heigl, ispirazione per molte
Avere l’ultimo figlio dopo i 33 anni allunga la vita
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

Newsletter