Vacanze green: cosa portare in ferie per rendere il soggiorno ecosostenibile

Viaggiare è bellissimo. Apre moltissimo la mente, permette di staccare e di rilassarsi, fa respirare aria nuova... Che sia al mare, in montagna o in città. Ma viaggiare e fare vacanze è anche un po' inquinante, soprattutto se manteniamo quelle abitudini di un tempo (siamo figli e figlie degli anni Novanta!) che lasciavano dietro di noi un'impronta per niente green.

Dal momento che il viaggio in nave, aereo o automobile a benzina e diesel inquina - per forza! -, possiamo provare, nel nostro piccolo, ad adottare semplici abitudini molto comode e parecchio green per ridurre la nostra impronta.

Lo shampoo solido

È davvero molto più comodo, sia in aereo sia per altri tipi di viaggio: sta comodo comodo nel beauty ed è senza plastica! La soluzione plastic-free perfetta per la famiglia che viaggia.

La saponetta

Lo stesso vale per il sapone viso e corpo. Per abitudine, siamo portati a scegliere i detergenti doccia liquidi, ma pensiamoci: lo stesso lavoro lo fa una saponetta, molto più green e molto più piccola nel beauty. E poi non si rovescia e, come lo shampoo solido, evita l'impiccio dei 100 ml di liquidi in aereo.

pexels-photo-7262414.jpeg

Il telo mare ecosostenibile

Come può essere un telo mare sostenibile? Prima di tutto, se è vintage. Non importa che sia rovinato: un asciugamano fa sempre il suo dovere. Che senso ha comprarne di nuovi? In alternativa puoi scegliere un telo in tessuto sostenibile, come il cotone, o addirittura riciclato. Ci sono infatti tessuti ricavati proprio dalle plastiche recuperate dai mari e dagli oceani.

La coppetta mestruale

Per le persone che attendono il ciclo durante le vacanze, la coppetta mestruale è ideale: la puoi tenere fino a 12 ore, si sciacqua sotto acqua corrente e si riutilizza, senza produrre rifiuti indifferenziabili e inquinanti. Qui tutto ciò che c'è da sapere sulla coppetta.

pexels-photo-5712308.jpeg

La crema SPF rispettosa degli oceani

A causa di certi elementi contenuti nelle creme solari che abbiamo utilizzato per decenni, le barriere coralline si stanno sbiancando e stanno morendo, destabilizzando tutto l'ecosistema marino. Scegliamo, quindi, delle creme protettive che siano ocean-friendly, come queste.

La borraccia

Invece di acquistare ogni giorno bottiglie d'acqua, portate con voi una semplice borraccia (una per ogni componente della famiglia). La si può riempire con acqua fredda al mattino e riporla proprio come le altre bottiglie nello zaino o nella borsa frigo. Niente più spreco di plastica! E poi la plastica al sole non è per niente consigliabile.

Altre abitudini

Lo sappiamo: i fiori sono bellissimi e la sabbia delle spiagge sarde è favolosa. Ma lasciamoli al loro posto! Soprattutto la sabbia: a furia di "souvenir" le spiagge si stanno svuotando. Quindi evitiamo di portarla a casa e, anzi!, puliamoci bene i piedi e il corpo prima di uscire dalla spiaggia in modo da lasciare i granelli al loro posto. Un'esagerazione? No.

Vogliamo proprio portare con noi qualcosa? Perché non proviamo a pulire il nostro tratto di spiaggia? Ci stupiremo di quanta plastica e rifiuti raccoglieremo. E con i pezzetti di vetro levigato, invece, potremo fare dei lavoretti quando torniamo a casa.

Ti potrebbe interessare anche

Microplastiche nella pupù dei bambini: cosa significa e come mettersi ai ripari
Cosa vedere a Madrid con i bambini
Cosa vedere a Londra con i bambini
Gli audiolibri per bambini e famiglie da ascoltare in macchina!
Staycation, come passare le vacanze a casa divertendosi
Viaggi in famiglia: Paesi fuori dall’Europa a misura di bambino
Viaggiare senza stress con i bambini: 7 consigli
Le piante che devi tenere in casa per depurare l'aria
Gli italiani? Sono green, ma in pandemia un po’ meno
Come ridurre la plastica nella vita quotidiana
Cosa portare in vacanza con i bambini
Come mantenere le routine anche in viaggio
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg