Il viaggio a Riva del Garda, alla scoperta dell’energia pulita

Si chiama Hydrotour, ed è tra le visite più affascinanti che ci possano essere. Per gli adulti, ma soprattutto per i bambini. Già, perché a Riva del Garda è presente una delle centrali idroelettriche più interattive d’Italia, e una visita è d’obbligo per scoprire come dall’acqua si possa ricavare un’energia pulita e vivissima!

Il viaggio a Riva del Garda, alla scoperta dell’energia pulita: a Riva del Garda ecco l’Hydrotour, la visita guidata nella centrale idroelettrica più bella d’Italia

Tra i metodi per produrre energia pulita non ci sono solo il solare e l’eolico. Esistono anche le centrali idroelettriche, che trasformano l’energia dell’acqua in energia elettrica per le nostre case a partire dalla massa d’acqua in movimento.

Se siete passati da Riva del Garda non avrete potuto fare a meno di ammirare la centrale idroelettrica che svetta sulle pendici sopra la città. È davvero bellissima, grazie al fatto che a progettarla fu all’inizio del Novecento Giancarlo Maroni, l’architetto di Gabriele D’Annunzio, colui che già progettò il Vittoriale degli Italiani a Gardone Riviera (e anche lì una visita è consigliatissima!).

Questo gioiello di architettura e di ingegneria (che si trova in via Giacomo Cis 13), come dicevamo, svetta sulle rive del lago di Garda e la bella notizia è che è possibile programmare una visita guidata per scoprire direttamente e concretamente (anche attraverso vari elementi interattivi!) come qui l’energia dell’acqua venga trasformata in elettricità. Possiamo scegliere la visita individuale (con biglietti a 15 euro l’intero e 8 il ridotto, con possibilità di tariffe speciali per le famiglie), quella in gruppo (con un costo di 10 euro a persona a fronte di un gruppo di almeno 20 persone) o quella per le scuole (5 euro a studente con un minimo di 18 partecipanti) (http://www.hydrotourdolomiti.it/content/it/riva-del-garda). Tutte e tre sono davvero incredibili e imperdibili.

La visita dura circa due ore, durante le quali i bambini (e noi adulti!) possono girare per la centrale accompagnati da esperti che mostrano loro come le leggi della scienza e della fisica studiate sui libri di scuola abbiano un’applicazione concreta, che possono vedere con i loro occhi.

Il percorso della visita è estremamente interattivo e didattico, e per questo ci piace molto. Vedendo direttamente con i loro occhi queste meraviglie dell’ingegneria i bambini non solo comprendono l’importanza delle energie rinnovabili e non solo capiscono come l’energia dalla natura arriva alle nostre case, ma soprattutto imparano meglio. Meglio che sui libri di scuola, meglio che attraverso lo studio a memoria e gli esercizi. Questo perché toccare con mano (in questo caso nemmeno metaforicamente) l’argomento fa sì che i concetti rimangano bene impressi.

Il bello, poi, non sono solo le spiegazioni, ma anche il contesto e l’ambiente. I macchinari giganteschi, i cunicoli, i caschetti indossati e l’atmosfera da scienziati pazzi affascinano incredibilmente i bambini, che spesso, qui, anche se solo per un attimo (ma c’è chi rimane sulla propria strada anche da grande!) decidono che in futuro la scienza sarà il loro mestiere!

Per prenotare le visite si rimanda all’ufficio booking, al numero 0461/032486, attivo tutti i giorni dalle 9:00 alle 17:00.

Giulia Mandrino

Ti potrebbe interessare anche

Viaggi in famiglia: Paesi fuori dall’Europa a misura di bambino
Viaggiare senza stress con i bambini: 7 consigli
Come mantenere le routine anche in viaggio
Viaggiare in gravidanza, cosa tenere a mente
Dove andare quest’estate con i bambini, restando in Italia
Zaini porta-bambino per la montagna, quali sono i migliori
L’attrezzatura da campeggio in famiglia
Le visite guidate per bambini per scoprire un’altra Milano
Imparare l’inglese direttamente in Inghilterra
Il Post Alpina Hotel, per una vacanza in famiglia nel verde
A Treviso il luna park senza elettricità!
Vacanze estive: le migliori strutture ricettive in cui alloggiare
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg