Campi estivi di lingua per bambini e ragazzi: tutto ciò che bisogna sapere

L’estate è il periodo più atteso dell’anno da bambini e ragazzi: niente più compiti in classe e interrogazioni, finalmente possono godersi il mare in totale libertà, partecipare a numerose attività all’aperto e passare più tempo a divertirsi con gli amici.

Allora perché non dar loro la possibilità di prendere parte ad un campo estivo? Un Summer Camp (così come viene chiamato in inglese) è una full immersion linguistica che permette agli studenti di vivere una vacanza da sogno in cui faranno nuove amicizie, scopriranno una cultura diversa dalla propria e impareranno (o approfondiranno) una lingua straniera.

In base alla destinazione scelta o alla lingua che si vuole studiare, sul web si trovano ormai moltissime opportunità per partecipare a campi estivi. Quando effettuate una ricerca in rete, però, non dimenticate di utilizzare un VPN. La connessione VPN (Virtual Private Network) vi consente di navigare in internet in modo anonimo e in totale sicurezza, senza correre il rischio che i vostri dati personali vengano rubati o che il vostro dispositivo venga infettato da un malware. VeePN protegge la vostra privacy online, impedendo agli inserzionisti di vedere la cronologia di navigazione e altre attività, anche connettendosi attraverso una rete pubblica (generalmente più rischiosa per gli attacchi degli hackers).

Quali sono i vantaggi di partecipare ad un campo estivo?

I campi estivi sono un’ottima opportunità per bambini e ragazzi che vogliono sentirsi indipendenti e vivere una vacanza in totale autonomia, lontano dai loro genitori.

Studiare una lingua, inoltre, può rivelarsi per molti bambini o ragazzi un momento di frustrazione, noia o difficoltà, soprattutto con le belle giornate estive. Ammettiamolo: non tutti amano trascorrere il tempo sui libri e, se potessero scegliere, passerebbero sicuramente il tempo a divertirsi.

Ecco perché entrano in gioco i campi estivi: combinando il dovere ad una vacanza memorabile, studiare una lingua straniera diventa immediatamente più invitante!

Un campo estivo consente di migliorare le competenze linguistiche facendo attività ricreative, come lezioni di teatro, cucina o disegno, e scoprendo nuovi sport, come tennis, surf, basketball, rugby o golf. Interfacciarsi costantemente con una lingua straniera è, infatti, uno dei metodi migliori per apprenderla al meglio e riuscire a metterla in pratica nel quotidiano.

I migliori campi estivi in Italia

I campi estivi per apprendere una lingua straniera sono davvero moltissimi e avete l’imbarazzo della scelta. Ecco i nostri consigli per le mete all’estero:

  • PGL Adventure Holiday, con diversi campus sparsi nel Regno Unito, ognuno dedicato ad un’attività diversa (cucina, sport, avventura e molto altro);
  • Kingswood Camp, situati sempre nel Regno Unito, ma con lo scopo di insegnare ai ragazzi a vivere una vita sana e ad essere indipendenti, instillando in loro anche la curiosità di imparare nuovi hobby;
  • i campi estivi in Nord America organizzati dall’American Camp Association, basati sul team building e sulla vita di gruppo, elementi fondamentali per gli USA;
  • International Summer Camp Cooper, un campo estivo situato in Scozia ma che riprende anch’esso il modello americano. Organizza attività artistiche (musica, film, spettacolo e disegno), attività all’aperto e anche lezioni di danza e giornalismo.

Sicuramente recarsi all’estero ha molti vantaggi, ma se non ve la sentite di mandare i vostri figli troppo lontano da casa potreste considerare anche delle destinazioni in Italia, altrettanto valide.

Tra le mete italiane vi consigliamo:

  • il campo estivo del comune di Abbiategrasso;
  • il Summer Camp a Ronzone, organizzato dal British Institute di Trento;
  • quelli di Berlitz, che prevedono un apprendimento meno scolastico e vengono organizzati al mare e in montagna;
  • quelli di New English in Italy, in Valle d’Aosta e in Piemonte;
  • il Speak Teens Summer Camp in Emilia Romagna, per una full immersion nella natura delle Foreste Casentinesi;
  • il British Village a Cattolica, per un campo estivo sulle spiagge dell’Adriatico.

Se cercate un campo estivo in una zona non menzionata, non scoraggiatevi: sicuramente troverete l’occasione che fa per voi facendo un’accurata ricerca sul web.

pexels-photo-9302784.jpeg

La valigia perfetta per partire per un campo estivo

In aggiunta alle cose standard che si portano solitamente in viaggio, ci sono sicuramente degli elementi che potrebbero aiutare i vostri figli a vivere al meglio la vacanza estiva.

Primo fra tutti è sicuramente un quaderno per prendere appunti durante le lezioni e segnare tutti i concetti e le parole nuove che impareranno. Non vorrete certo che dimentichino tutto appena tornati a casa, no?

Per riuscire a mantenervi in contatto utilizzando tariffe vantaggiose, consigliamo invece di acquistare una SIM card locale con accesso alla connessione internet e/o chiamate abilitate all’estero. Con un piano telefonico potrete chiamarvi in qualunque momento, senza troppe limitazioni. Ricordate inoltre di proteggervi dagli attacchi dei criminali online installando un VPN sui dispositivi utilizzati.

In conclusione, partecipare a un campo estivo può rivelarsi un’esperienza indimenticabile: i vostri figli avranno l’opportunità di conoscere nuove persone da tutto il mondo e instaurare nuove amicizie che potrebbero durare una vita, potranno divertirsi facendo moltissime attività all’aria aperta (e non solo) e migliorando al tempo stesso le loro competenze linguistiche. 

Ti potrebbe interessare anche

Come crescere bambini e bambine avventurosi
Cosa vedere a Madrid con i bambini
Cosa vedere a Londra con i bambini
Vacanze green: cosa portare in ferie per rendere il soggiorno ecosostenibile
Gli audiolibri per bambini e famiglie da ascoltare in macchina!
Staycation, come passare le vacanze a casa divertendosi
Viaggi in famiglia: Paesi fuori dall’Europa a misura di bambino
Viaggiare senza stress con i bambini: 7 consigli
Come mantenere le routine anche in viaggio
Viaggiare in gravidanza, cosa tenere a mente
Dove andare quest’estate con i bambini, restando in Italia
Zaini porta-bambino per la montagna, quali sono i migliori
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg