I migliori musei per bambini in Italia

(Photo credit: FB Mart Rovereto)

Portare i bambini nei musei è una di quelle abitudini che dovremmo prendere sin da quando sono piccolissimi, in modo da fargli prendere confidenza con l’ambiente e trasmettergli l’amore non solo per l’arte e la cultura, ma per la curiosità in generale. Esistono moltissimi musei per bambini, e non solo per bambini (ma con attività ed esposizioni perfette per loro), diversi dai soliti Museo Egizio di Torino, Palazzo Reale di Milano o altre realtà meravigliose ma già più conosciute nei quali possiamo portarli, approfittando sia delle mostre permanenti sia di quelle temporanee. Soprattutto, possiamo affidarci alle attività didattiche per bambini che sempre più musei organizzano, tutti i giorni o nei weekend.

Ecco quindi la nostra selezione dei migliori musei nei quali portare i bambini, da Nord a Sud passando per le isole!

I migliori musei per bambini in Italia: una lista di realtà museali perfette nelle quali portare i nostri figli per immergerli nel mondo dell’arte e della scienza

MILANO

MUDEC

Il Mudec di Milano (Museo delle culture, in via Tortona) ci piace non solo per le mostre sempre interessantissime (recentemente ci sono stati Gauguin, Basquiat, Barbie Icon, e tra poco inaugurerà quella dedicata a Frida Kahlo) ma anche per l’esposizione permanente dedicata alle culture e per i laboratori didattici per le famiglie e i bambini. Sul sito troviamo la sezione dedicata alla didattica sempre aggiornata con le date delle attività. Possiamo ad esempio scegliere i laboratori sulle storie del viaggio, quelli sugli oggetti per la festa della mamma, la Caccia al Mudec con papà organizzata ogni anno in occasione della sua festa… E poi tutti i laboratori dedicati all’esposizione temporanea in corso (qui trovate quelli su Frida), che si compongono da una vivacissima visita animata per immergere i bambini nella particolare arte dell’autore e di laboratori per passare una domenica tutti insieme in famiglia al museo.
I costi dei laboratori variano a seconda dell’attività, mentre per l’ingresso al museo (che solitamente è comunque compreso nel biglietto del laboratorio) rimandiamo alla pagina delle tariffe.

MUBA

Del Muba di Milano, il Museo dei Bambini, vi abbiamo già ampiamente parlato. Un motivo c’è: è davvero il museo perfetto per i bambini, perché a loro misura e fatto apposta per farli divertire creando e imparando. Il Muba prende molto dalla filosofia didattica ideata da Loris Malaguzzi (il Reggio Approach) e ha quindi un messaggio ecologico, etico, estetico, educativo ed economico. Leggete quindi il nostro articolo dedicato al museo, oppure visitate la sezione dedicata.

MUSEO DEL GIOCATTOLO

Il Museo del Giocattolo e del Bambino si trova a Cormano (in un ex cotonificio) e a Santo Stefano Lodigiano, in un vecchio casolare sul fiume (esatto, ha due sedi). È aperto il sabato, la domenica e i festivi a Cormano (dalle 14.30 alle 18) e la domenica e i festivi a Santo Stefano Lodigiano (dalle 14.30 alle 19, prenotando) e il biglietto costa 6 euro (4 il ridotto).
I bambini possono qui ammirare vecchie bambole, soldatini, macchinine, carretti, libri per l’infanzia, riproduzioni del “Corriere dei piccoli”… Una carrellata di giocattoli dal Settecento al secolo scorso, che affascinerà i piccoli non solo per la bellezza degli oggetti ma anche per la storia che ci sta dietro: osservando infatti i giocattoli si può iniziare a capire il cambiamento della società nella storia.
Sul sito (http://www.museodelgiocattolo.it) possiamo trovare il calendario aggiornato dei laboratori organizzati per le famiglie (sia per la sede di Cormano che per quella di Santo Stefano Lodigiano).

12_big.jpg

(Foto)

TORINO

MUSEO DEL CINEMA

Si trova all'interno della Mole Antonelliana ed è fantastico non solo perché si trova proprio dentro al simbolo della città di Torino, ma perché visitandolo sembra di stare proprio dentro a tutti quei film che abbiamo di fornte! Stimolante e interattivo, il Museo del Cinema propone un percorso nella storia del cinema, con pellicole, manifesti e oggetti di scena, ma è anche una buona occasione per conoscere come avvenga la realizzazione dei film, scoprendo tutte le figure che vi lavorano. E poi c'è il magnifico ascensore panoramico per ammirare tutta la città! Visitarlo con i bambini è fantastico perché è davvero coinvolgente. Ci sono laboratori, visite animate, cacce al tesoro, lezioni, cineforum per i ragazzi e proiezioni mattutine dedicate alle famiglie con i bimbi più piccoli. Qui troviamo tutti gli appuntamenti aggiornati in questo senso! Il museo è aperto tutti i giorni tranne il martedì dalle 9 alle 20 e l'ingresso (compreso della salita con l'ascensore panoramico) costa 14 euro l'intero e 11 il ridotto (ma fino ai 5 anni è gratuito)

VENEZIA

PEGGY GUGGENHEIM COLLECTION

La Peggy Guggenheim Collection è uno tra i musei più belli e affascinanti per chi ama l’arte contemporanea. Se anche voi la apprezzate non potete non portare i bambini in questo ambiente favoloso, reso più accessibile e meno difficile da comprendere dalle attività proposte dal museo. Per i bambini, infatti, tutte le domeniche dalle 15 alle 16.30 sono in programma i Kids Days, laboratori gratuiti per bambini tra i 4 e i 10 anni per scoprire l’arte contemporanea facendone esperienza (basta prenotare obbligatoriamente per telefono, dalle 9.30, il venerdì precedente il laboratorio ai numeri 041 24.05.444/401).
Il museo è aperto tutti i giorni (tranne a Natale) dalle 10 alle 18 e il biglietto costa 15 euro (ma è gratuito per i bambini fino ai 10 anni e ridotto a 9 euro per ragazzi fino ai 26).

TRIESTE

IMMAGINARIO SCIENTIFICO

Immaginario scientifico è tra i musei dedicati alla scienza più ben fatti che abbiamo in Italia: è super interattivo, e oltre al museo è famoso per organizzare durante i weekend dei favolosi laboratori durante i quali i bambini si trasformano in veri scienziati (qui trovate tutte le attività aggiornate). Ma scienziati che lavorano anche attraverso la creatività! Le attività proposte sono ludo-didattiche, e cioè includono sempre una componente giocosa, divertente e creativa, che stimola tanto la creatività quanto le capacità logico-matematiche. È perfetto per appassionare i bambini alla scienza, facendo loro capire l’importanza dell’esperienza diretta per capire i processi fisici, chimici, creativi e naturali.
Anche il museo in sé è proprio bello: ci sono collezioni, installazioni multimediali, tecnologie, percorsi tematici, schermi coinvolgenti…
I laboratori costano 7 euro a bambino (incluso il biglietto al museo), mentre l’ingresso senza attività varia a seconda della sezione del museo che vogliamo visitare (“Kaleido” è gratuito mentre “Fenomena” costa 6/4 euro e “Cosmo” 3/2 euro). In inverno (da ottobre a maggio) è aperto la domenica dalle 10 alle 20 mentre in estate il sabato e la domenica dalle 15 alle 20.

481894_10152261568600386_1316514100_n.jpg

(Foto)

ROVERETO

MART

Il Mart è un altro bellissimo museo imperdibile per gli amanti dell’arte moderna e contemporanea. Si trova nel centro di Rovereto (bellissima città da visitare in famiglia) e oltre ad una bellissima collezione permanente propone sempre mostre temporanee imperdibili. Vicino, poi, c’è la Casa d’Arte Futurista Depero, fondata dallo stesso Depero per dissacrare il mondo museale (e anche per questo piacerà ai bambini!).
All’interno del museo è presente l’area Baby Mart, uno spazio permanente dove i bambini e i genitori possono giocare, disegnare o rilassarsi, nel quale ogni tanto hanno luogo i laboratori proposti dal museo. Ce ne sono per tutti, anche per le famiglie (si trovano qui): ci sono lezioni di approfondimento, itinerari, laboratori per sperimentare le tecniche artistiche, workshop, laboratori ludici e creativi
Il Mart è aperto dal martedì alla domenica dalle 10 alle 18 (e il venerdì resta aperto fino alle 21). Il biglietto costa 11 euro l’intero e 7 il ridotto, con possibilità di acquistare quello cumulativo per la famiglia a 22 euro.

AOSTA

FORTE DI BARD

Che figata il Forte di Bard: oltre al fascino che ha di per sé questo antico luogo militare, il Forte organizza per i bambini attività davvero fantastiche. Su tutte la simulazione della scalata del Monte Bianco, che i ragazzi possono provare percorrendo le sale del museo, scoprendo così le meraviglie dell’escursionismo, dell’alpinismo e delle scalate (capendo anche l’importanza della sicurezza!). Muniti di caschetti e imbracature, i bimbi organizzano per filo e per segno l’avventura, accompagnati da guide esperte e coinvolgenti.
Possiamo visitarlo dal martedì al venerdì dalle 10 alle 18 e nel weekend dalle 10 alle 19, pagando un biglietto intero di 6 euro e ridotto (fino ai 18 anni) di 4 euro. I bambini fino a 6 anni, poi, entrano gratuitamente!

GENOVA

LA CITTÀ DEI BAMBINI

La Città dei bambini si trova a Genova ed è nata vent’anni fa in collaborazione con l’omonima Cité des Enfants parigina. Su quel modello è sorta quindi questa realtà museale dedicata ai più piccoli (per bimbi dai 2 ai 12 anni) nella quale la scienza e la tecnologia possono essere scoperte attraverso il gioco. La Città dei Bambini è possibile visitarla dal martedì alla domenica dalle 10 alle 18 e il biglietto costa 5 euro per gli adulti, 7 euro per i bambini dai 3 ai 12 anni e 5 euro per i bambini di 2 e 3 anni (gratis i neonati fino ai 24 mesi).
Il percorso espositivo è super interattivo e vi troviamo una novantina di installazioni. Ci sono riproduzioni di boschi e fiumi, ma anche cantieri, pareti digitali su cui arrampicarsi… E poi laboratori per scoprire i misteri del mondo della fisica, della fisica, della scienza e della tecnologia attraverso attività pratiche e ludiche che coinvolgono dalla A alla Z i bambini.

ROMA

EXPLORA

Explora è il Museo dei Bambini di Roma ed è bellissimo perché è costruito come se fosse una città tutta loro, che in due ore possono girare e ammirare: ci sono la stazione con i treni, il supermercato (nel quale scoprire tutto ciò che c’è da sapere sui cibi), una cucina, una zona per imparare i pesi e le misure, un orto, il camion dei pompieri, percorsi tattili, aree gioco, una zona nella quale sperimentare il vento… Insomma, tutto è ricostruito a misura di bambino per lasciare che i piccoli sperimentino la vita adulta, scoprendone i segreti, giocando, proprio come un grande gioco libero e di ruolo di quelli che ci piacciono tanto.
È perfetto per i bambini di tutte le età, che hanno zone dedicate agli 0-3, ai 3-6 e ai 6-12 anni.
Explora di Roma si può visitare dal martedì alla domenica scegliendo uno degli ingressi (dal momento che i bambini hanno due ore per girovagare: i turni servono per far sì che tutti abbiano il proprio spazio senza sovraffollamento!): alle 10, alle 12, alle 15 o alle 17.
Il biglietto intero per i genitori e i bambini dai 3 anni in su viene 7 euro mentre i più piccoli (0-3) non pagano.

VIGAMUS

A Roma c’è anche il Museo del videogioco, il VIGAMUS. Non siamo super fan della tecnologia (quando abusata!) ma non siamo nemmeno delle talebane e in questo senso non è giusto nemmeno negare del tutto l’accesso ai nuovi giochi digitali. Questo museo è davvero fantastico, perché mostra la storia di un’attività ludica che riteniamo solo erroneamente nuova: il primo “videogioco” risale al 1958, e nel museo possiamo così ripercorrere la storia a partire da quel periodo. I bambini scopriranno moltissime cose, appassionandosi anche della tecnologia che sta dietro ai device (che indagata in questo modo, cronologicamente, diventa più semplice da capire) e noi genitori ci divertiremo a vedere i nostri “dinosauri”, i videogame anni Ottanta, Novanta e Duemila che credevamo scomparsi!
Il museo è aperto dal martedì alla domenica dalle 10 alle 20; l’intero costa 8 euro e il ridotto 5.

Schermata 2018-01-25 alle 16.30.21.jpg

(Foto)

NAPOLI

LA CITTÀ DELLA SCIENZA

La Città della Scienza di Napoli si trova in via Coroglio 57 e vale la pena assolutamente visitarla. È tra i pochi musei scientifici interattivi e al suo interno i bambini possono dialogare e toccare con mano la scienza e la tecnologia sperimentandole direttamente.
Al suo interno troviamo Corporea (il centro del Corpo Umano, favoloso!), un planetario e, a breve, una mostra interattiva dedicata al mare e un’Officina dei Piccoli, riservata ai bambini fino ai 10 anni. Ci sono poi il Villaggio della Dieta Mediterranea e della Biodiversità, un FabLab dei piccoli, una Casa degli Insetti e lo Spazio Galilei: c’è quindi davvero moltissimo!
Ogni mese ci sono eventi diversi (che possiamo tenere controllati su http://www.cittadellascienza.it/calendario-degli-eventi/). Ma anche la visita “semplice” al museo è già molto interattiva e laboratoriale: il biglietto intero costa 10 euro mentre il ridotto 7, e possiamo visitare la Città della Scienza dal martedì al sabato dalle 9 alle 17, e la domenica dalle 10 alle 19 (prenotando la visita sul sito del museo).

PALERMO

GAM

Alla GAM, Galleria di arte moderna di Palermo, troviamo l’arte figurativa italiana dell’Otto e del Novecento. È una bellissima galleria, in un antico luogo della città (il Complesso monumentale di Sant’Anna alla Misericordia) e propone opere favolose conosciute e meno conosciute. Tra gli artisti troviamo Giuseppe Sciuti, Francesco Lojacono, Antonio Leto, Ettore De Maria Bergler, Giovanni Boldini, Massimo Campigli, Felice Casorati, Mario Sironi, Renato Guttuso… È un museo classico, che ci piace proprio per questo: visitarlo in famiglia significa portare i bambini in un museo non “per bambini”, ma davvero meraviglioso, che offre anche la possibilità di visite su misura. In famiglia possiamo scegliere varie attività e percorsi, come i laboratori “Un menu ad arte”, “Se fossi uno scultore” o “Caccia all’opera”, tra gli altri. Le attività costano dai 4 ai 5 euro a persona e basta prenotarle a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (dopo aver dato un’occhiata a tutti i laboratori qui).
La GAM è aperta dal martedì alla domenica dalle 9.30 alle 18.30 e il biglietto intero costa 7 euro (il ridotto 5). La prima domenica del mese, inoltre, l’ingresso alla collezione permanente è gratuito!

NUORO

MUSEO DELLE MASCHERE MEDITERRANEE

A Mamoiada, in provincia di Nuoro, ecco il Museo delle maschere mediterranee, nato per mostrare al pubblico l’arte isolana delle maschere tradizionali, i Mamuthones o gli Issohadores, come quella del Carnevale. È quindi un museo particolarissimo che piace sempre molto ai bambini! Ci sono elementi multimediali come video per introdurre l’argomento, e poi sale dedicate alle diverse maschere. Anche qui troviamo varie attività per i bambini e le famiglie, come i laboratori o le domeniche al museo per le famiglie, che possiamo tenere d’occhio a questa pagina.
Il museo è aperto dal martedì alla domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18, e il biglietto costa 4 euro (per i bambini 2.50).

ths-artisti.jpg

(Foto)

 Giulia Mandrino

Ti potrebbe interessare anche

Zaini porta-bambino per la montagna, quali sono i migliori
L’attrezzatura da campeggio in famiglia
Visitiamo i musei da casa!
Le visite guidate per bambini per scoprire un’altra Milano
Imparare l’inglese direttamente in Inghilterra
Il Post Alpina Hotel, per una vacanza in famiglia nel verde
A Treviso il luna park senza elettricità!
Il Mercatino di Natale finlandese di Milano
Thule, per non rinunciare alle passioni outdoor
Il tempo delle mele, per una raccolta fai da te con i bambini
Banksy a Milano, dal 21 novembre una bellissima mostra
Rafting per bambini, bellissimo sport estivo
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg