Giethoorn, il paese senza strade

La chiamano la Venezia dei Paesi Bassi, ma secondo noi è molto, molto di più: un paesino senza strade, con case meravigliose, tantissimo verde e solo canali e sentieri, stradine e percorsi per passeggiate. Un piccolo paradiso per chi come noi ama le cose genuine e tradizionali e il verde, la natura e gli spazi aperti.

A noi sembra la meta perfetta per una vacanza in famiglia. Non trovate?

Giethoorn, il paese senza strade: nei Paesi Bassi il piccolo paese immerso nel verde per un viaggio di famiglia tranquillo e affascinante

Giethoorn si trova nei Paesi Bassi, immerso nel Parco Nazionale Weerribben-Wieden nella provincia dell’Overijssel. Al suo interno ci sono numerosissime fattorie tradizionali dai classici tetti coperti con canne, ma il suo bello non sta solo in questa caratteristica. Ciò che lo rende unico è il fatto che queste fattorie e case sono costruite esattamente sopra piccoli isolotti di terreno torboso. I collegamenti, quindi, sono formati da tanti, tantissimi ponticelli in legno (addirittura 170!), oltre che da piccole stradine e sentieri.

20131030_Giethoorn_Binnenpad.jpg

Gli olandesi amano vivere sull’acqua, e questo paesino è quindi un idillio. Ci sono fiumi, laghetti, boschi, canneti… La gente si sposta a piedi, ma soprattutto in barca, ed è per questo che una volta lì una delle attività migliori da svolgere è uno dei tanti tour in barca che gli abitanti propongono.

Le barche tipiche della zona si chiamano “punter”, sono molto strette (per passare in questi canali altrettanto stretti) e a condurle sono i “punteraar”, che utilizzano un bastone molto lungo. Anche per questo Giethoorn è detta “la Venezia dei Paesi Bassi”, con le sue gondole e i suoi gondolieri. Ma rispetto a Venezia è tutto un altro mondo: pochi turisti, genuinità, poco inquinamento, tanto, tantissimo verde.

Giethoorn_Netherlands_flckr02.jpg

Ma non ci sono solo barche: come in tutta la zona, sono moltissime anche le biciclette, che permettono agli abitanti e ai turisti di spostarsi attraverso le stradine e attraverso i ponticelli del diciottesimo e diciannovesimo secolo.

Per quanto riguarda i viaggi di famiglia, quindi, Giethoorn è davvero una meta azzeccatissima. Si possono fare passeggiate, tour in bicicletta (anche nelle zone circostanti), tour in battello o in “punter”. E poi ci si può fermare a rifocillarsi in uno dei ristoranti tipici affacciati sull’acqua, affascinanti, classici e deliziosi. Anche gli alberghi, come potrete immaginare, si affacciano sull’acqua, e sono quindi davvero meravigliosi. E alcuni addirittura offrono i servizi di noleggio biciclette e barche, per potersi spostare liberamente durante il soggiorno.

giethoorn-1387216146Dx9.jpg

Attorno a Giethoorn, poi, c’è tutta una bellissima zona ricca di cittadine tipiche e davvero carinissime, come Vollenhove e Blokzijl, Zwolle e Kampen, che come Giethoorn offrono passeggiate a metà tra la cultura e la natura, dal momento che al loro interno possiamo trovare gli edifici storici, i castelli e le chiese antiche, sempre con viste sull’acqua.

Giulia Mandrino

Ti potrebbe interessare anche

Come mantenere le routine anche in viaggio
Viaggiare in gravidanza, cosa tenere a mente
Dove andare quest’estate con i bambini, restando in Italia
Zaini porta-bambino per la montagna, quali sono i migliori
L’attrezzatura da campeggio in famiglia
Le visite guidate per bambini per scoprire un’altra Milano
Imparare l’inglese direttamente in Inghilterra
Il Post Alpina Hotel, per una vacanza in famiglia nel verde
A Treviso il luna park senza elettricità!
Vacanze estive: le migliori strutture ricettive in cui alloggiare
Il Mercatino di Natale finlandese di Milano
Thule, per non rinunciare alle passioni outdoor
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg