Il gioco dell’empatia

(Photo credit: Mockeri)

Quando parliamo di intelligenza emotiva, sappiamo che l’empatia vi ha un forte ruolo. L’empatia è la capacità di riconoscere lo stato mentale ed emotivo di chi ci sta di fronte, mettendosi nei suoi panni e agendo di conseguenza, con meno egoismo e con più voglia di trovare un punto in comune.

Anche se l’empatia è una capacità spesso innata, ciò non significa che non possiamo stimolarla. Attraverso il dialogo prima di tutto, e poi attraverso esercizi (anche divertenti) che rendono più comprensibile il concetto e che, soprattutto, diventano pretesti per provare a mettersi nei panni degli altri e per provare a capire le emozioni.

Il gioco dell’empatia: un semplice esercizio per stimolare l’empatia e raggiungere meglio l’intelligenza emotiva

Il gioco è molto semplice, e per iniziare abbiamo bisogno di qualche card rappresentante visi diversi e altre card che riportano le scritte “emotive”, ovvero gli stati d’animo o le situazioni. Ma vediamo meglio, in concreto.

Iniziamo ritagliando da giornali e riviste i visi che ci sembrano più espressivi. Dopo averli ritagliati, incolliamoli su cartoncini rigidi e colorati, in modo che sembrino esattamente delle carte.

giocoempatia0.jpg

Dopodiché stampiamo o scriviamo su altrettanti cartoncini altrettante frasi. Queste frasi dovranno essere relative alle emozioni, e quindi possiamo scrivere:

  • Ha mal di testa
  • È arrabbiato/a
  • È felice
  • È malinconico/a
  • Sta giocando e quindi è un ottimo momento
  • È preoccupato/a per i compiti o per il lavoro
  • Vuole un nuovo giocattolo
  • È eccitato/a perché domani è festa
  • Gli/le manca la sua nonna
  • È impegnato/a in un compito difficile
  • I suoi amici gli/le hanno portato un regalo
  • Sta imparando a scrivere
  • Vuole cucinare una torta
  • Ha fame e pretende la cena

E così via di seguito. Possiamo inventare qualunque situazione, anche specifica. In questo modo oltre a collegare le emozioni (e ricordiamoci che non ce ne sono giuste o sbagliate: i bambini leggono alla loro maniera; impareranno col tempo a riconoscerle in maniera corretta) i bimbi provano con la loro fantasia a inventare storie, stimolando la creatività oltre che l’empatia.

Possiamo procedere al gioco come vogliamo: pescando le facce da un sacchetto, oppure sistemandole tutte sul tavolo, o spargendole per casa come una caccia al tesoro (leggendo le emozioni e cercando il viso che si avvicina di più).

Per variare, possiamo anche stampare dei disegni più divertenti e strani (soprattutto all’inizio: i volti sono semplificati e stilizzati e spesso i bambini faticano meno nel riconoscimento).

giocoempatia1.jpg

(Mr Printable)

Oppure proviamo con le emoticons, che ora conoscono tutti e che si rivelano un ottimo strumento per insegnare emozioni, sentimenti e riconoscimento delle situazioni!

giocoempatia2.jpg

(Mockeri)

 Giulia Mandrino

Ti potrebbe interessare anche

Dobbiamo insegnare le emozioni ai nostri figli maschi
Come si fa la pasta di sale profumata
6 attività rilassanti e anti-rabbia per i bambini
7 esperimenti per bambini della materna
Come farsi raccontare dai figli com’è andata la giornata
Come incoraggiare i bambini a giocare da soli
Le costruzioni ecologiche che ci piacciono per costruire castelli e casette
“Colorama”, il campionario di colori più poetico che è anche un gioco e una mostra
10 idee per giocare con i Lego in maniera alternativa
myBoBox, lo stimolo della creatività e della fantasia arriva direttamente a casa!
L’empatia, una materia da insegnare a scuola
Sensibilità nei bimbi maschi, perché è ancora un tabù e perché dobbiamo cambiare le cose
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg