Il gioco dell’empatia

(Photo credit: Mockeri)

Quando parliamo di intelligenza emotiva, sappiamo che l’empatia vi ha un forte ruolo. L’empatia è la capacità di riconoscere lo stato mentale ed emotivo di chi ci sta di fronte, mettendosi nei suoi panni e agendo di conseguenza, con meno egoismo e con più voglia di trovare un punto in comune.

Anche se l’empatia è una capacità spesso innata, ciò non significa che non possiamo stimolarla. Attraverso il dialogo prima di tutto, e poi attraverso esercizi (anche divertenti) che rendono più comprensibile il concetto e che, soprattutto, diventano pretesti per provare a mettersi nei panni degli altri e per provare a capire le emozioni.

Il gioco dell’empatia: un semplice esercizio per stimolare l’empatia e raggiungere meglio l’intelligenza emotiva

Il gioco è molto semplice, e per iniziare abbiamo bisogno di qualche card rappresentante visi diversi e altre card che riportano le scritte “emotive”, ovvero gli stati d’animo o le situazioni. Ma vediamo meglio, in concreto.

Iniziamo ritagliando da giornali e riviste i visi che ci sembrano più espressivi. Dopo averli ritagliati, incolliamoli su cartoncini rigidi e colorati, in modo che sembrino esattamente delle carte.

giocoempatia0.jpg

Dopodiché stampiamo o scriviamo su altrettanti cartoncini altrettante frasi. Queste frasi dovranno essere relative alle emozioni, e quindi possiamo scrivere:

  • Ha mal di testa
  • È arrabbiato/a
  • È felice
  • È malinconico/a
  • Sta giocando e quindi è un ottimo momento
  • È preoccupato/a per i compiti o per il lavoro
  • Vuole un nuovo giocattolo
  • È eccitato/a perché domani è festa
  • Gli/le manca la sua nonna
  • È impegnato/a in un compito difficile
  • I suoi amici gli/le hanno portato un regalo
  • Sta imparando a scrivere
  • Vuole cucinare una torta
  • Ha fame e pretende la cena

E così via di seguito. Possiamo inventare qualunque situazione, anche specifica. In questo modo oltre a collegare le emozioni (e ricordiamoci che non ce ne sono giuste o sbagliate: i bambini leggono alla loro maniera; impareranno col tempo a riconoscerle in maniera corretta) i bimbi provano con la loro fantasia a inventare storie, stimolando la creatività oltre che l’empatia.

Possiamo procedere al gioco come vogliamo: pescando le facce da un sacchetto, oppure sistemandole tutte sul tavolo, o spargendole per casa come una caccia al tesoro (leggendo le emozioni e cercando il viso che si avvicina di più).

Per variare, possiamo anche stampare dei disegni più divertenti e strani (soprattutto all’inizio: i volti sono semplificati e stilizzati e spesso i bambini faticano meno nel riconoscimento).

giocoempatia1.jpg

(Mr Printable)

Oppure proviamo con le emoticons, che ora conoscono tutti e che si rivelano un ottimo strumento per insegnare emozioni, sentimenti e riconoscimento delle situazioni!

giocoempatia2.jpg

(Mockeri)

 

Ti potrebbe interessare anche

L’empatia, una materia da insegnare a scuola
Sensibilità nei bimbi maschi, perché è ancora un tabù e perché dobbiamo cambiare le cose
Come rispondere alla tristezza dei bimbi che si sentono rifiutati dagli amici
L’aborto spontaneo, perché se ne parla ancora troppo poco
Giocare alle frazioni
La didattica esperienziale
“What real men cry like”, progetto fotografico che può cambiare il mondo
Le busy bag Montessori
Rifare da capo, ovvero come trasformare una giornataccia
I giochi e le attività invernali per bambini
“Uffa! Non sono un coccodrillo! Mi chiamo Alfonso e sono un alligatore”
Come tenere impegnati i bambini con i giochi sensoriali

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter