Perché ci piace guardare le Olimpiadi con i bambini (e perché è educativo!)

L'educazione non è qualcosa di statico e lineare. Non è qualcosa di preciso e non ha regole definite. A volte l'educazione càpita. Càpita perché possiamo trarre insegnamenti da quello che la vita ci offre e da quello in cui ci imbattiamo un po' per caso: il Covid, ad esempio, è stato un periodo che ha messo alla prova duramente, offrendoci allo stesso tempo diversi spunti di riflessione.

Un altro esempio? Le Olimpiadi, che ogni quattro anni (stavolta ne sono passati cinque!) ci permettono di vedere in tv tutto il bello dello sport nelle sue sfaccettature migliori. Perché guardare le Olimpiadi con i bambini è educativo? Ecco tutti i motivi (e non solo perché è emozionante e coinvolgente!).

Nello sport è importante la disciplina

Se da un lato è giusto e doveroso lasciare che i bambini si esprimano come preferiscano e crescano seguendo le loro inclinazioni e tendenze naturali, è innegabile che la disciplina è fondamentale per una crescita sana e armoniosa, soprattutto quando intesa non come costrizione autoritaria, ma come auto-regolazione verso qualcosa di positivo. Lo sport, in questo, è un esempio positivo: gli atleti alle Olimpiadi hanno fatto loro questa filosofia!

Si scoprono sport minori e bellissimi

Non esistono solo il calcio e la pallavolo, eppure i bambini tendono a scegliere le attività più mainstream. Durante le Olimpiadi si scoprono la scherma, il judo e la arti marziali, la ginnastica artistica, lo skate (esatto! Lo skateboard è una disciplina olimpica!), l'atletica leggera, il ciclismo, l'hockey, il canottaggio, l'arrampicata sportiva, la ginnastica acrobatica...

Si tifa l'Italia, ma si scavalcano anche i confini

Certo, è bellissimo vedere l'Italia che trionfa. Ma alle Olimpiadi trionfa lo sport ed è facile tifare per atleti di una nazionalità diversa dalla nostra perché ci piacciono particolarmente! Viva il mondo aperto.

Ci ci può appassionare alla storia

Le Olimpiadi possono anche diventare pretesto per parlare di storia e di civilità, introducendo la storia dei giochi olimpici che nacquero in Grecia nel 776 avanti Cristo.

Si impara l'universalità

L'universalità è un pilasto delle Olimpiadi, a cominciare dal simbolo: i cinque cerchi intrecciati rappresentano infatti i cinque continenti.

Sono giochi (abbastanza) inclusivi

La ginnastica artistica non è praticata solo da femmine, il calcio non è solo per uomini. Unica pecca: la parità non è ancora raggiunta, se pensiamo che, ad esempio, il nuoto sincronizzato olimpionico è solo per donne (non è previsto nemmeno il misto...).

Ti potrebbe interessare anche

Lasciali litigare: l'importanza di risolvere i conflitti fin da piccoli secondo il mimamoru
I benefici del judo per i bambini
Bambini e bugie: il metodo educativo per far crescere bambini sinceri
"Spegni la tv": come evitare che i bambini passino troppo tempo davanti allo schermo con 10 attività divertenti
“Sono gay”: come supportare il coming out di un figlio o di una figlia?
Bambini che rubano: che fare?
L’educazione empatica, ovvero la collaborazione al posto dell’imposizione
I pattini sono di nuovo alla moda, e noi ne siamo felici
Bambini, come sviluppare e favorire la concentrazione
Crescere bambini femministi: ecco i libri da leggere
10 cose che facevano i nostri genitori negli anni Novanta (e che noi MAI faremmo!)
Come parlare ai bambini delle notizie spaventose
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg