Cosa farò da grande? I lavori ecologici del futuro

L'orientamento? Solitamente parte dalle scuole medie, quando i ragazzi e le ragazze si trovano a dover fare la scelta della scuola superiore. Liceo? Istituto tecnico? Istituto professionale? In quel momento, c'è chi ha già le idee molto chiare (pochissimi, a ben vedere!) e chi invece non ha la minima idea di cosa vorrà fare da grande. Semplicemente, ci si concentra sulle proprie attitudini e sulle materie preferite. Ma se i ragazzi e le ragazze sapessero quali lavori li aspettano, farebbero una scelta più mirata?

Chissà. L'importante è conoscere le proprie opzioni, in modo da fare scelte precise (quando si conosce già la carriera da inseguire!) o più malleabili (quando restano molti dubbi). In particolare, è bene conoscere i lavori e le professioni a cui si può aspirare in base alle proprie passioni e ai propri interessi.

Ad esempio: quali saranno i lavori green del futuro? Quali sono le posizioni professionali che permettono di dare un contributo positivo al pianeta? Ecco i lavori green più richiesti e gettonati (oggi e in futuro) e le competenze da acquisire per cominciare fin da subito a costruirsi una carriera.

L'ingegnera e l'ingegnere

In generale, ingegneria è una materia innovativa che punta all'aggiornamento costante. E dato che le materie si aggiornano di pari passo con ciò che accade nel mondo, è molto probabile che gli ingegneri e le ingegnere del futuro si concentreranno sulle nuove tecnologie green, sui materiali sostenibili e sulle costruzioni e applicazioni con meno impatto ambientale, così come sulla nuova mobilità elettrica o verde in generale (ovvero: progettano auto che non inquinano!).

pexels-photo-9799997.jpeg

L'architetto o architetta verde

Non un semplice architetto o una semplice architetta: il lavoro del green architect si concentra proprio sulle costruzioni e sugli ambienti disegnati per avere un basso impatto ambientale, come spazi con giardini interni e verticali che compensano le emissioni, impianti sostenibili e materiali rinnovabili.

Per diventare architetto o architetta è necessario laurearsi in architettura. Le scuole superiori più indicate? Un istituto tecnico per geometri oppure il liceo scientifico o quello artistico.

L'agronomo o agronoma

Importante figura per il settore agroalimentare, l'argonomo è la figura esperta di agricoltura e agronomia, un professionista che viene richiesto in moltissimi ambiti e che può consigliare le tecniche più innovative e green per rendere i consumi alimentari e di materie prime molto più sostenibili. In questo caso, è consigliato scegliere un liceo con indirizzo agrario, per poi orientarsi su università di settore.

pexels-photo-5231143.jpeg

L'event planner

Cosa c'entra l'organizzazione di eventi con l'ecologia? A quanto pare molto, perché una figura sempre più richiesta, soprattutto per i grandi eventi, è l'event-planner specializzato in green-economy, ovvero il professionista o la professionista che può aiutare ad organizzare feste, concerti ed eventi in generale tenendo un basso impatto ambientale, grazie a scelte sostenibili a partire dall'energia utilizzata fino agli oggetti dati in dotazione al pubblico, come piatti, bicchieri e strumenti vari.

In questo caso non c'è un percorso di studi preciso, ma è consigliato formarsi tanto sull'organizzazione di eventi, quanto sull'ecosostenibilità, con corsi dedicati o master appositi.

L'oceanografo o oceanografa

Chi studia gli oceani e i mari è l'oceanografo, che mappando i fondali e indagando la vita marina può tenere monitorato lo stato di salute dell'acqua e, di conseguenza, della Terra tutta.

Il chimico o la chimica industriale

Le industrie sono tra le prime cause dell'inquinamento mondiale. Saranno dunque loro a doversi modificare e adattare alla nuova green economy, e per farlo si dovranno affidare a personale qualificato che le guidi nella transizione green. In questo senso, chi studia chimica può diventare il professionista ideale a cui rivolgersi: saprà valutare lo stato operativo delle fabbriche indicando cosa fare in termini di smaltimento dei rifiuti, utilizzo di materie prime più sostenibili e rinnovabili e individuando tutti gli altri passi per trasformarsi in azienda verde. I chimici e le chimiche saranno quindi figure professionali davvero fondamentali in futuro, soprattutto quando le norme saranno più stringenti e precise.

L'ecomanager

In generale, chi si occupa di portare l'azienda verso lidi più verdi è il green manager, figura che studia a fondo le imprese e idea un piano strategico per renderle più ecologiche e sostenibili. Anche in questo caso non vi è una laurea o una carriera educativa specifica, ma è bene prepararsi al meglio sugli aspetti più importanti. Ingegneria, quindi, è una buona base, ma anche giurisprudenza (per studiare a fondo le normative). Sarà poi necessario mantenersi sempre aggiornati sulle novità, le regole, i materiali, le statistiche... Diventando, così, una figura fondamentale e insostituibile per le aziende.

pexels-photo-6347900.jpeg

L'installatore o installatrice di impianti sostenibili

Fotovoltaici, ma non solo: l'energia domestica si sta facendo sempre più verde e sostenibile e saranno sempre di più le richieste di installazioni di nuovi impianti a basso impatto ambientale. Frequentando un buon istituto tecnico o professionale, i ragazzi e le ragazze potranno apprendere le nozioni base, per poi specializzarsi una volta entrati nel mondo del lavoro.

Ti potrebbe interessare anche

Cosa farò da grande? I lavori più richiesti nel futuro
Cambiamento climatico: cos'è e come spiegarlo ai bambini
Carne e bambini: se sapessero che si tratta di animali, la mangerebbero?
Microplastiche nella pupù dei bambini: cosa significa e come mettersi ai ripari
Vacanze green: cosa portare in ferie per rendere il soggiorno ecosostenibile
Le piante che devi tenere in casa per depurare l'aria
I pannolini Lillydoo sono anche ecologici
Gli italiani? Sono green, ma in pandemia un po’ meno
Come ridurre la plastica nella vita quotidiana
Estate green: i consigli per viverla rispettando l’ambiente
Il lockdown ha portato anche ad un abbandono delle buone pratiche ecologiche
Dalla spesa ponderata a luce e gas: 5 abitudini per essere più green in cucina
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg