Bollire: i vantaggi, i benefici e i contro in cucina

Bollire rientra tra i metodi di cottura più tradizionali, e non solo quando parliamo di bollito (ovvero della carne cotta in acqua bollente, tipica in molte zone d’Italia). Bollire le verdure e altri cibi in acqua bollente (ovvero attorno ai 100 gradi centigradi) è un modo di cuocere tra i più sani, che permette di utilizzare meno grassi, di rendere più digeribili gli alimenti e di conservare più a lungo i cibi.

Ecco quindi tutti i vantaggi e i benefici della bollitura, insieme agli svantaggi e ai contro.

Bollire la carne

Probabilmente, tutti sanno come bollire la carne. Ma sapete qual è la differenza tra carne bollita e carne lessa? La carne bollita la si prepara cuocendo il pezzo di carne in acqua bollente, quando l’acqua è già calda, mentre la carne a lesso la si ottiene immergendo il pezzo quando l’acqua è ancora fredda, e quindi a inizio cottura.

Il tempo di cottura varierà a seconda del taglio, del tipo di carne e della ricetta.

Bollire le verdure

Anche le verdure possono essere cotte tramite bollitura: basta immergerle in acqua bollente e lasciare che il calore le cuocia e le ammorbidisca.

L’acqua che bolle può essere usata tuttavia anche solo per sbollentare le verdure (sia surgelate, sia fresche), per ammorbidirle solo un attimo prima di procedere con la cottura prevista.

Lesso o bollito: cosa cambia a livello nutrizionale

Quando lessiamo un alimento, questo, nel momento in cui viene immerso nell’acqua fredda, rilascia nell’acqua il sapore e i nutrienti. Ecco perché la carne o le verdure risultano più saporite, così come il brodo che si ottiene.

Bollire quando l’acqua è già a 100 gradi, invece, permette di mantenere maggiormente le sostanze nutritive.

I benefici della bollitura

Bollire i cibi è ritenuto benefico per diversi motivi, e su tutti per la leggerezza della cottura, che non prevede burro né olio e che risulta quindi meno grassa. Anche il sale può essere ridotto, grazie allo scambio di sapore tra i cibi e l’acqua di cottura. Bollire gli alimenti li rende, inoltre, più digeribili (soprattutto nel caso di amidi e proteine, come quando cuociamo la pasta o le patate).

Vengono, inoltre, uccisi tutti i microorganismi che potrebbero trovarsi nel cibo, che diventa quindi molto più sicuro (pensiamo alle verdure in gravidanza).

La bollitura aumenta, infine, la biodisponibilità di ferro e di carotenoidi.

Bollire: i contro

A causa della temperatura così alta, soprattutto nel caso dei cibi vegetali le vitamine (soprattutto quelle idrosolubili come la C e quelle del gruppo B) si dissolvono e si dispendono. Lo stesso vale per certi composti e certi nutrienti (come antocianine e glucosinolati), che si riducono di moltissimo durante la bollitura.

Ti potrebbe interessare anche

Idee di condimenti per la pasta con le verdure
Il mio tour da Orogel, azienda di cui mi fido
Pasta e zucchine
Purè di carote
6 ricette di cus cus per primavera
Stufato di verdure alle spezie
Vellutata di funghi, cavolfiore e porro
Frittata nelle formine, per riciclare le verdure
Vellutata verde di erbette, cavoli e patate profumata al timo
Polpette di verdure
Polpettone di verdure
GoHealthy di Hotpoint, per una cucina sana e gustosa
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg