La festa di San Martino

La festa di San martino, che cade l’11 di novembre ed è conosciuta anche come “estate di San Martino”, è una ricorrenza autunnale molto sentita e festeggiata nelle scuole steineriane,  dove i bambini si divertono a progettare e a realizzare lavoretti a tema, come le lanterne luminose, per ricordare la fredda notte d’inverno in cui San Martino si levò il suo mantello per offrirlo a un mendicante infreddolito.

Ecco allora la festa di San Martino: la storia di un uomo buono che insegna ai bambini i valori della fratellanza e dell’altruismo.

Ormai è autunno inoltrato, inizia a fare freddo e le giornate sono sempre più corte, e quale periodo migliore per divertirsi con i bambini a realizzare lanterne luminose e lavoretti a tema? È quello che in questo periodo d’autunno succede a scuola, dove la ricorrenza di San Martino è molto sentita e diventa un’occasione per stimolare la creatività dei bambini con lavoretti creativi e manuali.

Ma che cos’è la festa di San Martino? E perché si festeggia? Per rispondere a questa domanda dobbiamo prima raccontarvi l’antica leggenda di questo santo, che tutti conoscono come una figura buona ed esempio di altruismo.

Era l’11 novembre di una notte fredda, buia e ventosa e un cavaliere avvolto nel suo mantello di guerriero stava percorrendo la sua strada, quando all’improvviso incontrò un povero mendicante, infreddolito e coperto di soli stracci. Martino, il prode cavaliere, rimase molto colpito dalla sofferenza dell’uomo e per questo decise di tagliare metà del suo mantello con la spada e offrirla al povero mendicante. Martino proseguì per la sua strada, sotto la pioggia battente e il forte vento, ma a un certo punto le nubi, si diradarono, smise di piovere, l’aria diventò mite e il sole fece capolino tra le nubi, come se fosse un giorno d’estate. Durante la notte, Martino fece un sogno; gli angeli lo ringraziavano per la metà del mantello donato, quasi a fargli capire che il mendicante era uno di loro.

Ed ecco spiegato perché la festa di San Martino è anche conosciuta come “estate di San Martino”. Ancora oggi, si pensa a questa festa come a un periodo dell’anno in cui, a seguito dei primi freddi, si può godere di qualche giorno di tepore e di sole.

Durante l’estate di San Martino, che in genere dura circa tre o quattro giorni, si assaggia anche per la prima volta il vino novello e da qui il detto: “A san Martino ogni mosto diventa vino!”.

Scopri come creare le lanterne luminose con il tuo bambino in maniera semplice ed economica!

La redazione di mammapretaporter.it

Ti potrebbe interessare anche

10 modi per portare il metodo Waldorf in casa
La grande trasformazione dei sei anni del bambino
Le 6 scuole italiane da imitare
10 cose che solo gli steineriani capiranno

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

rassegna