CoderBot, il robot per studiare il futuro fin da piccoli

Ormai non bastano più le materie tradizionali. E non parliamo solo di metodi didattici necessari che comprendano sempre più esercizi mirati all’intelligenza emotiva o sociale. Anche gli argomenti, ormai, sono sempre più vari e guardano ai nuovi lavori, alle nuove professioni meccaniche e digitali.

Il coding, ad esempio, è sempre più studiato, e non solo all’università. Programmare è una delle competenze più ricercate sul lavoro, e chi presto comincia è già a metà dell’opera. Per questo alcune scuole (già dalle elementari) si stanno adeguando e per questo nascono molti corsi per bambini che vogliono imparare a programmare robot e software.

In questo senso esiste un piccolo robot pensato proprio con questo obiettivo in testa: si chiama CoderBot, è realizzato dall’Università degli Studi di Milano Bicocca e ora vuole migliorare, grazie ad una raccolta fondi online alla quale vi invitiamo a partecipare.

CoderBot, il robot per studiare il futuro fin da piccoli: perché è importante approcciarsi a questa materia fin da piccoli e come aiutare l’Università Bicocca a creare un robot perfetto per la didattica interattiva

CoderBot è un robot carinissimo. Ma non è solo carino, ma anche iper utile. Questo piccolo robot è infatti pensato per la didattica: i ragazzi dai 6 ai 14 anni possono utilizzarlo per imparare a programmare. CoderBot ha infatti una telecamera, dei sensori di distanza, un microfono e un altoparlante e può muoversi parlando ed emettendo suoni.

Sembra qualcosa di fantascientifico o troppo all’avanguardia, troppo tecnologico. Ma non lo è. È molto importante, perché attraverso il suo utilizzo i ragazzi non impareranno solo a programmare e ad usare il piccolo robot, ma utilizzandolo e ragionando attorno ad esso acquisiranno competenze di ragionamento e metodi utilissimi per l’apprendimento quotidiano in ambito scientifico (ma non solo). Strumenti che poi potranno utilizzare a scuola e nella vita in mille modi.

2.2.jpg

A realizzarlo sono stati Edoardo Datteri (del RobotiCSS Lab dell’Universitа di Milano-Bicocca), Leonardo Mariani (docente Bicocca di Ingegneria del software) e Roberto Previtera (Project Manager, intelligenza artificiale e robotica).

CoderBot (che nella sua versione base è già operativo) ha però (per ora!) un limite: il range d’età dei possibili fruitori va dai 6 ai 14 anni. Una fascia d’età molto ampia: con esso, dunque, ora possono imparare l’ingegneria i bambini e le bambine di prima elementare e i ragazzi ai primi anni delle superiori allo stesso modo, senza distinzione.

L’obiettivo dei ricercatori è dunque quello di realizzare un nuovo robot molto più efficiente, più semplice e performante, che possa essere personalizzabile in base all’età dei ragazzi, così che gli insegnanti possano modificare i programmi a seconda della classe di insegnamento e degli obiettivi.

coderbot.jpg

Naturalmente il progetto è abbastanza costoso. Per questo gli ideatori hanno lanciato, il 19 febbraio 2018, una campagna di crowdunding, e cioè una raccolta fondi popolare online. Vogliono raggiungere l’obiettivo di 5.000 euro da investire nel nuovo software di CoderBot, e per farlo chiedono il contributo di tutti. Ognuno può versare quanto vuole, e a seconda della somma riceverà una ricompensa di ringraziamento (come una T-shirt o la possibilità di partecipare ad un workshop formativo proprio su CoderBot; addirittura, con somme più alte si riceverà in dono un CoderBot - un utile investimento!).

Per aiutare i ricercatori, basta andare sulla piattaforma di crowdfunding DeRev e seguire le istruzioni! Ad oggi hanno raccolto circa il 30% del necessario. Mancano 54 giorni al termine!

Ti potrebbe interessare anche

“La via del metodo analogico”, il libro di Camillo Bortolato
La Didattica Costruttivista in un libro prezioso
“Bambino Volante”, un libro che ha bisogno del nostro aiuto!
6 metodi didattici da prendere in considerazione
La classe capovolta, una rivoluzione d’insegnamento che ci piace
Il Circle Time, un metodo educativo che stimola l'inclusione
Una pre-scuola perfetta in Australia: l’Early Learning Center
Fa bene contare con le dita?
8 libri di storia dell'arte per bambini

Schermata 2018 06 15 alle 12.36.52

 

 

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter