La barbabietola rossa, proprietà e come cucinarla

Le verdure di questa stagione ci piacciono moltissimo, ed è quindi importantissimo approfittarne ed utilizzarle al meglio. Tra queste, ai primi posti sta certamente la barbabietola rossa, un colorato tubero che spesso si conosce poco ma che per il suo sapore e, soprattutto, per le sue tonalità, è un ingrediente che può tornare utilissimo per fare mangiare ai bambini le “odiate” (sigh!) verdure!

Vi presentiamo la barbabietola rossa, proprietà e come cucinarla: le proprietà e le caratteristiche di questa rapa buonissima e colorata

Partiamo con l’elencare velocemente le proprietà (importantissime!) della barbabietola rossa. Innanzitutto l’acqua, che aiuta a idratarci: la barbabietola, infatti, è composta per il 90% da acqua, e grazie ad essa è possibile quindi combattere la ritenzione idrica senza abbuffarci di liquidi.

In secondo luogo la barbabietola è ricchissima di fibre (sia solubili sia insolubili), alleate dell’intestino ma anche dell’organismo in generale, dal momento che aiutano a tenere sotto controllo sia il colesterolo sia lo zucchero nel sangue. La rapa è anche piena di sali minerali, ed è quindi indicata in quei momenti in cui soffriamo di carenze di ferro, sodio, potassio, calcio e magnesio.

Anche le vitamine del gruppo B (fondamentali soprattutto quando si segue una dieta veg) non mancano: le B1, B2, B3 e B6 della barbabietola aiutano a rinforzare il sistema immunitario, ma soprattutto quello digestivo e il metabolismo.

Altri elementi contenuti e fondamentali per la buona salute sono la vitamina C e la vitamina A, ma anche i folati (quelli indispensabili in gravidanza ma utili anche nella vita quotidiana) e gli antiossidanti che contrastano l’invecchiamento cellulare.

Insomma, la nostra rapa rossa è una miniera di salute, no? Ma allora come integrarla nella nostra cucina?

La maniera più semplice per assumere questo tubero benefico è grattugiarla sui nostri piatti. Basterà quindi grattarne un po’ nel piatto di insalata, aggiungendo un po’ d’olio e limone, per gustarne dolcemente il sapore e per beneficiarne.

Buonissime sono poi le barbabietole lessate, tagliate a pezzetti e condite: insomma, come la verdura cotta anche la barbabietola può essere tuffata in pentola per essere gustata in tutta la sua bontà condita con olio, aceto o limone.

Anche nei succhi questo tubero rosso è buonissimo: con i suoi antiossidanti e il suo altissimo contenuto di acqua è perfetto per disintossicarsi, e noi lo abbiniamo sempre ad un altro ingrediente invernale, e cioè il litchi. Avete provato il nostro succo barbabietola rossa e litchi

Colorato e sfizioso (si colora di rosa, quindi piace anche ai bimbi!) è poi l’hummus di barbabietola, a base di salsa tahini (ve ne abbiamo parlato proprio poco fa). Frullate 200 grammi di barbabietola lessata con 200 grammi di ceci già cotti, mezza cipolla rossa e tre cucchiai di tahina, aggiungendo anche il succo di mezzo limone e (al bisogno in base alla consistenza) un po’ d’acqua. Vi assicuriamo che è buonissimo, e sarà perfetto per accompagnare qualsiasi secondo piatto o antipasto.

Infine, ricetta super invernale adatta a questi climi rigidi è certamente la vellutata di carote e barbabietola: è perfetta sia per chi ama la rapa sia per chi non è estasiato dal suo sapore, poiché la carota riesce un po’ a mascherarlo

Ti potrebbe interessare anche

Le varietà di zucchine
Gelatine di frutta con l'estrattore
Le varietà dei pomodori
Smoothie ai lamponi
Ghiaccioli al latte di mandorla
10 idee di Buddha Bowl
Girelle di frutta con l'essiccatore
Insalata di pollo, sedano e pecorino
5 idee di tisane mangia e bevi
Insalata di riso nero con feta, noci e melograno
Le proprietà del cibo passano anche dal colore
9 idee per stuzzichini di frutta perfetti per le feste!

banner 300x250chebuoni

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter